CategoryDEUS

TEST: New 11″ coil for XP DEUS (INTERNATIONAL EDITION)


Foreword by Leonardo/”Bodhi3″ (Director AMD Tech Team)

telecomandoEven if today two active AMDTT members are happy and proud owners of XP DEUS, our group was sometimes criticized for not giving enough space to the French manufacturer’s machines. Actually, in addition to the interesting article written by Alessandro/”Supermetalsandro that let him being awarded with our AAC prize in 2013 (see this LINK), we have analysed XP and DEUS machines more than one time with the exclusive interview to its founder and chief engineer Alain Loubet (in dual language Italian and English! LINK1 + LINK2), with the nice article by Sergio/”Xergix” on the DEUS “secret” features introduced since firmware 2.0 (LINK) and lately with a full review of Andy Sabisch “The DEUS Handbook” (LINK).

Now it’s the time to talk about one of the most amazing new accessory produced by XP for their top-of-the-line machine: a new 11″ DD coil.
Lot of users often complained about the small size of the stock coil (9″ DD) and about the excessive weight of the 11″x13″ DD spare coil.
Alain and his staff, as usual, have listened to the worldwide users’ requests and put themselves to work to manufacture what was really desired by many.

“Voilà”… Here it comes a 11” DD round coil!

Almost as light as the stock 9″ coil and… more performing!
After being informed of the existance of this new coil, I’ve immediately sent a email to Monsieur Loubet who, very kindly, after a very few days, sent us a brand new sample of the coil. Obviously I forwarded it into Sergio/”Xergix”‘s wise hands. He, helped by the precious support of Gianni/”Linux-Ubuntu”, immediately started a very rigorous series of  tests and analysis.

I won’t bother you anymore… Have a nice reading!

Leonardo/”Bodhi3”
AMD Tech Team

—————–
TEST: XD DEUS 11” DD Coil
Written by Sergio/”Xergix” (supported by Gianni/”Linux-Ubuntu”)
Editing and Translation by Leonardo/”Bodhi3″ © 2014 AMDTT

Piastra_28Finally Xplorer has launched on the market a so long awaited 11″ DD coil, a size that has become a sort of de facto standard on many hi-end detectors.

piastra_grande_deusWhen the 11″x13″ DD was introduced, most of the users were very happy for its enhanced depth but, on the other side, they were also disappointed by its excessive weight that unbalanced a detector who has in its light weight one of the biggest assets. Since then, a big demand of a new, somehow “intermediate” coil, grew up.

Xplorer, who is very famous worldwide to listen carefully to its customers’ desires, fulfilled this request in a very brilliant way!
They produced a nice 11″ coil (stem and fixing kit are included), weighting just 458 grams (including coil cover), exactly just about 15 grams more than the stock 9″ coil. Amazing, isn’t it?
Probably this will be the most appreciated feature since the metal will stay balanced and, I could confirm it since now, it allows users to hunt for hours without any arm fatigue. The bigger size, naturally, gives a greater soil cover and promises to bring an enhancement in depth compared to the other 2 coils.

Evaluating depth enhancements is always difficult and critical since too many variables must be faced. The easiest way should be doing some air test but, a part from being personally against those kind of not so reliable test method, it implies the lack of soil that surrounds the examined target and everybody knows the importance of this key factor during technical tests.

Coil

Weight in grams

Weight difference

9″

443

0

11″

458

+15

11”x13″

662

+219

Test Bed

With the cooperation of Gianni/”Linux-Ubuntu, we prepared a testbed to allow a first performance comparison between the new 11″ and the stock 9″ coil.

The ideal soil conditions were found in a olive tree grove that featured a nice vertical ground  cut without any containment wall. This allowed us to drill some holes, with a powerful battery drill, on the vertical face, placed at 14.5, 16 and 19 cm from the horizontal plane. As reference target, we used a bronze coin sized 22 mm fixed on the top of a flat wood stick that could be inserted and removed in and out the holes.

For our tests, we used two DEUS updated with firmware 3.2. To avoid differences, all the tests were made with the three most performing settings: Mito, DEUS Fast and Relic, without any setting modification, just turning on the machine, and ground balancing it over the soil (both machine measured a mineralization level of 72).

It would sound obvious to you that with those settings the DEUS is not at its maximum and we cannot demand spectacular performances; We agreed to keep these settings to keep the machines’ stability as much as we could. Also, we have choosen those particular depth measures (14.5, 16 and 19 cm) in order to have a comparable reference when testing the two coils.

General results show an advantage of the 11″ coil of about 3 (three) centimetres (1.18 inches) over the 9″ one. It may seem a little difference, but, in the analysed conditions, it’s a very good performance result.

We also made some target separation tests and, as we’ve being expecting, the 9″ coil showed up a little better performance than the 11″ one. You know… the bigger the coil…the less target separation precision you will have…

video_iconVideo

Some of these tests were recorded on a series of video we’ve uploaded on our YouTube channel . You could see them here (LINK)

Beach Test

The second test session was performed on a local beach. This time I pushed the machine a little bit to evaluate depth maximum limits. To place targets in position, we used a PVC pipe diagonally buried (45° degrees) in the sand. Then we used a second internal pipe marked with centimeters notches with a target holder on one end. This method allowed us obtain precise measurements of targets’ depth.

In these conditions, performance differences grew up and we measured a gap of about 5 cm (2 inches) between the 9″ and the 11″. The same 22mm bronze coin (used in the previous field tests) was now detected at about 33 cm (13 Inches) with a “diggable” sound

Tech Analysis

Strongly encouraged (Note by Bodhi3: You could tell “stressed to death” 😀) by Leonardo/”Bodhi3”,  I wanted to go into a deeper tech analysis.

My idea was to try to “visualize” the electromagnetic field shape, emitted from the coils. Obviously, with my lab instruments, I couldn’t aspire to high precision but, honestly, I think my experiments could give a quite reliable scientific representation of reality.

The analysis I performed, derived from my radio-amateur background (but also very common in other electronics measurements fields), was about measuring the electromagnetic field intensity emitted by the coil. I’ve thought the best way was to place a sort of “antenna” in front of the coil and to do a kind of horizontal/vertical “scanning” reading the values on a oscilloscope. My antenna was a Shure professional high sensitivity dynamic microphone (20-20.000hz frequency response) tied to a Fluke 123 portable oscilloscope.

The scanning steps were 2cm (about 0,8 inches) horizontally and the distance from the coil was exactly 5 cm (about 2 inches): so we had 150 measurements for the 11″ and 114 for the 9″ coil. They are a not large but sufficient sample to have a quite reliable analysis.

The results, as shown in the 3D postprocessing graphs, showed up a clear evidence that a different EM intensity diameter do exists: the 9″ has a more concentrated emission while the 11″ coil tend to have a wider pattern. Please note a peculiar dip of the signal toward the middle of the coil. My hypothesis on that anomaly is tied to a probable interference of the built in battery that is placed in the spoke where resides the transmit coil.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Bodhi3’s Tech Note: By carefully examining the electromagnetic patterns, you may be convinced that the 9″ coil, especially in the middle zone, could have a stronger intensity that could contradict field tests where the 11″ reaches better depths. One possible explication of this apparent inconsistency could be related to a better “nulling” between the TX and RX coils that lead to a much cleaner detected signal (lower S/N ratio) that allows a more efficient identification analysis even on very deep and weak targets.

I think it’s also very interesting to focus on the difference between the two coils (RX and TX) areas and the overlap point (where you can notice a signal nulling) and the maximum sensitivity area.

To perform a complete analysis, I would have had the chance to also make some measurements on the 11″x13″ coil but the one I had was not updated to 3.2 firmware release. As soon as I will upgrade it, I will repeat the measurement for my own curiousity.

Conclusions

Some targets found with the new 11" coil

Some targets found with the new 11″ coil

At the end of my analysis I can boldly state that true qualities of the new 11″ coil could be really appreciated on the field: first of all, its light weight, then a precise accuracy in target pinpointing and, with a good setting, you can gain up to 5 cm (2 inches) more depth compared to the stock 9″ coil. In real search I had the chance to compare the new coil with my mates’s DEUS mounting a 11″x13″. The new 11″ is definitely lighter and have almost the same excellent performance of the bigger one. VDIs were always coherent and only on few cases the 11″ was unable to show VDI but anyway it allowed to produce a solid and diggable audio tone.

Sergio/"Xergix"

Sergio/”Xergix”

This coil, without any doubt, brings the machine to a higher level and, I’m sure of this, it will be the perfect substitute of the stock coil for any demanding hunter. I can also add that, with the introduction of this new coil, XPlorer almost completed the coil set to face almost any possible request but I’m also sure that the French manufacturer will continue to surprise us with new innovative and amazing projects.

Gianni/"Linux-Ubuntu"

Gianni/”Linux-Ubuntu”

Note by Bodhi3: If I could find a single, but unfortunately not negligible, defect: the price… It is now sold at about 360 Euro (including VAT). We hope that the price will fall down as soon as possible allowing more and more people to buy this awesome coil without particular sacrifice.

For more information:
Xplorer Detectors
Web: www.xpmetaldetectors.com

TEST: Nuova piastra da 11″ per XP DEUS


Premessa di Leonardo/”Bodhi3″

telecomandoSebbene attualmente due membri di AMDTT siano felici possessori di XP DEUS, il gruppo è stato più volte criticato per aver dato poco spazio alle macchine dell’azienda francese. In realtà, oltre al pregevole articolo scritto da Alessandro/”Supermetalsandro”, che gli valse addirittura l’AAC nel 2013 (vedi LINK), siamo tornati sull’argomento XP e DEUS più di una volta con l’intervista al suo fondatore Alain Loubet (in doppia lingua! LINK1 e LINK2), con un bell’articolo di Sergio/”Xergix” sulle funzioni “Segrete” del firmware del DEUS introdotte a partire dalla release 2.0 (LINK) e con la recensione del libro di Andy Sabisch “The DEUS Handbook” (LINK). E’ ora di parlare di una delle più interessanti novità messe sul mercato dall’azienda transalpina per il loro top di gamma: una piastra DD da 11”. Molti utenti infatti hanno lamentato le dimensioni a volte considerate troppo esigue (9” DD) della piastra di serie e l’eccessivo peso della 11”x13” DD. Alain e il suo staff, come al solito, hanno accolto le accorate richieste dei cercatori di tutto il mondo e si sono messi al lavoro per produrre ciò che era tanto desiderato. Voilà… Ecco una piastra 11” DD! Leggera praticamente quanto quella di serie… e più performante. Dopo aver saputo la notizia dell’esistenza di questa piastra, ho subito contattato Monsieur Loubet che, gentilissimo, dopo pochi giorni ci ha inviato un esemplare nuovo di pacca di questa piastra. Ovviamente è stata affidata alle “cure” di Sergio/”Xergix” che, con la preziosa collaborazione di Gianni/”Linux-Ubuntu” ha avviato una serie di prove e di analisi rigorosissime.

Non vi annoio oltre…Buona lettura!

Leonardo/”Bodhi3”
Direttore AMD Tech Team

—————–
TEST: XD DEUS 11” DD Coil
di Sergio/”Xergix” (con la collaborazione di Gianni/”Linux-Ubuntu”) © 2014 AMDTT

Piastra_28Finalmente la Xplorer ha messo in vendita la tanto attesa piastra da 11” , il diametro che rispetta lo standard della maggior parte delle piastre che vengono oggi montate sulla maggior parte dei metal detectors per uso hobbistico, e proprio per questo ci si aspettava che anche per il DEUS si seguisse questa strada.

piastra_grande_deusQuando uscì la 11×13” DD, la maggior parte degli utenti accolse favorevolmente questa piastra ellittica che prometteva maggiori profondità ma che, di suo, aveva il difetto di sbilanciare un metal che della leggerezza aveva fatto un suo punto di forza; da qui si può dire che venne la grande richiesta degli utilizzatori del DEUS di una piastra, potremmo dire, intermedia.

La Xplorer, che ha il grande merito di ascoltare i suoi utenti con una certa costante attenzione, non ha deluso questa richiesta, e ha prodotto una piastra che di certo ha accontentato tutti, che viene venduta completa di stem e kit di fissaggio e che pesa solo 458 grammi (compreso il salva piastra), circa 15 grammi in più della standard. Forse è questa la caratteristica più apprezzata perchè mantiene il metal ben bilanciato e, lo posso confermare sin d’ora, permette ore di ricerca senza stancare il braccio. Il maggior diametro, naturalmente, da una più ampia copertura dell’area di ricerca e crea una certa aspettativa sull’incremento di profondità di ricerca rispetto alle altre due piastre.

Fare valutazioni su questo parametro ci porta in un terreno assai ostico a causa delle innumerevoli variabili che ci troviamo ad affrontare. La strada più semplice di certo sarebbe quella delle prove in aria ma, a parte che sono da sempre stato contrario, verrebbe meno la presenza del terreno che circonda il target da esaminare, e si sa che proprio il terreno svolge la funzione principale da mettere in conto quando si fanno queste prove tecniche.

 

 

Coil

Peso in grammi

Differenza peso

9″

443

0

11″

458

+15

11”x13″

662

+219

Test Bed

Con la collaborazione di Gianni/”Linux-Ubuntu” del team di AMDTT, si è allestito un campo prova per permettere di confrontare la nuova piastra 11” con la 9” standard.

Il terreno ideale si è trovato in un oliveto con la caratteristica di aver delle piane senza muretti di contenimento, questo ha permesso di fare dei fori, per mezzo di un trapano a batteria, nell’alzata della piana a tre diverse profondità: 14.5, 16, 19 cm. Come target si è utilizzato una moneta in bronzo del diametro di 22 mm fissata su una stecca di legno per permettere di inserirla nei fori e recuperarla.

Per i test, abbiamo usato due DEUS aggiornati alla versione 3.2. Per evitare differenze, tutte le prove sono state fatte con i tre programmi terrestri più performanti, cioè Mito, DEUS Fast e Relic, senza alcuna modifica ai setting, accendendo il metal e facendo solo l’abbattimento del terreno che comunque dava una mineralizzazione di 72 su entrambi i detector. Risulterà ovvio che in queste condizioni il DEUS ha la briglia un pò tirata e non si possono pretendere grandissime prestazioni; Abbiamo deciso di mantenere queste impostazioni per rendere il più stabile possibile il metal e le stesse profondità di prova sono state scelte per avere un riferimento sulle due piastre.

Il risultato generale porta un vantaggio di circa 3 (tre) centimetri sulla piastra da 9”, che possono sembrare pochi ma, nelle condizioni analizzate, sono veramente un buon risultato. Le prove di separazione dei target, come era prevedibile, hanno evidenziato una leggera migliore prestazione della 9” sulla 11” ma si sa, più grandi sono le dimensioni della piastra, meno precisa sarà la precisione.

video_icon

Video

Di questi test sono stati realizzati anche alcuni video che potrete vedere nel nostro canale su Youtube (cliccate qui: LINK)

Beach Test

Una seconda sessione di prove è stata fatta in spiaggia. Questa volta ho voluto portare il detector su settaggi più performanti per poter valutare i limiti di profondità. Per posizionare i target abbiamo utilizzato un tubo in PVC inserito diagonalmente rispetto al piano della sabbia. Al suo interno è stato infilato un secondo tubo suddiviso in tacche centimetriche che alla sua estremità conteneva l’oggetto sotto test; questo metodo permette di regolare “al centimetro” la profondità del target.

In queste condizioni le differenze sono aumentate e il gap fra la 9” e la 11” si è attestata all’incirca sui 5 cm. La stessa moneta in bronzo da 22 mm è stata infatti rilevata a circa 33 cm di profondità con segnale “scavabile”.

Tech Analysis

Stimolato intensamente (Nota di Bodhi3: Puoi anche dire “stressato a morte” 😀) da Leonardo/”Bodhi3”, ho voluto approfondire maggiormente l’analisi. L’idea è stata quella di vedere se potevo visualizzare la forma dell’emissione del segnale della piastra, ovviamente senza pretendere alta precisione, diciamo una cosa di massima, più per soddisfare una curiosità ma che avesse una certa attendibilità scientifica.

L’analisi che ho effettuato, riveniente dalla mia esperienza in campo radioamatoriale ma piuttosto comune anche in altri campi di investigazione tecnico-elettronica, è stato quello di misurare l’intensità del campo elettromagnetico emesso dalla piastra. Ho pensato che il metodo migliore fosse quello di posizionare una sorta di “antenna” davanti alla piastra e fare una scansione orizzontale/verticale leggendo i valori su un oscilloscopio: Come antenna ho utilizzato un microfono dinamico professionale Shure con banda passante 20-20.000 hz ad alta sensibilità e per visualizzare il segnale un oscilloscopio portatile Fluke 123. Per la scansione ho scelto passi di 2 cm orizzontali e verticali e 5 cm la distanza dal piatto della piastra: di conseguenza abbiamo 150 punti di lettura per la 11” e 114 per la 9”; non sono molti ma sono sicuramente sufficienti per darci un quadro complessivo discretamente affidabile.

Il risultato, come si vede dai grafici in 3D frutto della mia successiva rielaborazione, mette in chiara evidenza la differenza di diametro delle due piastre: la 9” ha una emissione più concentrata mentre nella 11” è più allargata. Da notare un particolare avvallamento del segnale in corrispondenza del centro della piastra, meno pronunciato sulla piastra piccola. La è mia ipotesi è che tale anomalia sia legata all’interferenza della batteria sulla emissione del segnale, visto che questa si trova all’interno della razza posta sul lato dell’avvolgimento di trasmissione.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nota tecnica di Leonardo/”Bodhi3″: Osservando i differenti pattern elettromagnetici parrebbe che la 9″ abbia, specie nella zona centrale una maggiore intensità che andrebbe a contraddire invece i risultati sul campo che vedono la 11″ raggiungere profondità maggiori. Una possibile spiegazione di questa apparente incongruenza è data dal potenziale miglior “nulling” tra bobina ricevente e trasmittente che darà luogo ad un segnale rilevato più pulito, netto e tale da permettere un analisi di identificazione più efficace anche su target molto deboli.

Molto interessante è la differenza fra le aree dei due avvolgimenti e il punto di sovrapposizione (dove si vede quasi un azzeramento del segnale) e il punto di massima sensibilità, anzi per essere precisi, di interferenza da parte del target.

Per completezza, mi sarebbe piaciuto analizzare anche la 10”x12” ma purtroppo l’unica che avrei potuto avere a disposizione non è stata aggiornata alla versione 3.2 del software, appena lo sarà non perderò l’occasione di testarla per togliermi anche questa curiosità.

Conclusioni

Alcuni target trovati in ricerca vera con la nuova piastra da 11"

Alcuni target trovati in ricerca vera con la nuova piastra da 11″

Traendo le conclusioni, è sul campo che si possono apprezzare le qualità della 11”: in primis, mi  ripeto, la leggerezza, poi nessun problema nel centraggio dei target e, con una buona ottimizzazione dei programmi, con questa piastra si possono guadagnare oltre cinque centimetri rispetto alla standard. Nelle prove in ricerca vera, ho fatto diverse uscite con colleghi che montavano sia la 9” che la 11×13”; proprio su quest’ultima non ci sono stati momenti di grande differenza, i VDI sono sempre stati coerenti e solo in pochi casi, su segnali deboli, la 11” non riusciva a visualizzare il VDI ma comunque riproduceva un suono scavabile.

Sergio/"Xergix"

Sergio/”Xergix”

Questa piastra porta senza dubbio il metal detector ad un livello superiore e, ne sono certo, prenderà posto della 9” sui DEUS dei cercatori più esigenti. Posso anche aggiungere che con questo prodotto la XPlorer ha completato il set di piastre per tutte le esigenze ma di sicuro non tarderà a  meravigliarci con nuovi progetti innovativi nel campo della ricerca con metal detector.

Gianni/"Linux-Ubuntu"

Gianni/”Linux-Ubuntu”

Nota di Bodhi3: Se posso trovargli un unico, ma ahimè non trascurabile, neo: il prezzo… Attualmente viene venduta a circa 360 Euro (IVA Compresa). Speriamo che col tempo il prezzo scenda in modo che sempre più cercatori possano acquistare, senza troppi sacrifici, questa bella piastra.

Per ulteriori informazioni:
Xplorer Detectors
Web: www.xpmetaldetectors.com

NEWS: Nuovo aggiornamento del software dell’XP DEUS (3.2)


Schermata 09-2456539 alle 13.47.32E’ appena stato rilasciato l’ennesimo aggiornamento del software dell’XP DEUS, la release 3.2.

Leggendo nel sito del costruttore francese, questa nuova release correggerà la misurazione lenta dell’intensità della mineralizzazione, l’indicazione del livello di carica della batteria e imposterà di default su OFF la funzione Notch Ground.

Un’ulteriore nota ribadisce che a partire dalla versione V3.0 in avanti, il programma DEUS FAST (o quando viene impostata la reattività a 3, 4 o 5) ha il SILENCER a -1, in modo da migliorare in maniera significativa la separazione dei target. Il Software V3.x offre quindi performance molto migliori su terreni infestati da ferro. Per coloro che ancora montano le versioni 2.x, possono ottenere una migliore discriminazione del ferro aumentando il valore del SILENCER intorno a 2.

Maggiori informazioni qui su come scaricare il software:

http://www.xpmetaldetectors.com/blog-detection/en/update-deus-3-1/update-deus-3-2-2/

Buona ricerca!

Leonardo/”Bodhi3″
Direttore AMD Tech Team

 

 

 

 

 

DEUS: Analisi delle funzioni “segrete” della versione 2.0


Il nostro amico ed esperto di elettronica Sergio/”Xergix”, possessore entusiasta di XP DEUS V2.0, ha studiato in questi giorni le funzioni nascoste che recentemente sono state “scoperte” da un cercatore russo. Grazie appunto ad una particolare sequenza di tasti, è possibile attivare alcune funzioni di cui si ignorava l’esistenza e che, se ben interpretate, possono fornire informazioni molto interessanti per il detectorista avanzato.

Complimenti davvero a Sergio/”Xergix” per l’attenta ed interessante analisi e per gli utilissimi grafici!

Buona lettura!

Leonardo/”Bodhi3

————————-

DEUS: Analisi delle funzioni “segrete” della versione 2.0

(c) 2013 Sergio/”Xergix” for AMDTT

ADVANCED

Ecco il Menù “Segreto” ADVANCED!

Moltissime apparecchiature che utilizzano microprocessori e programmazioni evolute, spesso nascondono funzioni nascoste che possono essere visualizzate digitando combinazioni di tasti. Queste funzioni “mascherate” servono in genere ai tecnici dei laboratori di Service  per controllare il corretto funzionamento dell’apparato sotto test. Anche  il metal detector XP Deus, uno degli modelli più evoluti che gli appassionati di metal detectoring possono trovare sul mercato, ha questa possibilità di entrare in un sottomenù nascosto.

Il merito di questa scoperta pare sia dovuta ad un detectorista russo e nel mondo del detecting ha suscitato un certo interesse anche in previsione dell’uscita dell’ aggiornamento 3.0  del Deus, tanto che  è intervenuto lo stesso Alain Loubet, proprietario della  XP, per spiegare che la presenza del menù non era stata resa visibile perché avrebbe potuto confondere gli utilizzatori del Deus.

Andando nel menù OPZIONI e premendo contemporaneamente i tasti PINPOINT e “+” (PIU’) si può aggiungere  un menu chiamato “Advanced”. All’interno di questo menù possiamo trovare due programmi ,  GND HISTORY e VISUALIZATION XY.

VISUALIZATION XY

Accediamo ai nuovi menù

GND HISTORY

Ecco il grafico del GND HISTORY

Il primo analizza in tempo reale il valore di Ground letto dal detector con un range compreso fra 50 e 90; la lettura può essere azzerata per poter ricominciare utilizzando il tasto RAZ e sotto il grafico si può leggere il valore massimo letto durante l’analisi.Tutto ciò permette di farsi un’idea del tipo di terreno visualizzando le variazioni del valore di ground dell’area di ricerca.

Questo grafico quindi ricorda davvero tanto la funzione di tracciamento “PROSPECTING” presente sul White’s V3i che analizza appunto le variazioni di mineralizzazione con un grafico continuo

(Nota di Bodhi3: questa funzione è stata introdotta per agevolare i cercatori di oro nativo. E’ infatti statisticamente più probabile che le piccole pepite e pagliuzze d’oro vengano a depositarsi in zone dove si accumula sabbia nera mineralizzata. Questo grafico, permettendo di evidenziare continuamente anomalie nel valore Ground, permetterà ai prospettori di individuare più facilmente gli accumuli di sabbia nera e quindi, potenzialmente, oro.)

Tracciato con una 50 centesimi

Tracciato con una 50 centesimi

Il secondo programma potrebbe essere definito un visualizzatore vettoriale del segnale del target, del tipo presente sul metal detector V3i della White’s ovvero la funzione “POLAR PLOT”. Sul display si vedono gli assi cartesiani X-Y  e provando a passare sulla testa di ricerca del metal una moneta, si vedranno comparire delle tracce più o meno inclinate che attraverseranno, passando per lo 0, il primo e il terzo quadrante degli assi cartesiani. L’inclinazione delle tracce, come vedremo più avanti, è strettamente legata alla conduttività dell’oggetto.

Tracciato con un tappo a corona

Tracciato con un tappo a corona

Se invece, ad esempio, passiamo un tappo corona,  le aree degli assi verranno attraversate da una serie di linee confuse un po’ come uno scarabocchio, questo a causa della componente ferrosa  del tappo.

Teoricamente questa funzione potrebbe dare al cercatore un vantaggio in fase di ricerca ma, purtroppo, a parte le tracce il display non mostra altri dati,  nè il VDI della traccia nè altri possibili valori, quindi così come stanno le cose una effettiva utilità di questo programma sarebbe piuttosto relativa, quantomeno per un utilizzo diretto ed immediato.

Però, analizzando meglio il display, in assenza di segnale si nota che nel quarto quadrante ci sono due righe, una più marcata inclinata di 30° rispetto all’asse X e una tratteggiata posizionata fra la prima e l’asse Y, queste due righe sono l’espressione del valore di discriminazione; la riga più marcata è pari a DISC=0 , quella tratteggiata è il valore imposto nel programma di ricerca.

GRAFICO

Come si sa sul Deus i valori di discriminazione vanno da 0 a 99, e se impostiamo 99 vedremo che la riga si posizionerà appena sotto all’asse X negativo nel terzo quadrante.

DISC LINES

Ecco le linee base

A  questo punto sappiamo che il programma ci permette avere l’indicazione visiva del VDI e della discriminazione impostata; se quando stiamo guardando questo programma  abbiamo impostato il ground balance in tracking non vedremo altre righe, questo perché il metal posiziona automaticamente il valore di ground a 90.

Se variamo questo valore e lo portiamo, per esempio, ad 80, vedremo che comparirà una riga che attraversa gli assi dal secondo quadrante al quarto passando per lo 0, con GB a 90 il valore si sovrappone all’asse X,  i valori sono compresi fra 60 e 95 e coprono l’asse X, nel caso si impostasse il programma SPIAGGIA i valori saranno  fra  0 e 30  sull’asse Y, a GB 25 il valore si sovrappone all’asse Y.

GRAFICO 2

Grafico Bilanciamento TERRA

Grafico Bilanciamento TERRA

Grafico Bilanciamento MARE

Grafico Bilanciamento MARE

Quindi, ricapitolando, nel programma Visualization XY si possono vedere i parametri di ground  sia terrestre che in spiaggia, l’impostazione del valore di discriminazione rispetto allo 0 e i valori di VDI ( approssimativi) durante la ricerca.

Sorge spontanea la domanda, in ricerca vera che vantaggi mi può portare ?

Xergix

Sergio/”Xergix”. Autore dell’analisi

È difficile rispondere,  ho voluto fare delle prove sul campo per verificare effettivamente se si potevano avere vantaggi in ricerca vera, e si può dire che, con un po’ di esperienza, utilizzando il diagramma vettoriale,  si può distinguere un oggetto buono in funzione della compattezza delle tracce, al contrario del trash e del ferro  che genera tracce scomposte. Inoltre si può capire se un oggetto è profondo se la traccia è piccola attorno all’incrocio degli assi cartesiani mentre gli altri parametri in ricerca sembrano non essere influenti. Forse, se con il prossimo aggiornamento questo programma venisse implementato con l’indicazione del VDI, esso potrebbe dare un maggior aiuto nel capire cosa stiamo analizzando durante la ricerca. Ahimè attualmente la mancanza di  graduazione né indicazione numerica dei valori rappresentati rende poco pratico l’uso ma non del tutto inutile.  Resta comunque  il fatto che questo metal detector è effettivamente un apparato all’avanguardia nel campo del detecting, anche grazie alla possibilità di essere facilmente aggiornato attraverso il PC.

Sergio/”Xergix”
AMDTT Electronics Expert

————-

Alcune note biografiche sull’autore:

Sergio/”Xergix”, altro membro toscano insieme a Mauro “Mauroki”, è una figura molto nota nei maggiori forum MD d’Italia. Conosciuto per la sua indiscutibile preparazione in elettronica applicata al detecting, propone intelligenti ed utili modifiche da applicare ai nostri strumenti per migliorarne notevolmente prestazioni e versatilità. Possiede ottima esperienza sia in ricerca marina che terrestre, saprà darvi consigli utili praticamente su tutti gli aspetti del MDing. Sergio ora utilizza XP DEUS, Minelab E-TRAC, White’s MXT300 e due metal autocostruiti: Pd3200 by i5eus – Tiny2