CategoryV3

TEST: Imaging Analysis con lo White’s Spectra V3i


spectra_v3iCome annunciato un paio di settimane fa, ho deciso di iniziare a pubblicare uno studio che sto personalmente effettuando circa le possibilità di effettuare un analisi di tipo “IMAGING” (per immagini) con il White’s Spectra V3i. Ovviamente non si può pretendere la precisione ed il rigore delle analisi Imaging professionali ottenute attraverso il campionamento di dati RAW (grezzi) direttamente dalle elettroniche del detector come si possono trovare in alcune pubblicazioni scientifiche, specie quelle dedicate agli studi degli impieghi dei metal detector per operazioni umanitarie di sminamento (Si vedano i lavori dell’EUDEM et alii).

Premessa metodologica

Chi possiede uno Spectra V3i forse già sa che una delle modalità di rappresentazione grafica più interessanti è il cosiddetto SCAN GRAPH o semplicemente SCAN. Questo tracciato si può attivare sia nel Live Search che nel PinPoint o nell’Analysis Screen. In sostanza questo grafico permette di visualizzare l’intensità di segnale delle frequenze utilizzate (mono o multifrequenza) e il suo variare nel tempo. Il grafico infatti scorre con certa una velocità (programmabile) permettendo di poter vedere come l’intensità del segnale cambi durante le varie spazzolate. Continue Reading


TEST: Prova Tecnica della DETECH SEF 6”x8” per White’s


coil-detech-6x8 Come ho annunciato qualche giorno fa, il nostro Vice-Direttore Mauro/”Mauroki”, approfittando della gentile disponibilità di Sergio/”Xergix”, ha potuto fare la prova della piastra Detech SEF 6″x8″ sul suo White’s Spectra V3i.

Prima di lasciarvi alla lettura del suo interessante articolo, va premesso che la piastra in questione nasce per i modelli White’s MXT/MXT PRO, DFX e M6 e che la compatibilità con il V3i non è totale al 100% essendo questa SEF “NON V-NULLED” ovvero non perfettamente calibrata per le 3 frequenze dello Spectra. Rimane comunque possibile utilizzarla con soddisfazione anche su questa macchina anche se, giova ripetere, sarà necessario attendere una versione specifica per avere il massimo delle prestazioni.

Buona lettura e Buona ricerca!

Leonardo/”Bodhi3″

Director AMDTT

——————————————–

TEST: Prova Tecnica della DETECH SEF 6”x8” per White’s MXT/MXT PRO/DFX/M6

di Mauro/”Mauroki” (c) 2013 for AMDTT

Da sinistra a destra: la SEF 6"x8, la D2 e la SEF 12"x10"

Da sinistra a destra: la SEF 6″x8, la D2 e la SEF 12″x10″

Stavolta ho proprio approfittato di Sergio …. gli ho soffiato la SEF che monta sul suo amato MXT . Volevo effettivamente testare la “piccolina” per vedere se valeva la pena prenderla seppure non sia V-Nulled…

In effetti non mi spiego le scelte della casa madre di non fare anche la “piccola” in versione V-Nulled (Nota di Bodhi3: come invece ha già fatto con la 12″x10″)

Nel complesso la 6”x8” è ben costruita; il copri piastra è ben fatto e aderisce perfettamente alla base della testa di ricerca pur rimanendo facilmente rimovibile.

Continue Reading

INTERNATIONAL: Detech SEF 12”x10” V-Nulled Edition for White’s Spectra V3/V3i/VX3


Since today, AMDTT will publish a selection of its articles not only in Italian but in English language too! We want to reach our foreign readers and friends and we hope you’ll enjoy our efforts…

Best Regards,
Leonardo “Bodhi3”
Director AMDTT

——————-
Detech SEF 12”x10” V-Nulled Edition for White’s Spectra V3/V3i/VX3 

Written by Mauro “Mauroki”

Edit & Tech Notes by Leonardo “Bodhi3”
Translation by Massimo “Gladiatore”
(c) 2012 – Advanced Metal Detecting Technical Team

Well….I wanted to make a Christmas gift to myself….

The opinions in the international forum and the various reviews were disagreeing and furthermore I did not want a “white-coloured” Detech SEF (Symmetric Electromagnetic Field) V-NULLED which could bring me into the same problems I had with my old SEF on my Spectra V3i (Leonardo ”Bodhi3” Techninal note: the previous versions, suitable for White’s DFX, MXT and M6 did not allow to get best effiency on Spectra due to the “nulling” which is not optimized for the 3 frequencies the Spectra is supposed to work. It was possible to use the old  SEF with a single frequency 2,5 Khz, 7,5 Khz or in multi-frequency but decreasing the sensibility quite considerably. The use of 22,5 Khz frequency gives really big stability problems and basically could not be used).

I have taken a look at Detech website and I’ve discovered they still don’t have the V-nulled coil in their catalogue yet. Then I decided to contact the Bulgarian manufacturer and supplier who  posted a sale information (very nice and reliable person) who assures me that the coil is really a V-NULLED one and should then be perfectly suitable and optimized for Spectra. I was getting more and more excited ! I then decided to send the purchase order ……

After 4 days the parcel arrives with no problems. The SEF coil is packed in its usual box bearing the Detech logos. As soon as I opened the box, I’ve seen its white colour and I didn’t get so crazy about that. The white colour makes it appearing larger than it is. (Bodhi3’s Tech note: the white coloured coils  has got the advantage to not absorb ultra-violet rays as much as black coloured ones and subsequently it gives a lower temperature to the coil. This allows to reduce internal coils’ induction balance drifts due to temperature increases related to direct sunlight giving a better stability to the metal detector).  I have to say it is really well manufactured. The coil cover, available both in black or white colour is fine and fit perfectly to the coil bottom but can be easily removed when necessary for washing or substitution. Considering I have been using the coil for more than two months and not always in a “gentle” way, I can say it is really sturdy and tough !!

 Some technical features:

–          Detech SEF 12”x10”: Butterfly “00”. (Double 0) type coil

–          Total weight, including cable and coil cover,580 g(White’s D2 is 525 g.  )

–          The cable has got the same length as White’s D2 coil

–          Metal connector (not die-casting) .

–          Overall dimensions:   12”x10” inches – 25 x31 cm.(White’s D2 diameter is10”inches -25,5 cm.)

Once fitted on Spectra, after using to the stock D2 coil since I’ve bought the detector, I did not actually realised that the SEF is slightly heavier than the D2 as the DETECH coil is really well balanced thanks to the central connection point to the lower shaft.

I didn’t resist too much and started to make some air test suggested by White’s (Bodhi3 Tech Note: Three Frequency or 22.5 KHz Monofrequency Operating, Rx-Gain: 15, Discrimination Sens: 90 and TXBoostON) to check if the coil is really optimised and stable and I’ve had positive results:EUREKA!!! – IT WORKS !!

I  immediately went in my garden and buried a 200 Lire Italian 1977 old coin, a very common “Bronzital” coin made of copper (92%), aluminum (6%) and nickel (2%). Sensations were really good. I’ve immediately noticed an excellent stability and a capacity to extreme settings. It can handleTX-boostONvery well even for extended time. .The target pinpointing is really accurate. After 2-month of continous use Iìve never got a “Ghost Signal” and all the targets are perfectly localized and pinpointed.

(Bodhi3 Tech Note: a ghost signal is a wrong target positioning, which with DD or 00 type coils are very often localized in different ground positions, some centimeters away from the real position.  This is due to the special geometric coil shape which tends to give wrong positioning for targets which are not perfectly parallel to the ground)

Let’s go ahead with further tests !!!

I’ve decided to do my tests using the same setting I have been using for a while with my stock D2 coil on land hunting, and to keep it unchanged, just switching the 3 frequencies operating mode. I was so being able to compare both coils having the same reference values for Sensitivity and Gain. I’ve set the basic Sens value (Discrimination Sensitivity) to 90 and Rx Gain to 10. This is what I’ve set in most of my programs that I use every time I go hunting. In the used configuration, I have done a program RESTORE at every change of coil, in order to “clear” possible internal software errors due to too many program changes submitted to the metal detector.

1st test  – Depth test :

I have buried the 200 Lire coin deep in the ground, cutting a square piece of soil I’ve later used as a lid. After checking that soil surrounding and inside the hole was clean as well as the dug soil, I have buried the coin to a depth that V3i, fitted with the D2 coil, could not reveal. I had then mounted the SEF coil doing the ground balance. The coin has been signalled with a “dancing” VDI, but with a repeatable and solid sound that I normally would surely dig. I have repeated the test with the 3 frequencies on,  getting the same results (obviously with different target depths). As all V3i expert users know, the best depth performances, for a coin-sized object and with a normal soil condition, is given by the 22,5 KHz single frequency. Using the SEF coil, the difference is even more evident and is far stronger by having TX-Boost set to ON.

2nd Test: Separation/Reactivity

I’ve covered the ground with a mulching cover and put the coin on it, covering the same with those big nails you can see in the picture. I’ve started to sweep and noticed there is a better separation and reactivity. The coin is much easily detected compared to the standard stock coil.

3rd  Test: Firebricks!

I never did this test with mineralized bricks before, because this is not the a common conditions during my huntings, but when I was performing other tests, I’ve seed some old fireclay oven panels, 30×30 cm and about4 cmthick . Since it’s a very requested test from my friends, I’ve said to myself: “OK…why not ?? Here we go!”. In the first test I’ve just used one panel and, sweeping the coil over it, as prevised the threshold went silent. The quantity of mineralization was obviously high enough to be discriminated .

Sincerely I did not think Spectra was able to detect the coin, even under just one single brick, but it detected the 200 Lire coin under with no hesitations, with a clean VDI 50! Then I said to myself: “Let’s try… Let’s add another brick”. Here we had the biggest the differences with the stock D2… With the D2 coil you know there is an object just cancelled by the brick which shut-off the threshold  In some cases, it happens that coin gives some values out of the set discrimination, between VDI -95 and VDI-30, making the V3i able to sound it with a spit-and-sputter tone but looking at the SPECTRAGRAPH, you would normally not dig it . With SEF coil, this is another music ! VDI is far higher with a value that reaches +1- +5, alittle bit “dancing” and not perfecly clear, but surely repeatable and to be digged ! As suggested by  Leonardo “Bodhi3” I have tried to put the coin in between the 2 firebricks like in a sandwich. Even in this case it has been very clearly detected by both the coils, but in a more accurate way from the SEF (with a higher VDI and a more solid sound).  The firebricks test has been done by balancing the V3i on the ground and even over a brick. I had to say that the coin detected under 2 bricks, is better detected if the balancing is done on a brick rather than on the soil.

Final considerations

The dealer that have sold me the SEF, very serious and friendly, even after the sale, has replied to all my questions. He was even ready to immediately replace the coil whenever I would have encountered any troubles with it. I have to say he has been really patient with me because, being caught by the SEF “fever”, I did not understand some troubles which were generated by a wrong V3i setting. A negative point? The cable looks of a poorer quality compared to the one supplied with the stock coil, even if it is better than all cables fitted to the previous SEF I’ve got. The connector weldings are not the best ones, but I appreciate the possibility to open it in order to make some possible repairs if any. I have waited for over 2 months before togive my opinion on this coil; I wanted to test it in real field tests and not only “tea table” testings. Now I can say with no doubts this is ABSOLUTELY a coil to purchase. It is an excellent replacement of the very good D2 stock coil, that could give your Spectra that extra-performance  that sometimes can really make the difference.

Mauro “Mauroki”

AMDTT Senior Member – Land & Sea Expert

PS. Should you need to ask quetions on this test and on others too, feel free to do it on our website “ASK THE EXPERT!

(http://advancedmetaldetecting.forumfree.it)

For more informations on the DETECH coils:
http://www.detech-metaldetectors.com/

V3i: SALT COMPENSATE vs SOIL TYPE: SALT


Scrivo questo articolo, che spero troverete utile, prendendo spunto da un dettaglio tecnico del White’s V3/V3i che in passato ha creato un po’ di confusione tra gli utenti.

Prima di iniziare voglio ringraziare l’amico Alberto “622Mac622” per i suggerimenti e per avermi fatto notare un piccolo errore stilistico.

Quando uscì il V3, tra le varie opzioni selezionabili c’era il ben noto SALT COMPENSATE.

Si trattava di una speciale modalità che permetteva di operare in multifrequenza sia in battigia che in acqua di mare senza particolari problemi di stabilità. Si trattò di una importante innovazione rispetto al precedente modello DFX  dato che, quest’ultimo, lavorava sempre in SALT COMPENSATE senza possibilità di disattivarlo. Cerchiamo di spiegare semplicemente come funziona questa modalità operativa partendo da un po’ di teoria di base.

Innanzitutto vorrei ricordare che i due tipi di mineralizzazione che più disturbano i metal detector VLF sono quella ferrosa (legata appunto al ferro e ai suoi minerali) e quella salina/alkalina connessa al sale marino e ai sali alkalini presenti “naturalmente” in alcuni terreni desertici e “artificialmente” nei prodotti fertilizzanti (es. Nitrato d’argento) ad uso agricolo. Per semplicità, nel proseguio dell’articolo, riferendomi alla mineralizzazione “salina” intenderò sia quella marina che quella alkalina.

Normalmente i modelli monofrequenza hanno grandi problemi di stabilità quando ci si avvicina all’acqua di mare per via della mineralizzazione salina che, combinata con l’acqua, ne aumenta la conducibilità facendola sentire al MD esattamente come un oggetto metallico.

Per gestire la mineralizzazione (sia ferrosa che salina) i moderni MD sono dotati di sistemi di bilanciamento del terreno che, sostanzialmente, sono di tre tipi: FISSO, MANUALE, AUTOMATICO.

Il Sistema FISSO (come quello montato sul Garrett ACE 150/250/EuroAce) è imposto dal costruttore che andrà a determinare statisticamente il punto di bilanciamento più probabile per i terreni dove il metal verrà venduto. Solitamente è pensato per compensare ESCLUSIVAMENTE la mineralizzazione ferrosa avendo un punto di compensazione molto vicino al valore di massima ferrosità.

Il Bilanciamento MANUALE (tipico dei vecchi prodotti ma mantenuto anche in moltissimi modelli nuovi insieme all’automatico) è invece regolato direttamente dall’operatore attraverso una fase di taratura e regolazione per mezzo di pomelli o digitando sulla tastiera fino ad ottenere una buona stabilità della macchina. Questo sistema ha il vantaggio di adattarsi molto meglio alle condizioni dei vari terreni e, in caso di utilizzo in battigia o in acqua, permette il bilanciamento per contrastare la mineralizzazione salina. Difetti? Sostanzialmente due: in primis ad ogni variazione di mineralizzazione del terreno costringe l’operatore ad una nuova taratura e in secundis questo sistema di bilanciamento non permette la contemporanea compensazione della mineralizzazione ferrosa e salina.

Il Sistema AUTOMATICO (di solito presente su tutti i modelli più sofisticati), presente nei modelli un po’ più sofisticati (e che siano tassativamente di tipo MOTION), permette un adattamento della macchina in modo completamente trasparente all’utente (salvo, a volte, una iniziale taratura che viene usata come riferimento d’avvio). E’ il MD stesso a monitorare le variazioni della mineralizzazione e ad auto-adattarsi senza bisogno di alcun intervento. Rovescio della medaglia? Alcuni sistemi non sono così efficaci da garantire una reale capacità di adattamento. Spesso poi i sistemi automatici sono programmati per bilanciare la macchina esclusivamente nel range della mineralizzazione ferrosa rendendo, di fatto, difficile se non impossibile la ricerca in battigia o in acqua.

Ciò che abbiamo osservato è che nessuno dei tre sistemi indicati è capace di gestire CONTEMPORANEAMENTE la mineralizzazione salina e ferrosa e che, molto spesso, solo il sistema MANUALE è in grado di bilanciare la mineralizzazione salina.

Per arrivare ad un sistema in grado di bilanciare CONTEMPORANEAMENTE la mineralizzazione ferrosa e quella salina, rimanendo nell’ambito dei prodotti VLF; dovremo ricorrere a modelli MULTIFREQUENZA (tipo Fisher CZ21, White’s DFX, V3/V3i e BeachHunter). Con questo termine indico espressamente i prodotti in grado di lavorare, nel medesimo istante, con più di una frequenza. Questo per escludere i detector PLURIFREQUENZA (tipo DEUS per esempio) o BROAD/FULL BAND SPECTRUM (come alcuni modelli Minelab) perchè i primi, pur potendo lavorare con varie frequenze, non lo fanno in modo contemporaneo e i secondi perchè funzionano con principi assai diversi da quelli qui illustrati.

I modelli multifrequenza, attraverso un ingegnoso “trucchetto” riescono ad ottenere il bilanciamento contemporaneo sia della mineralizzazione ferrosa che di quella salina/alkalina.

In pratica la prima cosa che i MD MultiFreq fanno è bilanciare innanzitutto la mineralizzazione salina sulle varie frequenze impiegate. Poi, dato che la risposta delle varie frequenze alla mineralizzazione ferrosa è “quasi” identica, i MD MultiFreq provvedono ad “allineare perfettamente” queste risposte semplicemente effettuando una sottrazione (“Signal Subtraction”). Questo fa si che il segnale riveniente dal ferro venga, in pratica, cancellato. In questo modo avranno raggiunto lo scopo cercato: bilanciare verso il sale (con un sistema automatico/manuale tradizionale) e verso il ferro (con il “Signal Subtraction”).

Nasce ora un problemino…

Chi ha un minimo di dimestichezza con i MD, sa bene che questa SALT COMPENSATION ha un peculiare effetto collaterale: la perdita drammatica di sensibilità sui piccoli oggetti in oro.  Questo perchè siffatti oggetti hanno una conducibilità relativamente bassa e che si affianca ai valori della mineralizzazione salina. Ecco quindi che, bilanciando il sale, si perde di conseguenza efficacia sull’oro sottile.

SALT COMPENSATE VS SOIL TYPE: SALT

Dopo questa doverosa introduzione, che sicuramente avrà annoiato il 99% dei lettori, entriamo nello specifico del tema in oggetto.

Il White’s DFX e il Fisher CZ21 funzionano SEMPRE in SALT COMPENSATE, esattamente nel modo sopra descritto, quando lavorano in multifrequenza (per informazione: il DFX può anche operare in monofrequenza). Bilanciano sia verso il sale che verso il ferro. Ciò è ottimo se si lavora in battigia dove questo sistema è l’ideale ma non è altrettanto buono quando si lavora sulla terra dove il sale non c’è e si rischia di perdere oggetti in oro sottile.

Se quindi si vuole usare l’eccellente discriminazione della multifrequenza c’è un rovescio della medaglia con la perdita di sensibilità sull’oro.

Il White’s V3 è stato il primo metal a tre frequenze che permettesse di lavorare con la compensazione del sale attivata (SALT COMPENSATE) o disattivata (3 Frequency – BEST DATA o CORRELATE).

Questo ha, ovviamente, risolto il problema sopra accennato quando si usa la multifrequenza.

Ma è possibile compensare il sale col V3 in MONOFREQUENZA?

La risposta semplice è NO. Il sistema di bilanciamento di questa macchina, quando opera in monofrequenza (2.5, 7.5 o 22.5 KHz) si limita a considerare il range della mineralizzazione ferrosa costringendo, di fatto, l’operatore a passare alla multifrequenza SALT COMPENSATE per lavorare in battigia/acqua marina.

E’ solo con il successivo V3i che questa possibilità è stata data.

Il V3i infatti, non solo può operare in multifrequenza senza (3-freqs) o con (SALT COMPENSATE) compensazione salina, ma è possibile avere la gestione del sale anche in monofrequenza attraverso l’impostazione del SOIL TYPE (Tipo di Terreno). Questo parametro permette al sistema di bilanciamento di aumentare l’estensione del punto di bilanciamento. Come ho scritto sopra, normalmente il sistema di bilanciamento del V3 era limitato alla zona del ferro. Ora con V3i è possibile impostare il SOIL TYPE in due modi: NORMAL e SALT. Il primo lascia le cose sostanzialmente invariate rispetto al V3 (Bilanciamento SOLO in zona ferrosa) mentre il secondo permette al sistema di raggiungere anche la zona del sale!

Attenzione! Vanno subito fatte due doverose precisazioni:

1)      Se si usa il V3i in Monofrequenza e si mette il SOIL TYPE su SALT si avrà 1 solo punto di bilanciamento… O sul sale… o sul ferro… Ecco la confusione generata da chi, quando uscì, sosteneva che questo parametro permetteva la gestione contemporanea delle mineralizzazioni anche in monofrequenza: completamente falso! In pratica il metal si comporta come, ad esempio, un M6 o un MXT quando si sposta il deviatore in posizione BEACH(M6)/SALT(MXT). Il sistema di bilanciamento ha maggiore libertà di “movimento” ma è pur sempre uno solo il punto bilanciabile. Rispetto però ad M6/MXT il V3i ha il vantaggio di poter essere bilanciato anche manualmente e quindi con maggiore efficienza a meno di repentine variazioni di mineralizzazione.

L'autore (Leonardo/Bodhi3) nella sua ormai leggendaria tenuta Desert Storm...

2)      Se si usa il V3i in 3-Frequencies e si attiva il SOIL TYPE su SALT si avrà una modalità “ibrida”. Il V3i avrà 1 solo punto di bilanciamento (o sale o ferro) e opererà in multifrequenza. Rispetto alla modalità SALT COMPENSATE potremmo avere una leggera minore soppressione dei target ferrosi per via del mancato Signal Subtraction ma una migliore sensibilità sull’oro sottile SE NON OPERIAMO in battigia. Se andiamo sull’acqua salata ovviamente il MD tenterà di bilanciarsi sul sale perdendo efficienza sull’oro sottile. Per altro, se sarà presente sabbia scura, la mineralizzazione ferrosa andrà in competizione con quella salina rendendo la vita dura al nostro metal. In questo caso (sale+ferro) la soluzione migliore è quella di usare il SALT COMPENSATE e non pensarci più.

Riepilogando: Quando usare il SALT COMPENSATE (SC – Multifrequenza), quando il SOIL TYPE: SALT (STS – Monofrequenza), quando il 3 FREQUENZE (3F – Multifrequenza) o quando la MONOFREQUENZA (MF – Monofrequenza)?

Ecco alcuni casi tipici a seconda di ciò che più ci interessa…

OBBIETTIVO: Migliore identificazione/discriminazione

1)      Sabbia asciutta: 3F
2)      Sabbia bagnata: SC
3)      Misto asciutta/bagnata: SC
4)      In Acqua: SC
5)      Terreno non mineralizzato: 3F
6)      Terreno con prevalente mineralizzazione ferrosa: 3F
7)      Terreno con mineralizzazione mista (ferrosa/alkalina): SC
8)      Terreno con prevalente mineralizzazione alkalina: SC

OBBIETTIVO: Performance pura (prima e seconda scelta)

1)      Sabbia asciutta: MF/3F
2)  Sabbia bagnata: STS/SC
3)  Misto asciutta/bagnata: SC
4)  In Acqua: STS
5)  Terreno non mineralizzato: MF/3F
6)  Terreno con prevalente mineralizzazione ferrosa: MF/3F
7)  Terreno con mineralizzazione mista (ferrosa/alkalina): SC
8)  Terreno con prevalente mineralizzazione alkalina: STS

Spero di essere stato utile…

Leonardo/Bodhi3

V3/V3i: Programma speciale per SEF 15×12…


Pubblico con un po’ di ritardo, chiedendo scusa all’Autore e a Voi lettori, un interessante articolo dell’amico Alberto “622Mac622” sul settaggio del White’s V3i/V3 quando si monta una piastra Detech SEF 15″ x 12″. Questa piastra, pur non essendo di tipo “v-nulled” quindi non perfettamente compatibile con V3/V3i, è possibile utilizzarla con qualche accorgimento che Alberto ci spiega nel suo articolo.

Buona Lettura!

Leonardo/Bodhi3

———————————–

In un periodo dove quasi tutti pensano al mare e ai metal PI ho deciso di fare uno strappo alla regola del silenzio e scrivere qualcosa…

Da un annetto (e gli amici del AMDTT sanno quanto questo cruccio mi sia stato a cuore ) sto tentando di far funzionare il White’s V3i con la piastra SEF 15×12.

Fino alla settimana scorsa la soluzione obbligata sembrava essere l’utilizzo delle 3 frequenze settando il “Correlate” in funzione della ricerca. Più che una vera soluzione questa era l’ennesima forzatura che portava a sacrificare la sensibilità in nome di quella stabilità che fa andare al massimo il V3i …Poi , mentre giocavo con un Garrett ACE, mi sono accorto che, nonostante la bassa frequenza, anche con la piastra maggiorata eccelleva sul piccolo al pari di un White’s M6 (ma perdendo in profondità nella sfida ) da quì l’idea di “vestire” la SEF con un programma a 2.5 KHz !

Appurato in precedenza che un Gain troppo alto finisce per schermare i segnali, ho impostato il programma con un Gain a 10 e una Discrimination (sensibilità MOTION) oltre i 90 e …… tutto funziona! La modulazione audio tende a smorzare i segnali e, visto che non sento disturbi e non voglio smorzare nulla, ho provveduto a disattivarla. Mi sono accorto che era necessario “normalizzare” la frequenza visto che i VDI vengono spostati in basso. Ho poi provato subito gli effetti verso l’alto (sempre parlando di scala VDI) con una bella fascetta di bomba di rame dalle dimensioni importanti di 6x 4 cm e mi sono accorto che il relativo VDI non superava il 92.  Ho proceduto dunque a settare la discriminazione togliendo il +94 e + 95 e una “fettina” di negativi da -95 a -70. Ho quindi accettato i VDI da -69 a +93.

Ho impostato il Ground Filter a 5 Hz .. poi a 7 Hz …ma mi è sembrato che poco cambiasse. A questo punto, per evitare di eccedere mi  sono fermato a 5 Hz ed ho scelto il tipo di terreno in SALT Ho poi riprovato il settaggio di terreno NORMAL perchè mi è sembrato che il SALT tenda a smorzare i segnali con VDI positivi bassi dove sono più carente in efficacia. Non ho problemi dato che il metal, nonostante il terreno (da dove hanno raccolto le cipolle ) umido e sconnesso a causa degli avvallamenti delle ruote dei trattori, resta stabile .

Ho bilanciato il metal, sembra fare i capricci: bastardo! Ho disattivato l’AUTOTRAC e stavolta, oltre i capricci si è pure incazzato !

Sono tornato all’ AUTOTRAC ON, impostando il suo SPEED a 26 e ho aumentato la S.A.T. a 22 – 24.

Miracolo! Il metal rimaneva zitto e bilanciato!

Ho colto anche l’occasione di verificare i disturbi EMI: con la piastra D2 di serie si stabilizzavava a -2; ora il miglior compromesso dell’ offset delle frequenze è stato +2 (la SEF è proprio un altro mondo!) .

Sono poi passato al tuning del RECOVERY DELAY:  solitamente lo imposto a 45 mentre stavolta l’ho testata da 30 a 60. Il segnale non aveva ritardi ma arrivava all’orecchio in modo differente, con modulazioni più o meno nette. Mi sono fermato a 50 visto che una piastra del genere di solito viene mossa a velocità inferiori della D2.

Altre impostazioni sono state fatta “a sentimento”: rispetto ai programmi normali sono stati abbassati i toni dei VDI più alti , ma solo perchè il mio udito tende a perdere gli acuti troppo secchi.

Aggiungo poi che in ricerca le schegge di rame si sono succedute a volontà ed ad ogni profondità . Una monetona da 10 cent del Re è uscita a oltre 40 centimetri, i piombini di salame ad oltre i 15 e una piccolissima moneta da 1 cent del Re a circa 7-9 cm sotto terra .

Ho notato inoltre che la piastra tende a sentire ampiamente gli oggetti superficiali abbondantemente oltre il bordo perciò prima di scavare è meglio fare un pinpoint accurato .

I limiti maggiori di questo programma sono legati all’effetto “ingombrante” del ferro che spesso tende a mascherare i segnali buoni; i vantaggi sono la pulizia della ricerca e le profondità raggiunte .

Il dubbio sull’effettiva sensibilità della piastra SEF non potrò certo togliervelo a parole, ma se avrete modo di provarla rimarrete stupiti. La sensibilità raggiunta su oggetti sottili supera ampiamente quella raggiungibile con la 7.5. Sono convinto che anche in spiaggia questa tipologia di settaggi possa garantire ricerche efficaci .

Con ciò non mi sento di consigliare l’acquisto “ad occhi chiusi” di una SEF per il V3i ma, visto che in tanti l’abbiamo per l’M6/MXT/DFX, può tornare molto utile rendendo il V3i semplice da usare (in quanto una volta settato basta ripetere il bilanciamento di tanto in tanto con un paio di pompate per riassettarlo) e soprattutto molto più performate rispetto alle (a parer mio ) insoddisfacenti alternative di piastre “V-Nulled” e maggiorate che la White’s ci propone .

Naturalmente aspetto impressioni e pareri…

Ciao a tutti ….

Alberto “622Mac622”

DFX+V3+THEORY: Mixed Mode e Reverse Discrimination…


In questi ultimi giorni, con alcuni amici di ricerca, stiamo affrontando alcuni aspetti tecnici di una delle modalità di ricerca più sofisticate che siano utilizzabili con le macchine White’s di gamma alta (XLT, DFX e Spectra V3/i): il MIXED MODE.

Sintetizzando al massimo (rinvio per i dettagli ai manuale operativi dei rispettivi metal) il Mixed Mode è un settaggio che permette alla macchina di operare CONTEMPORANEAMENTE in modalità MOTION e in modalità NO-MOTION. Come è possibile vi chiederete? E’ semplice… Almeno a parole…

Immaginate, solo a titolo di semplice esempio, che la vostra macchina abbia la discriminazione settata in questo modo:

– Rifiutare tutto il ferro (VDI da -95 a -1)

– Accettare tutto il non-ferro (VDI a 0 a +95)

Esaminiamo ora i vari comportamenti della macchina nel caso di impostazione:

1)      MOTION

2)      NO-MOTION

3)      MIXED MODE

1) MOTION

Ora, se impostiamo il nostro metal in modalità MOTION (ovvero con identificazione del target), esso in linea di massima suonerà solo se la piastra è IN MOVIMENTO (ecco perchè MOTION) e se il target che passa sotto la piastra è, appunto NON FERROSO. Emetterò un tono specifico se il metal è impostato in MONOTONO o un tono con altezza correlata al tipo di metallo se ci troviamo in MULTITONO. Se invece il target è ferroso o non verrà segnalato (soppressione completa del segnale) o verrà annunciato con un suono “spezzato” e non solido (soppressione parziale del segnale).

Elemento chiave di questa modalità, giova ripetere, è la capacità di IDENTIFICARE il tipo di metallo.

2) NO-MOTION

Questa modalità, conosciuta anche come ALL-METAL, è caratterizzata dalla non necessità di movimento della piastra per dar luogo alla segnalazione di un target, molto spesso dalla incapacità di distinguere il tipo di metallo o, in altre parole, di DISCRIMINARE un target, dall’operare con un suono (detto “di Soglia”) completamente diverso da quello Motion e assolutamente svincolato dal tipo di target. Settando quindi il MD in NO-MOTION sentiremo i target ferrosi e quelli non ferrosi esattamente nello stesso modo. Un vantaggio immediato? La notevole maggiore sensibilità rispetto alla controparte MOTION

Elemento chiave di questa modalità: miglior performance assoluta in termini di profondità e di capacità di individuare oggetti minuscoli

3) MIXED MODE

Il MM (Mixed Mode) è una modalità di ricerca che, a quanto mi risulta, è esclusivo appannaggio di alcune macchine della White’s. in poche parole permette alla macchina, come ho scritto sopra, di operare CONTEMPORANEAMENTE in modalità MOTION e in modalità NO-MOTION. In questo caso, se il target è ferroso, il programma di discriminazione farà in modo che il suono sarà identico a quello della modalità NO MOTION, ovvero un bel suono di soglia che varia. Viceversa se il target è di tipo è non-ferroso, il nostro schema di discriminazione attiverà la parte MOTION con conseguente emissione di un tono specifico (MONOTONO) o di un tono correlato al VDI (multitono). In altre parole, con il MM avremo il massimo della duttilità e della potenza di entrambi i modi. E non solo! Come ho già avuto modo di spiegare, “…come ulteriore pregio del Mixed Mode, è la sua capacità di sfruttare la sensibilità di “prossimità” della piastra. In altre parole, mentre in modalità MOTION il target verrà segnalato acusticamente e visivamente solo quando si trova SOTTO la piastra, nel MIXED MODE, grazie alla componente NO-MOTION, il target inizierà ad essere percepito anche PRIMA dell’effettiva copertura della piastra. Tutto ciò è ovviamente dovuto all’ordinario principio di funzionamento dei modi MOTION e NO-MOTION.
Sono sicuro che molti di voi avranno già intuito il significato di quanto appena descritto. Avendo una sensibilità più “estesa” sarà più difficile farsi scappare target per colpa di una cattiva sovrapposizione della piastra. I principianti imparano presto che: “Una cattiva spazzolata è come tenere il metal spento!

Limiti d’uso del Mixed Mode

Ovviamente il Mixed Mode risente di alcuni limiti intrinseci nel suo utilizzo. Innanzitutto, come tutti sanno, utilizzare il Mixed Mode in un terreno ad alta concentrazione di spazzatura metallica equivale a bombardarsi le orecchie con suoni di ogni tipo e intensità. Praticamente l’anticamera alla pazzia più profonda! Il MM da il meglio di se in terreni a scarsa densità di target, dove è possibile apprezzare al massimo le sue doti di potenza e versatilità operativa.

Rimane però un ulteriore limitazione legata alla stessa tecnologia concettuale e implementativa del MM. Come ben analizzò Jeff Foster (che io considero mio primo Maestro e fonte di vera ispirazione) nel suo “Digging Deeper with the DFX” nella ricerca col Mixed Mode, il metal può trovarsi a seconda del tipo di target e della sua profondità, in una di queste 4 casistiche (si tenga a mente lo schema di discriminazione semplice che ho descritto all’inizio di questo articolo).

Come potete vedere, utilizzando il Mixed Mode otterremo una segnalazione di tipo Motion solo in caso di target Non Ferroso che si trovi ad una profondità ancora relativamente limitata e che quindi permetta ai circuiti della sezione Motion di identificare correttamente il target, associarlo ad un VDI e, passando attraverso la scrematura discriminativa, far suonare correttamente il metal detector.

Negli altri casi, a causa delle limitazioni intrinseche del metal, ci troveremo in delle situazioni di ambiguità. Se infatti sentiamo un suono di soglia variare, esso sarà dovuto ad un target ferroso superficiale? Da un target Ferroso profondo? O da un target NON ferroso così profondo che non ha permesso l’attivazione dei circuiti MOTION ma che è stato comunque rilevato da quelli NO MOTION?

Per quanto riguarda i casi 3 e 4 … non c’è nulla da fare… per toglierci il dubbio dovremo comunque scavare… Ma per i casi 1 e 2, come vedete il problema c’è…  Dovremo quindi studiare un sistema per limitare questa ambiguità onde evitare il più possibile di scavare “alla cieca”.

In altre parole…
Con il Mixed Mode e la discriminazione NORMALE… Se sentiamo variare il suono di soglia (NO MOTION)… Abbiamo 2 possibilità su 3 che il target alla fine si rilevi FERROSO…

Uno dei sistemi di ricerca più avanzati, che grazie alle peculiarità del NO-MOTION, possono aiutarci a risolvere il problema che ho appena finito di accennare è chiamato REVERSE DISCRIMINATION.

E’ doveroso premettere che si tratta di una tecnica avanzata e che richiede una certa esperienza d’uso del metal e di pratica applicativa per essere dominata a pieno.

In teoria si tratterebbe di operare, come dice il nome stesso, una INVERSIONE DELLA DISCRIMINAZIONE impostata sul nostro metal detector settato in modalità Mixed Mode.

Se prima rifiutavamo i VDI da -95 (Totalmente Ferroso) a -1 e accettavamo da 0 a +95 (Totalmente Non Ferroso) ora invertiremo esattamente questi valori: ACCETTIAMO DA -95 a -1 e RIFIUTIAMO DA 0 a +95.

“Bhè…A che serve questa stupidaggine?” direte voi… Abbiate un minuto di pazienza e sarà tutto più chiaro…

Ciò che abbiamo fatto non è altro che invertire la programmazione del Metal Detector in modo che “CIO’ CHE PRIMA ATTIVAVA LA MODALITA’ MOTION ORA INVECE ATTIVI LA PARTE NO-MOTION e CIO’ CHE PRIMA ERA GESTITO DALLA MODALITA’ NO-MOTION ORA LO SIA DA QUELLA MOTION”

Sono certo che qualcuno è già arrivato a capire il trucco…

Ecco come cambia la nostra casistica…

Come vedete, se ora sentite il segnale di soglia variare, o è un TARGET BUONO E SUPERFICIALE (Caso 2) o va comunque scavato per scoprirlo (Casi 3 e 4). In questo modo, grazie alla Reverse Discrimination avremo ridotto del 50% le possibilità di scavare e trovare un target non buono…ed in più, grazie alla maggiore sensibilità del modo NO-MOTION, sarà anche possibile trovare target buoni a profondità maggiori rispetto a quelli che troveremmo se il metal fosse impostato con la discriminazione normale!

In altre parole…
Con il Mixed Mode e la discriminazione INVERTITA… Se sentiamo variare il suono di soglia (NO MOTION)… Abbiamo 2 possibilità su 3 che il target alla fine si rilevi NON FERROSO… EVVIVA!!!!

Ovviamente ci sono anche altri sistemi per ridurre questa ambiguità (e se volete ne parleremo) ma nessuna è così performante come quella con Mixed Mode + Reverse Discrimination.

Questa è la teoria e la tecnica… Ora non rimane che andare sul campo e sperimentare!!!

Happy Reverse Hunting!

Bodhi3

V3: “SALT COMPENSATE” e miglioramento della Stabilità


Vorrei spendere due parole circa una feature del V3 che può essere utilizzata per migliorare, anche di molto, la stabilità complessiva della macchina.
Oggi infatti, girovagando in alcuni forum americani, ho trovato un importante riscontro ad una cosa che avevo notato durante la prova dello Spectra.

Come dovreste sapere, il V3 può operare sia in Multifrequenza (3 frequenze tutte insieme) che in mono-frequenza (a scelta fra 2.5, 7.5 e 22.5KHz).

La prima modalità può poi essere pilotata da 3 algoritmi diversi:

1) BEST DATA – Ovvero il V3 prenderà il migliore dei segnali tra le tre frequenze ignorando le altre due.  PRO: E’ la modalità che fornisce la migliore discriminazione in assoluto e, tra le modalità multifrequenza, è quella che va più a fondo. CONTRO: Rispetto alla (giusta) monofrequenza non è altrettanto performante in termini di profondità. Non è il massimo in battigia e in acqua di mare

2) CORRELATE MODE – In questo caso lo Spectra verificherà se c’è appunto una correlazione tra le tre risposte. In caso positivo darà la segnalazione del target, in caso negativo (ovvero con risposte NON coerenti) ignorerà il tutto. PRO: Questa modalità è la migliore in caso di elevato inquinamento da ferro. CONTRO: E’ la modalità monofrequenza che va meno a fondo. Non è il massimo in battigia e in acqua di mare.

3) SALT COMPENSATE – Questo modo implementa sia l’algoritmo BEST DATA che quello di “SALT SUBTRACTION“. Quest’ultimo algoritmo provvede a bilanciare il V3 anche verso il sale marino/alcalino insieme al tradizionale bilanciamento verso la mineralizzazione ferrosa. Da notare che questo Modo Operativo è sostanzialmente uguale al funzionamento BEST DATA del DFX ove non era possibile impedire la compensazione del sale ne nel BEST ne nel CORRELATE.  PRO: E’ la migliore modalità per l’uso in battigia e in acqua marina CONTRO: A parità di sensitivity, si potrebbe notare un pochino di sensibilità in meno sui piccoli oggetti in oro. Questo perchè il Segnale dell’Oro Piccolo e quello del Sale sono molto vicini nella scala VDI e l’algoritmo SALT COMPENSATE va proprio a diminuire la sensibilità in quella zona.

Ora, facendo in miei test su terreno a mineralizzazione ferrosa media, medio-alta e alta, ho notato che, impostando la SALT COMPENSATE (anche quindi lontano dal mare!), il V3 diventa molto più stabile e “tranquillo” anche a settaggi ben pompati. Li per li, non ci ho badato più di tanto, ho pensato ad una semplice coincidenza, ma oggi ho avuto modo di leggere parecchi post che confermano questa mia accidentale osservazione.

Se poi ci riflettiamo su un pochino non è poi così strana come cosa. La SALT COMPENSATE tende a “smorzare” i segnali che ruotano intorno al VDI=+2, sia a destra (VDI positivi = Segnali NON Ferrosi) che a sinistra. (VDI negativi = Segnali Ferrosi + Maggioranza Falsi Segnali) .. Ecco perchè questo settaggio può far diventare più tranquillo il V3 quando, all’aumentare dei valori di Gain e Discrimination Sensitivity, aumenteranno normalmente anche i falsi segnali.

Tutto ciò ha ovviamente un piccolo rovescio della medaglia…

Si potrà quindi assistere ad una leggera perdita di sensibilità sull’oro piccolo (vedi sopra) ma che nella ricerca su terra, in tutta onestà, è statisticamente trascurabile, e una leggera perdita di profondità a tutto tondo.

Quest’ultimo problemino potrà però essere quasi tutto compensato dalla possibilità di settare Gain e Discrim Sens più alti grazie alla maggiore “tranquillità” della macchina…

Happy SALTY Hunting!

Bodhi3

TEST: Prima Prova “in Ricerca” del White’s Spectra V3


Dopo giorni e giorni di maltempo, finalmente sono riuscito a provare lo White’s Spectra V3sul campo”. Non si è trattato di un test “simulato” ma di una vera due giorni di ricerche in contesto reale!

Il primo giorno, sabato, ho affrontato due campi agricoli con terra rossa molto mineralizzata (direi un valore 3.5 su 13.5 della Scala di Jeff Foster con 0 Max e 13.5 Min) mentre il giorno successivo l’ho dedicato ad un parco pubblico con erbetta bassa e terreno con mineralizzazione media (valore 5.0-6.5 della Scala Foster) ma con grande inquinamento da alluminio consistente in un tappeto di carta stagnola e linguette di lattina.

Appena accesa la macchina e scelto il programma (sono partito con un tranquillo “Coins & Jewerly”) ho subito provveduto, come raccomandato dal manuale, a bilanciare la macchina tirando il grilletto, tenendo premuto il tasto ENTER e “pompando” quattro/cinque volte la piastra sul terreno fino a sentire un suono di soglia stabile e vellutato. Questa procedura può essere fatta anche solo a macchina appena accesa ma, personalmente, raccomando a tutti di ripeterla qualora si notasse una drammatica variazione di tipologia del terreno.

Non è obbligatorio fare tutto ciò, dato che il sistema AUTOTRAC di bilanciamento automatico funziona veramente in modo egregio ma, in caso di passaggi estremi, gli si rende vita più semplice.

Il settaggio Factory “Coins & Jewerly” (Monete e Gioielli) è un programma con impostazioni molto rigide in fatto di discriminazione e con settaggi di potenza molto conservativi, in piena tradizione White’s. Riguardo al primo aspetto, la rigidità nel discriminare appunto, va però detto che, rispetto al suo anziano genitore DFX, non penalizza eccessivamente le performance nel senso della profondità grazie ad una notevolmente aumentata precisione nell’identificazione dei target da parte della macchina. Ma tornerò più avanti a parlarne dettagliatamente.

La macchina, col programma caricato e adeguatamente bilanciata, si è dimostrata molto molto stabile. Personalmente ho da prima pensato che tale “tranquillità” fosse esclusivamente data dai settaggi di gain e sensitivity notoriamente, come accennavo prima, bassini. Ho quindi, pigiando un paio di tasti, provveduto ad aumentare il valore di DISCRIMINATION SENSITIVITY (conosciuta nell’XLT/DFX come AC SENSITIVITY) a valori molto alti, fino a 92 su 100 e impostando l’RX GAIN (nel mondo XLT/DFX si chiamava PreAmp Gain) a 14 su 15 ed avevo ancora una macchina con quasi nessun segnale falso. Stupendo!

Come prima uscita ho preferito divertirmi ad usare le tre frequenze tutte insieme, con settaggi non estremi, per verificare il comportamento sostanzialmente “normale” della macchina piuttosto che puntare subito all’Exploit… Ci sarà tempo e modo per cercare di fare i Record! :D

Lo Spectra, ben bilanciato anche se leggermente più pesante del papà DFX, ha iniziato subito a dare i suoi frutti iniziando a farmi trovare oggetti non ferrosi a varie profondità. Ho trovato schegge di piombo piccoline anche a 20 cm di profondità in un terreno piuttosto ostico dal punto di vista della mineralizzazione.
Il display è sempre molto visibile anche in condizioni di pieno sole e, di giorno, si può tranquillamente tenere con la retroilluminazione spenta dato che si vede comunque benissimo e anche i colori sono sempre abbastanza vividi.

Immagino che chi non sia abituato a display particolarmente ricchi di informazioni tipo Minelab E-TRAC / EXPLORER o White’s XLT e DFX si possa sentire un po’ confuso all’inizio dalla “spettacolare” ricchezza visiva del V3. Nei programmi standard di solito abbiamo (aggiornati in tempo reale!) in contemporanea ben TRE spettrografi colorati, uno per ogni frequenza (2.5KHz, 7.5KHz e 22.5KHz), la scala di discriminazione che indica visualmente quali VDI sono rifiutati e quali accettati (questa cosa mi manca molto sul DFX!), l’indicazione del numero VDI del target rilevato, le due icone che rappresentano graficamente la prima possibile identificazione e la seconda in ordine di probabilità (es. Linguetta e Anello d’oro o Moneta e Tappo a vite), il profondimetro in tempo reale (impostabile in pollici o in centimetri –anche a livello di prima cifra decimale o sotto forma di frazione!), delle piccole icone di servizio che indicano il funzionamento delle cuffie wireless e del TX BOOST (amplificazione del segnale trasmesso), due pulsanti LIVE CONTROL per le modifiche “al volo” e tutto questo è solo UNO dei modi di ricerca attivabili nel Vision!

Tutto ciò non ci deve spaventare, anzi! Dopo un po’ impareremo ad apprezzare davvero tantissimo le informazioni che lo Spectra ci da.

Ma prima di andare avanti, sgombriamo subito il discorso da un dubbio fondamentale… Lo Spectra V3 può TRANQUILLAMENTE essere usato con grande profitto ANCHE SENZA MAI GUARDARE IL DISPLAY!

Ci tengo a sottolineare questo aspetto perché molti cercatori, specie i veterani del detecting, hanno espresso parecchie perplessità sulla concreta utilizzabilità di questa macchina in modo, come dire, “old school”. Ribadisco che la parte audio del V3 è davvero superba e garantisce anche all’utente “NO-DISPLAY-GRAZIE!” ricerche piene di soddisfazione.

Il V3 E’ infatti dotato di:
1) Ricerca in Discriminazione “MOTION” con soglia di base e segnalazione in monotono o multitono programmabile a 2, 3, … fino a 195 toni diversi ovvero uno per ogni VDI

2) Ricerca in ALL-METAL “NO MOTION” con soglia di base e segnalazione normale o con VCO

3) Ricerca in MIXED-MODE “MOTION+NO MOTION” ovvero il meglio di entrambe le precedenti!

Non manca quindi una ricchezza di dettaglio audio che renderà la ricerca SENZA DISPLAY comunque molto efficace ma è ovvio però che non si è pagato il V3 per non utilizzare mai le informazioni visive che ci fornisce!

Dopo questa doverosa precisazione, passiamo alla pratica…

Individuato un target grazie ad un suono alto, solido e ripetibile, un occhiata al display per verificare la risposta delle tre frequenze e il valore VDI, ecco cosa normalmente dedurremo: “OK…NON FERROSO… VDI=tra 52 e 56… Probabile moneta da 10 cents… Profondità 15.5 centimetri…Evvai! Si Scava!”

A questo punto possiamo fare due cose: tirare il grilletto e passare in modalità PIN POINT, dove tre barre colorate in rosso, verde e blu, associate alle tre frequenze (ovviamente se ci troviamo in questa modalità, altrimenti ne verrà visualizzata solo una), ci indicheranno la risposta in tempo reale del target a queste ultime. Muovendo la piastra con il solito gioco a “T” o a “X” e esaminando le tre barre avremo immediatamente conferma del centraggio e, contemporaneamente, della probabile tipologia del materiale. Per fare un esempio, se la barra più lunga sarà quella legata alla frequenza 7.5KHz, è molto probabile che il metallo indagato sia quello di una moneta tipo 10, 20 o 50 cents. Se invece vediamo spuntare sulle altre la barra dei 22.5KHz, al 99% si tratterà di oro o alluminio. Ovviamente anche il modo PIN POINT ci da la profondità in tempo reale del target. Una cosa che ho notato è che con la piastra D2 da 10” doppia D, il profondimetro tende ad essere molto più preciso a partire da profondità maggiori di 5-7 cm. Se invece il target è più superficiale mi è capitato più volte che l’indicazione fosse errata specie se il target aveva una forma irregolare. Mi riprometto di effettuare altre verifiche in tal senso per vedere se ci sono delle correlazioni. Una cosa fantastica è stata la precisione e la stabilità del profondimetro con target veramente profondi.

Una piccola parentesi… Il secondo giorno, nel parco pubblico con terreno a media mineralizzazione, ho voluto fare un test un po’ estremo: ho sepolto una moneta da 1 euro (quindi a composizione mista), forse la più “difficile” delle monete in attuale circolazione, a non meno di 24-25 cm di profondità. E’ vero che il segnale audio era fortemente dubbio e che c’era uno “spargimento” di barre nello spettrografo ma, nota positivissima, queste barre erano al 90% nella zona “NON FERROSA” della scala VDI e che il profondimetro mi indicava in maniera STABILISSIMA la giusta profondità della moneta! In questo caso io avrei certamente scavato! Se il profondimetro mi avesse dato valori “ballerini” magari avrei anche potuto pensare ad un falso segnale ma, data la sua stabilità, era un messaggio chiaro del V3 che mi diceva “Ascolta… E’ NON FERROSO all’80-90%, non capisco bene cos’è perché c’è un casino terribile con la mineralizzazione e il bersaglio è veramente profondo. Ad agganciare, l’ho agganciato… si trova tra i 23 e i 24 cm. Ora decidi tu: o provi a giocare con i filtri ground, per vedere se riesco a capire meglio cos’è, o scavi un po’ di terra e poi riproviamo a vedere cos’è sto’ coso…”. E’ bastato infatti smuovere un po’ di terra per veder restringere lo “spargimento” delle barre dello spettrografo e la variabilità del VDI. Bingo! Si scava!

Va detto che è necessaria un po’ di pazienza e applicazione per imparare a centrare il target con la D2. Come tutte le Doppia D richiede una tecnica spesso leggermente diversa della “X” e qualche volta sembra che vengano prodotti segnali “fantasma” che spostano il punto vero a lato di quello indicato.

L’ultima cosa che possiamo fare prima di scavare, oltre quindi al PINPOINT, è passare in modalità ANALISYS SCREEN tirando il grilletto in avanti. A questo punto apparirà un grafico bidimensionale ad ogni passata di piastra sul target. Qui le tre frequenze saranno espresse sotto forma di tre curve indipendenti colorate in rosso, blu e verde. La forma delle curve: irregolare, piatta, frastagliata, a “gobba di cammello”, la loro ampiezza verticale e orizzontale, le eventuali “doppie gobbe” o gli avvallamenti prima o dopo la gobba principale ci forniranno informazioni preziose sia sulla forma, sulla dimensione, sulla composizione (a seconda della frequenza dominante) e addirittura sulla posizione (di piatto o di taglio) del target. Sono forse informazioni che molti chiamerebbero ridondanti ma che, a mio modesto parere, rendono la ricerca ancora più divertente.

La separazione dei target è eccellente, ma mi aspettavo tutto ciò dalla piastra D2. La reattività della macchina in segnalazione è sicuramente all’altezza delle aspettative.

Va ulteriormente aggiunto che la cosiddetta Recovery Speed è totalmente programmabile ed adattabile al maggiore o minore “inquinamento” ferroso del terreno. Target non ferrosi vicini a target ferrosi anche dimensionalmente importanti vengono quasi sempre correttamente e chiaramente segnalati. Sarà inoltre possibile riconoscere queste situazioni sia attraverso l’audio, con un chiarissimo e veloce “singhiozzo” iniziale, che attraverso le informazioni visuali laddove negli spettroscopi verranno visualizzate barre sia dal lato ferro che dal lato non-ferro.

Altro test che ho effettuato è stato il seguente: ho preso una moneta da 1 euro (come dicevo prima, la più “tosta” del panorama EURO) e sopra ci ho messo un mattoncino refrattario delle dimensioni 10x10x2.5 cm.
Il mattoncino quindi copriva ampiamente la moneta. Passo la piastra e la segnalazione è stata PERFETTA! VDI stabilissimo, spettrografo con barre strette nel non ferroso e ANALISYS SCREEN con le gobbe che indicavano un target rotondo e delle dimensioni giuste. Ok! Aggiungo un altro mattoncino… E siamo a 5 cm di spessore… riprovo… Ancora PERFETTO!!!

Esperimento ESTREMO: scavo una buca di 10 cm in terra fortemente mineralizzata, metto la moneta sul fondo, un pezzetto di mattoncino da 3 cm di spessore e sopra i due mattoncini a creare quindi un “tappo” di coccio di ben 8 cm. Ricopro tutto con la terra e passo la piastra. Ora inizio ad avere problemi. La segnalazione è instabile, il target è segnalato solo 1 volta ogni 4-5 passate e lo spettrografo mi da “barre sparse” su tutta la scala. Non so se avrei scavato un segnale così. E’ ovvio però che mi sono voluto mettere in una condizione assolutamente IRREALE solo per puro divertimento. La prossima volta voglio provare a “smanettare un po’” con i ground filter per vedere se posso fare qualche magia…

La giornata è finita con una sensazione molto piacevole. Quella di aver impiegato uno strumento potentissimo, preciso e divertente e che ha un margine di crescita ancora assai elevato. Le braccia e la schiena non sono troppo affaticate e questa è un’altra bella cosa…

Il secondo giorno sono voluto andare nel parco pubblico del mio paese. E’ un posto dove vado spesso per effettuare le mie prove, ha una mineralizzazione media, un terreno facile da scavare, non troppi sassi, quasi nessun coccio, erbetta bassa, si possono trovare monete ma anche tante tante tante tante tante linguette di lattina, tappi di bibite e pezzi di carta stagnola (LI MORTACCI LORO!!!!).

Una giornata piena di sole, poca gente in giro e il Test Park tutto per me… Evvai!

Sapevo già che i target in questo terreno sono situati al 90% entro i primi 10-15 cm quindi ho appositamente evitato settaggi troppo spinti concentrandomi di più sulla discriminazione ed identificazione. La precisione del V3 in questo senso è STRABILIANTE! Ho potuto velocemente capire quando segnala una linguetta tipo vecchio, tipo nuovo, messa di taglio o un pezzo di stagnola piccolo e uno grande.

Per non parlare poi delle monete! Il V3 dice “VDI=51… Sono 10 centesimi… Scava TONTO!!!”: Ragazzi… CASSAZIONE!!! Mai un errore!! E ti da VDI=51 sia appoggiata a terra, che sotto 10 cm, che messa di taglio!

Da questo punto di vista il Vision straccia il DFX!

Ti dice “VDI=55… Ciccio… Sono 20 centesimi…Che fai, li lasci li?”. Una stabilità spaventosa anche aumentando la Sensitivity e il RX Gain. C’è anche la possibilità di analizzare, premendo pochi tasti, la perdita di segnale dovuta alla mineralizzazione e la quantità di “Rumore Elettromagnetico” rilevato. Oltre a ciò, tramite un algoritmo, la macchina da anche un suggerimento circa il Gain da impostare per ottenere il massimo della performance. Queste informazioni ci possono anche suggerire l’adozione di una piastra diversa che, in condizioni difficili, possa fornire prestazioni migliori di quella fornita in dotazione.

In conclusione di questa “prima sessione di prove libere”, per usare un linguaggio da Formula 1, ho trovato lo Spectra V3 uno strumento potente, precisissimo, ricco di potenzialità, robusto ma soprattutto, almeno per il mio modo di vedere, TREMENDAMENTE DIVERTENTE DA USARE! E questo è un elemento che, in un hobby…ricordiamocelo…un HOBBY… va tenuto in assoluta considerazione.
Vi lascio con la promessa di altre prove, ancora più rigorose, e con la mia totale disponibilità a rispondere a quesiti di ogni genere sul V3.

Solo ad una domanda non risponderò: “Dove lo posso comprare?”. A garanzia di totale trasparenza e per rispettare le regole di concorrenza, lascio a voi la ricerca delle migliori condizioni d’acquisto.

Happy Vision Hunting!
Bodhi3

THEORY+DFX+V3: Mono VS Multifrequenza


Facciamo un po’ di chiarezza sulla questione “Mono VS Multi Frequenza“…

Per capire meglio quando è preferibile usare una e quando tutte e tre le frequenze, è necessario sapere come il V3 (ma prima di lui il DFX) funziona in modalità multi frequenza.

Il brevetto White’s di Mark D. Rowan (“Method and apparatus for distinguishing metal objects employng multiple frequency interrogation” – US 6.879.161 B2) prevede che in caso di utilizzo di 2 o più frequenze, il trattamento dati avvenga sul cosiddetto segnale COMPOSITO ovvero ottenuto dalla combinazione degli “n” segnali rivenienti dalle “n” frequenze impiegate (nel caso DFX, n=2… in quello Spectra V3 n=3). Questa combinazione non è però una semplice somma dei segnali ma segue un interessante e intelligente algoritmo:

1)      Se il segnale è uguale per tutte le frequenze, IGNORA IL VALORE…
2)     Se il segnale è diverso, UNISCI I RISULTATI NEL SEGNALE FINALE COMPOSITO.

Perché questo sistema? Perché, come ho già trattato in un articolo riguardante la cosiddetta “signal subtraction”, si è notato che “PIU’ O MENO” tutte le frequenze reagiscono allo stesso modo nella parte NEGATIVA della scala VDI, ovvero in quella parte che riguarda la risposta a target ferrosi, ivi compresa la MINERALIZZAZIONE FERROSA DEL TERRENO!

Mmmm… Ma non è che questo sistema di combinazione dei segnali ha anche a che fare con il bilanciamento del terreno ? ESATTO!!! E’ proprio così! Se notiamo che le varie frequenze ritornano un segnale sempre “sostanzialmente” identico, al 99.9% significherà che abbiamo a che fare con un target ferroso o con il segnale riveniente dalla mineralizzazione ferrosa del terreno. Per contrastare appunto questo fenomeno (ovvero la mineralizzazione ferrosa) la White’s ha pensato ad un semplice “trucchetto”:

1)      Rileva la risposta alla mineralizzazione di ogni singola frequenza…
2)      Verifica che siano “più o meno” identiche…
3)      Allinea le risposte delle n frequenze e farle diventare uguali (SIGNAL SUBTRACTION!)
4)      Fa in modo che, in base all’algoritmo sopra indicato… Queste, dato che sono uguali, VENGANO IGNORATE!

Fermatevi un attimo a riflettere e vi renderete presto conto che questo tipo di gestione della multi-frequenza lega la SENSIBILITA’ del metal detector alla DIVERSITA’ DEL SEGNALE RIVENIENTE DALLE SINGOLE FREQUENZE UTILIZZATE. Più sono diverse le risposte, più il segnale composito evidenzierà il target rilevato.

Ahimè, il sistema di realizzazione del segnale composito non è immune da possibili problemi. Innanzitutto è sempre possibile che alcuni dati si perdano a causa della SOMMA CON ALGORITMO. Questo ovviamente pregiudicherà un l’efficienza della resa del multifrequenza in termini di sensibilità complessiva rispetto all’utilizzo in monofrequenza.  Secondo poi, a causa delle limitate risorse energetiche di cui il metal dispone, la potenza complessiva di trasmissione deve essere ripartita in modo uguale per le diverse frequenze, comportando poi, in fase di creazione del finale composito, un segnale in un certo senso “meno amplificato” .

Per farvi capire meglio cosa accade nel V3 e nel DFX, immaginate che la potenza massima COMPLESSIVA di trasmissione sia pari a PC=100%….

ATTENZIONE!!! I valori qui riportati non sono in valore assoluto ma sono espressi sottoforma di percentuale. Questo per dire che la potenza complessiva=100 del V3 non è uguale alla potenza complessiva=100 del DFX. E’ ben noto infatti che la quantità IN VALORE ASSOLUTO trasmessa dal V3 è ben superiore a quella del DFX!

Caso SPECTRA V3 MODALITA’ MONOFREQUENZA:

POTENZA FREQUENZA BASSA 2.5KHZ (PB) = 100/100
Oppure…
POTENZA FREQUENZA MEDIA 7.5KHz (PM) = 100/100
Oppure
POTENZA FREQUENZA ALTA 22.5KHz (PA) = 100/100
—–
POTENZA COMPLESSIVA: PB=PC=100 oppure PM=PC=100 oppure PA=PM=100

Caso DFX MODALITA’ MONOFREQUENZA:

POTENZA FREQUENZA BASSA 3KHz (PB) = circa 50-60/100
Oppure…
POTENZA FREQUENZA ALTA 15KHz (PA) = circa 50-60/100

POTENZA COMPLESSIVA: PB=PC=circa 50-60 oppure PA=PM=circa 50-60

Nota: Nel V3, in modalità Monofrequenza, TUTTA l’energia è riservata alla singola frequenza selezionata. In questo modo si otterrà il massimo risultato possibile per ogni tipologia avendo la possibilità di impiegare il 100% delle risorse senza alcun compromesso. Nel DFX invece, l’energia riservata alla singola frequenza è pari invece a circa il 50-60%. Ecco perché il DFX in modalità monofrequenza risulta MOLTO MENO performante rispetto alla stessa modalità per il V3.

Caso SPECTRA V3 MODALITA’ MULTIFREQUENZA:

POTENZA FREQUENZA BASSA 2.5KHZ (PB) = 33.3/100
POTENZA FREQUENZA MEDIA 7.5KHz (PM) = 33.3/100
POTENZA FREQUENZA ALTA 22.5KHz (PA) = 33.3/100

POTENZA COMPLESSIVA: PB+PM+PA=PC=100/100

Caso DFX MODALITA’ MULTIFREQUENZA:

POTENZA FREQUENZA BASSA 3KHz (PB) = 50/100
POTENZA FREQUENZA ALTA 15KHz (PA) = 50/100

POTENZA COMPLESSIVA: PB+PA=PC=100/100

Nota: La potenza complessiva è data dalla somma aritmetica delle tre frequenze che hanno, ognuna, un terzo delle risorse a disposizione. Va da se però che una segnale investigato con 1/3 della potenza non sarà MAI equivalente a quello riveniente dall’applicazione del 100% della potenza portando quindi ad una perdita di performance generale intorno al 5-10% (variabile a seconda del mutare di numerosi fattori). Ecco perché, sia per il DFX che anche per il V3, nel caso dell’utilizzo in Multi-frequenza avremo una performance, in termini di SENSIBILITA’ GENERALE, leggermente inferiore a quella ottenuta in monofrequenza. Dobbiamo però  ricordare che mentre il DFX può operare SOLO in “multi-frequenza con salt-compensate”, bilanciata contemporaneamente sia per mineralizzazione ferrosa che salina e, per questo, con un leggero calo di sensibilità globale, il V3 può lavorare sia in questa modalità sia in multi-frequenza “NO SALT” , bilanciata solo verso la mineralizzazione ferrosa e quindi con una migliore performance su terreni non salinizzati. Tutto ciò, oltre ad una scelta più oculata delle frequenze, una potenza in valore assoluto sensibilmente maggiore, la possibilità di avere un TX BOOST, una migliore gestione del segnale fanno risultare le performance GENERALI (sia in mono che in multifreq) del V3 nettamente superiori a quelle del già ottimo DFX.

Ribadisco però, e con questo concludo, che in ogni modo la sensibilità del V3 (e anche del DFX) risulta migliore in monofrequenza che in multifrequenza. Discorso invece assai diverso è la qualità della discriminazione tra i due modi operativi. Rimando ad un prossimo articolo l’approfondimento di questo aspetto.

Happy MonoVsMulti Hunting!

Bodhi3

TEST: Spectra V3 – Introduzione (Prima Parte)


Inizio oggi, ufficialmente, la prova e recensione del prodotto top di gamma della White’s: lo SPECTRA V3. In ossequio a quanto deciso di comune accordo nel forum MARCHE, voglio subito precisare che questo modello è stato gentilmente messo a disposizione da ELECTRONICS COMPANY (www.mediaelettra.com), distributore ufficiale White’s per l’Italia. Ribadiamo per l’ennesima volta, che la prova è eseguita a titolo gratuito, che non ci sono legami di nessun tipo tra l’autore e la ditta fornitrice e che il metal verrà puntualmente restituito al termine del periodo di prova.

Iniziamo…

Per gli amanti dell’aneddotica, il modello all’inizio si chiamava “Vision” e ne furono perfino prodotti diversi esemplari (alcuni sono anche stati venduti) prima che, a causa di un conflitto di marchi con un altra azienda, la ditta di Sweet Home, Oregon decidesse di modificare il nome in “Spectra V3” in onore dello Spectragraph (lo spettrografo che è implementato nel software) e delle 3 frequenze operative del MD. Per mio piacere personale, ogni tanto chiamerò questo modello anche “Vision” come tributo del suo ideatore originale: Mark D. Rowan (ex ingegnere capo della White’s e disegnatore di XLT e DFX)

Sono ormai pochi a non sapere che lo Spectra è una macchina VLF multi-frequenza che può operare con 3 frequenze operative contemporaneamente o le può utilizzare in maniera individuale: 2.5 KHz, 7.5 KHz e 22.5 KHz. Per i più smaliziati aggiungerò che si tratta di un multi-frequenza “vero” che opera nel Frequency-Domain con onda quadrata e con analisi del ritardo di fase  dell’onda ricevuta.

L’analisi congiunta è effettuata anche in questo modello (come per il DFX) secondo gli algoritmi “BEST DATA” e “CORRELATE”. Maggiori approfondimenti su questi due modi di analizzare i dati sono reperibili in uno dei miei più recenti articoli. Aggiungo solo che in questo modello è stata ulteriormente prevista una modalità multifrequenza chiamata “SALT COMPENSATE” che ottimizza ulteriormente la gestione della mineralizzazione salina.

Dopo questa prima veloce introduzione… bhè passiamo alla pratica!

Ho finalmente iniziato a “giochicchiare” con la macchina.

In attesa di uscire sul campo mi sono divertito a smanettare un po’ con i vari menù. Devo dire che non è poi così complicato come ho sentito dire!

Ovvio che chi già conosce macchine come DFX o XLT si troverà molto avvantaggiato, ma anche chi proviene da altre marche non farà una grossa fatica ad essere subito operativo e con una macchina settata a puntino. D’altronde tutti noi utilizziamo un PC e posso assicurarvi che, per farlo funzionare, mettiamo in pratica delle procedure molto più complicate di quelle necessarie per operare con successo il Vision.

Innanzitutto un applauso per la scelta dell’LCD Sharp! E’ veramente di ottima fattura e garantisce ottima visibilità da un ampia angolazione. Ho avuto la fortuna di partecipare ad un congresso (Lo SHARP Innovation Forum) vicino a Monaco di Baviera 3 anni fa dove fu presentato proprio il prototipo del modello che poi la White’s ha implementato nel V3. E’ anche abbastanza robusto, ottima scelta Ken!

La pulsantiera è di tipo piatto (tipo Minelab) con leggeri rilievi e serigrafie ben visibili. Così si protegge piuttosto efficacemente i delicati circuiti presenti nel Display Box da fango e umidità eccessiva. Mi piace anche la disposizione e io che ho dita non troppo lunghe, non ho trovato difficoltà a raggiungere tutti i tasti abbastanza comodamente.

Il classico “grilletto” White’s è sempre presente. Si tratta del solito interruttore di metallo a tre posizioni inserito sotto il display e raggiungibile con l’indice della mano che regge il metal.

Come nei modelli precedenti, questo grilletto svolge varie funzioni. In posizione centrale mette la macchina in modalità “Ricerca”.

Tirandolo, se siamo in “Ricerca” passeremo alla modalità PINPOINT, mentre servirà per uscire dai menù come una specie di tasto ESC del computer.

Questa modalità, a differenza per esempio del DFX, visualizza delle barre colorate (in tempo reale!) che corrispondono alla intensità di rilevazione delle tre frequenze del V3 (2.5 KHz, 7.5 KHz e 22.5 KHz). Se tiriamo il grilletto e poi togliamo pressione, esso ritornerà naturalmente nella posizione centrale di “ricerca”.

Se invece spingiamo in avanti il grilletto, esso rimarrà bloccato in avanti fino al nostro successivo richiamo. In questo caso verrà attivata la modalità “ANALYSIS SCREEN”: una vera esclusiva del V3, che permette una analisi visiva-grafica della risposta delle tre frequenze al target rilevato per mezzo di curve (tipo gobbe di dromedario o con altre forme) che ci daranno informazioni preziosissime, tra cui anche la dimensione stimata dell’oggetto e che, durante le nostre prove, studieremo nel dettaglio.

La cuffia wireless si attiva premendo semplicemente un bottone e si spegne automaticamente quando spegniamo il V3. Ottimo! Così non rischiamo di consumare le batterie nel caso le dimenticassimo accese. Si sentono molto bene e non ho notato alcun ritardo tra il rilevamento e la segnalazione. E’ prevista anche la possibilità di utilizzare cuffie a filo, come al solito inserendo il jack da 6 mm nel retro del control box. Per la cronaca, il foro è protetto da un comodo tappino in plastica che impedisce alla polvere di entrare. L’appena citato control box è sempre, nella tradizione White’s, di alluminio ergal, molto robusto e resistente agli urti e alle cadute.

Ad occhio mi sembra un pochino più piccolo in lunghezza di quello del mio DFX. Il poggia gomito è sempre regolabile e vengono forniti in dotazione i due sticker imbottiti da applicare. Il look complessivo non è cambiato affatto rispetto al DFX ai suoi predecessori… C’è a chi piace e c’è chi lo trova oramai un po’ “vecchiotto” e fuori moda… Mah…

La piastra di serie è la White’s D2 da 10” doppia D. Un prodotto veramente pregevole già sperimentato in passato sulle macchine DFX/MXT/M6 e che ora è stato prodotto in versione “V” in grado quindi di operare con efficacia anche con la frequenza 22.5KHz e con il famoso “TX BOOST” (Amplificazione del segnale trasmesso) attivo. Dato che è una DD, darà ovviamente il meglio di se con i terreni a mineralizzazione media e medio alta. Ovviamente è possibile montare altre piastre per ottenere performance ancora migliori a seconda del terreno.

Finito di montare, il Vision si presenta ben bilanciato. Sicuramente è un po’ più pesante nel “retrotreno” rispetto al DFX per causa del display LCD di maggiori dimensioni. Comunque si tratta di un peso sostenibilissimo per chiunque.

Da quello che avevo letto, la Piastra D2 10” doveva sembrare più pesante e invece non ho notato una drammatica differenza rispetto alla Eclipse 950 standard del mio DFX. Probabilmente molto del merito è dovuto al differente gioco di bilanciamento della macchina.

Le finiture complessivamente sono eccellenti. La qualità si vede e si percepisce molto bene. D’altronde, dato il costo, non mi sarei accontentato di meno. La sensazione è di un metal molto robusto e capace di resistere ad un utilizzo anche poco delicato.

L’alimentazione è demandata ad un blocco batteria ricaricabile al NiMH (incluso nella confezione con tanto di caricabatterie) o da un blocco di batterie alcaline (nella confezione è incluso il portapile). Cercherò prossimamente di stimare la durata delle pile a seguito di un utilizzo normale e lo pubblicherò immediatamente.

Per oggi mi fermo qui…

Nella prossima parte inizieremo l’esplorazione delle funzionalità del V3 a partire dai suoi programmi di fabbrica.

Vi lascio solo con una chicca…

Ieri sera accendo il V3 nel mio studio, carico il programma HI-PRO, imposto il Gain a 15 (su 15) e la Sensitivity a  93 (su 100), il TX BOOST su ON, il Filtro Ground a 5.0Hz e la Monofrequenza a 22.5KHz… Risultato? Metal stabile e una moneta da 1 euro sentita PERFETTAMENTE a 44 cm!

E non ci ho perso più di 30 secondi… con ulteriori “smanettamenti” ho la sensazione che si possa fare anche meglio…

Happy StayTuned Hunting!

Bodhi3

V3: E’ arrivato il White’s SPECTRA V3!


Ragazzi!
Una grande notizia!

Stefano Morsiani, titolare della Electronics Company, mi ha gentilmente messo a disposizione per un po’ di tempo uno White’s Spectra V3.

Ringrazio ovviamente il Sig. Morsiani per la cortese disponibilità.

Da oggi iniziano i test e le prove!!!

Verranno evidenziati i PRO e i CONTRO di questa complessa macchina White’s.

Aggiungo inoltre che, sempre da oggi, il nome completo del blog sarà…

“Bodhi3’s Advanced White’s DFX and SPECTRA V3 Italian Research Lab”

Restate sintonizzati!

Happy Vision Hunting!
Bodhi3

V3: Monofrequenza VS Multifrequenza…


Il V3, come il DFX,  può operare sia con tutte e tre (il DFX due) le frequenze insieme che in monofrequenza. Inoltre permette di utilizzare le tre frequenze contemporanee con la funzione “SALT COMPENSATE” (nel DFX non è un opzione separata) che, grazie alla “sottrazione del segnale” di cui ho spesso parlato nel blog,  rende il metal molto più performante in battigia e in acqua di mare.

Per quanto riguarda invece l’uso in mono-frequenza dello SPECTRA V3, ecco le peculiarità di ognuna:

2.5 kHz – Garantisce una sensibilità migliore ai metalli ad alta conduttività come argento e rame. E’ anche la migliore soluzione per operare in condizioni di alta mineralizzazione a causa delle peculiarità del sistema di bilanciamento del terreno. Chi mi legge sa di cosa parlo…

7.5 kHz – E’ la migliore frequenza “tutto fare”. Non predilige una tipologia particolare ma da buoni risultati un po’ con tutto.

22.5 kHz – Questa è la frequenza che dovremmo utilizzare se cerchiamo oggetti minuti (piccoli gioielli, fiocchi d’oro etc) e per i metalli a bassa conduttività come alluminio e nickel. E’ la frequenza che si dimostra più efficiente in condizioni di mineralizzazione bassa . Per chi volesse approfondire la relazione tra alte frequenze e oggetti sottili suggerisco di rileggere il mio post :  DFX – Oggetti sottili, 15KHz, Legge di Lenz e Skin Effect

Possiamo inoltre aggiungere che i V3 possono operare in Multifrequenza nelle modalità analitiche BEST DATA o CORRELATE. Cosa significa? E’ presto detto.

1) BEST DATA: il Metal trasmette le frequenze, riceve ed analizza le frequenze rivenienti dal target e sceglie la risposta MIGLIORE (BEST, nel senso di maggiore energia) tra queste per identificare il target. Questo algoritmo si basa proprio sulla migliore predisposizione delle varie frequenze ai vari tipi di target.

2) CORRELATE MODE: Il Metal trasmette sempre le tre frequenze, riceve ad analizza le frequenze rivenienti dal target, LE CONFRONTA FRA LORO e, se non sono sostanzialmente CONCORDANTI (in base ad una funzione di normalizzazione), decide che il target va ignorato e non da la segnalazione. Questa modalità è davvero eccezionale quando si opera in terreni infestati dal ferro dove le segnalazioni non si concentrano effettivamente su un preciso VDI ma tendono ad “aprirsi a ventaglio” in forma pseudo-casuale. E’ appunto questa pseudo-casualità che produce, quando il V3, analizza i dati, la NON CONCORDANZA che permette di “domare” questo tipo di contesti di ricerca. In altre parole, in caso di “sparpagliamento” dei dati, il metal, grazie al CORRELATE, capisce che ciò che lo ha provocato al 99.9% è ferro e quindi SOPPRIME la segnalazione. Ulteriore finezza della macchina White’s è la possibilità di regolare la “granularità” di questo “addomestica-ferro” attraverso la funzione SPAN che da modo di settare il detector in modo che sia più o meno tollerante.

Concludendo, l’utilizzo della Monofrequenza è preodinato al raggiungimento della massima performance di profondità e sensibilità PER TIPOLOGIA DI METALLO E/O LIVELLO DI MINERALIZZAZIONE anche grazie al completo sfruttamento della potenza di trasmissione e di calcolo in maniera esclusiva. L’uso della Multifrequenza invece è più indicato per raggiungere l’eccellenza in termini di identificazione e discriminazione, nonchè per la gestione efficace dell’inquinamento da ferro e della mineralizzazione da sale marino (se attiviamo il SALT COMPENSATE)

Happy Rowan Hunting!
Bodhi3

THEORY+DFX+XLT+V3: S.A.T., Sweep, Recovery e AUTOTRAC Speed


Riporto qui alcuni quesiti posti dall’amico MAREAMAREA circa la Self Adjusting Threshold (SAT), la Recovery Speed e il Bilanciamento del terreno.

Ho aperto questa discussione, per rimarcare meglio i concetti su questi 4 parametri: Recovery Speed, Recovery Delay, Sweep Speed, SAT. Possono interessare maggiormente a chi usa i Whites, ma sono intrinseci nel software di ogni metal non programmabile (Bodhi3 mi corregga sè dico inesattezze).

Ciao Mario!

Innanzitutto diciamo che Recovery Speed e Recovery Delay sono la stessa cosa. Nel Vision V3 hanno semplicemente cambiato dizione da Speed a Delay ma il succo non cambia. Effettivamente questi 3 parametri interessano tutti i metal detector. Ahimè ci sono MD che possono permettere all’operatore di intervenire con delle correzioni automatiche o manuali, altri invece che sono FISSI su valori preimpostati dalla fabbrica.

Solo ora, vengo a conoscenza che il comando Recovery Speed è identico al Recovery Delay, cambia il nome, ma la funzione è la stessa.ossia :Velocità di recupero(identificazione del target in quel determinato istante). Suppongo che questa caratteristica del Recovery, più o meno sviluppata sia legata allo sviluppo più o meno sofisticato dell’ hardware del metal, e alla velocità di elaborazione del processore. Correggetemi se sbaglio !

Bravo… Vedo che le nostre chiacchierate su Skype portano grandi risultati!

La Recovery Speed in senso ampio indica la velocità con cui il nostro amato MD riesce ad essere nuovamente in grado di segnalare un target dopo averne segnalato un altro. Come scrissi un po’ di tempo fa, dovete sempre tenere conto che, in modalità MOTION/DISCRIMINATION, quando un metal rileva e segnala un target (che sia o meno discriminato), esso è progettato per perdere immediatamente sensibilità onde evitare, venendo immediatamente a contatto con altri target magari di diversa natura, di dare segnalazioni anche contrastanti che possono confondere l’operatore. E’ ovvio che, più è lunga la durata di questo “stordimento”, maggiore è la possibilità che si perdano target che si trovino in prossimità del primo rilevato. Se invece il periodo di “desensibilizzazione” è troppo breve può accadere che:

1) Il medesimo target, specie se non troppo piccolo, venga segnalato più volte causando ovviamente confusione

2) Che la segnalazione sia così breve da essere confusa con un falso segnale

E’ ovvio che la Recovery Speed è legata anche ad altri fattori critici del metal detector, sia legati all’elettronica, sia alla meccanica, sia all’operatore umano.

Una implementazione elettronica della Recovery rapida, equilibrata ed efficace permette una migliore separazione dei target ed una diminuzione del cosiddetto IRON MASKING.

Parlando di meccanica invece, la dimensione della piastra, la sua forma e la sua tipologia, ovviamente influenzano la resa della recovery. Legato a questo c’è il fattore umano, con la velocità di spazzolata. Bisogna infatti cercare di spazzolare ad una velocità corretta per tentare, per quanto possibile, di arrivare ad un tempo/spazio di recupero ottimale.

Passo al secondo punto che è quello dello Sweep Speed (velocità di spazzolata) o meglio chiamarla come dice Bodhi3, “boost del Ground Filter” ossia l’ottimizzazione della velocità per rendere efficace l’attvità di quel determinato filtro funzionante in quel momento.

Faccio un esempio pratico semplice (alla Bodhi3 ) : Se piove a dirotto

(filtri) ho bisogno di aumentare la velocità del tergicristallo per vedere meglio attraverso il parabrezza.

Bravissimo Mario! Il parametro Sweep Speed (SS) è senz’altro meglio vederlo come se fosse un “POTENZIATORE DEI GROUND FILTERS”. Come molti sanno, all’aumentare della mineralizzazione nel terreno, è opportuno aumentare di conseguenza il numero dei filtri applicati (il cui funzionamento è stato ampiamente trattato nel mio blog). La conseguenza diretta è che, per ottenere un funzionamento efficace al top, la macchina richiede un aumento di velocità della spazzolata. Ma cosa posso fare in condizioni di elevato inquinamento da immondizia ferrosa o in spazi angusti dove non è possibile “agitarsi” più di tanto? Bhè, le soluzioni possono essere 2…

La prima soluzione passa attraverso l’adozione di una piastra più stretta di quella standard. Tale soluzione geometrica comporta che la velocità con cui il target passerà sotto la piastra (Velocità=Dimensione Piastra diviso il Tempo di Passaggio del Target sotto la stessa) aumenterà rendendo dunque più efficace il filtraggio.

L’altra soluzione è di tipo elettronico: i DFX/XLT/V3 permettono di migliorare la resa dei filtri agendo sul parametro Sweep Speed che permette, tecnicamente, di regolare l’ampiezza periodale di campionamento del segnale. Valori minimi permettono un periodo di campionamento del segnale più esteso, valori massimi restringono questa “finestra”. Ciò si traduce, in parole povere, nella “simulazione elettronica” di una piastra più o meno piccola e quindi, pensando a ciò che ho scritto prima, più o meno performante a seconda del filtraggio applicato.

Chiarito a mio modo, questo concetto, passo al punto SAT, quello che potrebbe confondere le idee, almeno le mie le ha confuse.

Cosa è la SAT:SAT SPEED (velocità della soglia autoregolante)

Serve a regolare la velocità del bilanciamento automatico effettuato dal M-D

Usare numeri bassi per un movimento lento della piastra.

Usare numeri un pò più alti per un movimento normale della piastra ( circa 60 cm al sec ).

Usare numeri più alti per un movimento veloce della piastra.

Ahimè, come ti dicevo questa mattina su Skype, qui c’è un pochino di confusione.

La SAT (Self Adjusting Threshold) Speed NON REGOLA la velocità del bilanciamento automatico del terreno effettuata dal MD.

Dovete tenere sempre a mente che il suono di Soglia (Threshold), mano a mano che si spazzola, può prendere delle “derive” rispetto al suo valore medio, a causa di variazioni della mineralizzazione, dell’interazione con target ACCETTATI o RIFIUTATI e della eventuale presenza di interferenze elettromagnetiche. I vecchi modelli di MD di solito disponevano di un pulsantino (o di un “grilletto”) che permettevano all’operatore di resettare manualmente la soglia al suo valore medio. I Metal dotati di SAT possono invece occuparsi in maniera totalmente automatica di questa noiosa incombenza. E’ ovvio che in condizioni di maggiore variabilità delle condizioni di mineralizzazione o in posti dove ci sia parecchia immondizia, sarà utile aumentare il valore di questo parametro per fare in modo che la soglia “tenga il passo”. Parimenti, in condizioni più tranquille, è meglio abbassare tale valore per non sovraccaricare la macchina inutilmente.

Questa è la terminologia ed il significato, ma mi chiedo la SAT ha una relazione con la SWEEP SPEED?

Non penso siano la stessa cosa !

Regola la velocità di bilanciamento del metal, ossia regola con che frequenza il metal si bilancia nell’arco di un tempo stabilito ?

Ossia in un minuto il metal si bilancia 2 volte ?

Quindi il movimento più o meno veloce della piastra, può inficiare il corretto bilanciamento?

Mi pare che non ci siano correlazioni tra SWEEP SPEEED che serve per una cosa e SAT !

Possiamo dire che non ci sono relazioni dirette tra SAT e Sweep Speed. E’ ovvio però che ci possono essere effetti derivati dalle variazioni di questi parametri.

Colgo l’occasione per ricordare che la gestione automatica del bilanciamento del terreno, nei metal White’s, è affidato al cosiddetto AUTOTRAC. Esso, almeno in alcuni modelli, è addirittura programmabile nel senso che è possibile impostare una sorta di velocità di bilanciamento del terreno. Questo termine (Velocità) è però stato usato a sproposito perché tale concetto è legato al tempo mentre invece l’AUTOTRAC SPEED si basa su un fattore ben diverso.

Faccio alcuni esempi prima di entrare nel dettaglio…

Immaginiamo di spazzolare alla nostra velocità abituale e di aver impostato l’AUTOTRAC SPEED ad un valore pari a 10 (valore inventato!). Se abbiamo la possibilità di impostare anche la funzione TRACK VIEW (DFX/XLT/V3), il metal ci segnalerà sul display (con la scritta TRACK) quando sta materialmente ri-sintonizzandosi con il terreno. Immaginiamo che tale segnalazioni compaia circa ogni 5-6 secondi. Ora, se raddoppiamo il valore di AUTOTRAC SPEED ci potremmo aspettare di veder apparire la scritta TRACK non più ogni 5-6 secondi ma dopo 2 o 3… E invece…

E invece magari continua ad apparirci dopo 5-6 secondi… Ma allora questo AUTOTRAC SPEED come funziona?

Funziona semplicemente modificando la soglia minima di variazione con cui “scatta” la procedura di ri-bilanciamento automatico. Mi spiego meglio. Con valori di A.S. bassi, il Metal Detector rieffettuerà il bilanciamento solo se esso rileva una variazione RELATIVAMENTE GRANDE nella mineralizzazione del terreno. Con valori di A.S. elevati invece il metal sarà sensibile anche a variazioni minime. Come dire che è possibile impostare la “tolleranza” del metal a queste variazioni. E’ ovvio che, all’aumentare del valore di AUTOTRAC SPEED, è PIU’ FACILE E FREQUENTE che il metal rilevi minuscole variazioni di mineralizzazione, facendoci quindi credere che è AUMENTATA LA VELOCITA’ DI RI-BILANCIAMENTO. Semplice no? Ecco perché, in condizioni particolari (leggi dove la mineralizzazione è sostanzialmente costante o quasi nulla) variare questo parametro, come nello stupido esempio che ho fatto prima, potrebbe non sortire alcun effetto.

Happy TrackThis Hunting!

Bodhi3