V3: “SALT COMPENSATE” e miglioramento della Stabilità

Vorrei spendere due parole circa una feature del V3 che può essere utilizzata per migliorare, anche di molto, la stabilità complessiva della macchina.
Oggi infatti, girovagando in alcuni forum americani, ho trovato un importante riscontro ad una cosa che avevo notato durante la prova dello Spectra.

Come dovreste sapere, il V3 può operare sia in Multifrequenza (3 frequenze tutte insieme) che in mono-frequenza (a scelta fra 2.5, 7.5 e 22.5KHz).

La prima modalità può poi essere pilotata da 3 algoritmi diversi:

1) BEST DATA – Ovvero il V3 prenderà il migliore dei segnali tra le tre frequenze ignorando le altre due.  PRO: E’ la modalità che fornisce la migliore discriminazione in assoluto e, tra le modalità multifrequenza, è quella che va più a fondo. CONTRO: Rispetto alla (giusta) monofrequenza non è altrettanto performante in termini di profondità. Non è il massimo in battigia e in acqua di mare

2) CORRELATE MODE – In questo caso lo Spectra verificherà se c’è appunto una correlazione tra le tre risposte. In caso positivo darà la segnalazione del target, in caso negativo (ovvero con risposte NON coerenti) ignorerà il tutto. PRO: Questa modalità è la migliore in caso di elevato inquinamento da ferro. CONTRO: E’ la modalità monofrequenza che va meno a fondo. Non è il massimo in battigia e in acqua di mare.

3) SALT COMPENSATE – Questo modo implementa sia l’algoritmo BEST DATA che quello di “SALT SUBTRACTION“. Quest’ultimo algoritmo provvede a bilanciare il V3 anche verso il sale marino/alcalino insieme al tradizionale bilanciamento verso la mineralizzazione ferrosa. Da notare che questo Modo Operativo è sostanzialmente uguale al funzionamento BEST DATA del DFX ove non era possibile impedire la compensazione del sale ne nel BEST ne nel CORRELATE.  PRO: E’ la migliore modalità per l’uso in battigia e in acqua marina CONTRO: A parità di sensitivity, si potrebbe notare un pochino di sensibilità in meno sui piccoli oggetti in oro. Questo perchè il Segnale dell’Oro Piccolo e quello del Sale sono molto vicini nella scala VDI e l’algoritmo SALT COMPENSATE va proprio a diminuire la sensibilità in quella zona.

Ora, facendo in miei test su terreno a mineralizzazione ferrosa media, medio-alta e alta, ho notato che, impostando la SALT COMPENSATE (anche quindi lontano dal mare!), il V3 diventa molto più stabile e “tranquillo” anche a settaggi ben pompati. Li per li, non ci ho badato più di tanto, ho pensato ad una semplice coincidenza, ma oggi ho avuto modo di leggere parecchi post che confermano questa mia accidentale osservazione.

Se poi ci riflettiamo su un pochino non è poi così strana come cosa. La SALT COMPENSATE tende a “smorzare” i segnali che ruotano intorno al VDI=+2, sia a destra (VDI positivi = Segnali NON Ferrosi) che a sinistra. (VDI negativi = Segnali Ferrosi + Maggioranza Falsi Segnali) .. Ecco perchè questo settaggio può far diventare più tranquillo il V3 quando, all’aumentare dei valori di Gain e Discrimination Sensitivity, aumenteranno normalmente anche i falsi segnali.

Tutto ciò ha ovviamente un piccolo rovescio della medaglia…

Si potrà quindi assistere ad una leggera perdita di sensibilità sull’oro piccolo (vedi sopra) ma che nella ricerca su terra, in tutta onestà, è statisticamente trascurabile, e una leggera perdita di profondità a tutto tondo.

Quest’ultimo problemino potrà però essere quasi tutto compensato dalla possibilità di settare Gain e Discrim Sens più alti grazie alla maggiore “tranquillità” della macchina…

Happy SALTY Hunting!

Bodhi3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.