CategoryMODS


Una seconda vita per la mia piastra DETECH SEF 12”x10”


2014-11-25 15.14.29Da un po’ di tempo il mio fido White’s Spectra V3i, con bobina Detech SEF 12×10 V-Nulled, emetteva degli strani suoni e dava segni d’instabilità apparentemente ingiustificabili. Le prestazioni, pian piano, quasi impercettibilmente, stavano scadendo sempre di più, quando una mattina il dramma! Instabilità assoluta, rumori e scricchiolii sinistri. Credendo che fosse una particolare conformazione del terreno, mi metto a smanettare: abbasso il Gain, abbasso la sensibilità, cambio filtri, rieffettuo il bilanciamento ma niente, nulla cambia. Smonto tutto e con la coda fra le gambe decido di tornarmene a casa . Che rabbia !!! Aspetti con ansia quell’unica mezza giornata in cui puoi “scappare” da tutto e da tutti e dedicarti al tuo hobby preferito e quando ci sei, devi abbandonare.

 

Continue Reading

INTERNATIONAL-MODS: E^5BOOSTER, enhance your pinpointer performances with a simple click!


Foreword by Leonardo/”Bodhi3″

As announced some days ago (LINK) , Sergio/”Xergix”, AMDTT senior member and electronic expert, just sent me his article on the E^5Booster (read it ‘E to the 5th Power’ Booster) project. I’m so happy Sergio decided to share his intelligent idea with all the blog readers who, I have no doubts, will really appreciate his work. I want to thank Sergio again for his excellent work and also I would like to thank Mauro/”Mauroki” for the extra photos and bench and field tests of the prototypes Have a nice reading!

Leonardo/”Bodhi3″
AMD Tech Team Director
—————–
MODS: Project E^5Booster to enhance handheld pinpointer performance.
Project and Article by Sergio/”Xergix”. (c) 2014 for AMDTT
Extra photos and tests by Mauro/”Mauroki”

1. Introduction

E5BOOSTER

The official E^5Booster Logo

Its a well known “trick”, in the detecting scene, that moving a small coin or any other small metal object closer to the base of the probe (Note by Bodhi3: the probe is something like an antenna, and it’s the sensitive part of the pinpointer) of any handheld pinpointer, you will have a sort of performance boost, in detecting distance/depth, on inspected buried targets. You will easily find some videos on Youtube about this trick and I will give you some links in the ending appendix to this article.

From the electronics point of view, the explanation is quite easy: the little coin just “tunes” the probe that fundamentally is a coil with a ferrite core inside. As well as with old radios that could be tuned by manipulating a coil with a ferromagnetic core (ferrite), the pinpointer probe can be “tuned” by placing a piece of metal at the coils end, gaining sensitivity.

Leonardo/”Bodhi3” Tech Note

By placing a ferromagnetic core inside a coil, the emitted electromagnetic field will be amplified. This is due to the increased electric inductance, since it is proportional not only to the coil windings number but also to the ferrite core magnetic permeability that is much greater than the one measured with air core.

Schermata 03-2456743 alle 15.29.22In this formula we can see how inductance “L” is proportional to the windings number “N”, to the nucleus area “A”, to its length “l” and the forementioned core magnetic permeability (greek letter Mu). In simple words, the iron core increases the electric inductance that will produce a more intense electromagnetic field.

2. How E^5Booster works?

The E^5Booster essentially is a virtual small coin but, compared to this one, has the great advantage it can be “activated” by just pressing a small button without the need of moving it. This will allow to easily fix it on the pinpointer in a stable way without any mechanical moving parts. Fundamentally the E^5Booster is just a coil and a mini button that closes the circuit when pressed. Let’s try to explain the technical difference between the “coin-trick” and the “coil-with-a-button” booster. From an electronics point of view, a coin is essentially comparable to a closed coil and could strongly interfere with a LC circuit (L=Inductance, C=Capacitance) as the pinpointer probe, in the same way a ring could do. You can use a common ring instead of a coin and the result will be the same: if the coil is “open” (read “interrupted”) won’t interfere with the probe, but if we shortcircuit it with a switch button, we will transform the coil in a sort of ring that could be compared to a coin. Easy, isn’t it?

3. Let’s do it!

Everything we need to produce an E^5Booster is a coil and a switch button: the more convenient coil shape is the planar one, since it can be easily adapted to any surface, rounded as Garrett’s Propointer, Minelab’s ProFinder, White’s TRX or flat ones as with DTS Sherlock or White’s Bullseye II. The switch button should be as small as possible and I suggest to use a 0,25 mm electric wire to produce the coil. It could be varnished or insulated. The coil I’ve made has 5 windings but the number is not critical. In the first prototypes (see photos) I used a small matrix board but it wasn’t flexible enough to be applied to the pinpointer in the right way.

So I had the idea to use something flexible and I’ve placed the coil and the switch button on a floppy plastic strip taken from a blister envelope. But I wasn’t satisfied enough. So I’ve transfered the circuit on a self-adhesive neoprene strip and the result is a flexible E^5Booster that could be easily applied on any pinpointer.

4. Let’s take a look at it

pulsante

This is a magnified pic of the swich button: you can buy even smaller ones but I had a lot of them at home… so I saved some money…

Primo prototipo fatto su scheda millefori

The first prototybe on a small matrix board

 

5. How to apply the E^Booster to your pinpointer

Applying the Booster is very easy: you just need to place it on the base of the probe when the pinpointer is turned on. Then you slowly move it along the probe (toward its tip) keeping the switch button pressed until the pinpointer will start to beep. Then you just slightly move it back until the pinpointer beep won’t stop. That is the correct position!

You can now fix it with an adhesive tape (just the coil area, leave the miniswitch uncovered).

The E^5Booster, when the switch button is pressed, will almost allow to double the pinpointer sensitivity. I’ve, together with many friends, have done many tests on different models having really brilliant performances. Obviously, if you have a cheap pinpointer that can only detect things that are very very close (some cannot detect coins over 1 cm away!) the E^5Booster will maybe allow you to extend the sensitivity to 2 cm, but on good models that are able to detect a coin 3-4 cm away, the results will be amazing!

And think about it… No batteries…No special electronics…and soooo cheap and easy to be made!

 

Addendum by Mauro/”Mauroki”

Mauroki/"Mauroki"

Mauroki/”Mauroki”

Yesterday, during a hunt with my Spectra V3i, I had the chance to test the E^5Booster on the field on my Propointer. Its intuitive and easy use will enhance the already great performance of the Garrett pinpointer. You just need to press the mini-switch to detect targets at greater depths well over the original capability.

 

PRO: E^5Booster will almost double your pinpointer performance

CONS: If not correcty fixed or protected from moisture and mud, this tiny circuit could be easily lost or have some malfunctions.

I think the perfect solutions could be, and I know that Sergio is already working at it, to have the E^5Booster in a neoprene ring that could be fitted around the Propointer, with a well protected and waterproofed mini-switch. Mmmm… I think manufacturers should work on it. Don’t you agree?

APPENDIX

Some international videos on the pinpointer “trick”: https://www.youtube.com/watch?v=X0tpCEEcNHE https://www.youtube.com/watch?v=5NwKFql01Wg

MODS: E^5Booster, incrementa le prestazioni del tuo pinpointer con un click!


Premessa 

Come preannunciato qualche giorno fa, Sergio/”Xergix”, membro senior di AMDTT ed esperto appassionato di elettronica, mi ha mandato, per la pubblicazione, l’articolo sul progetto E^5Booster (E alla 5° Potenza Booster). Sono davvero felice che il nostro amico abbia voluto condividere con tutti i lettori del blog la sua intelligente idea che, ne sono certo, verrà apprezzata da moltissimi utenti.

Voglio rinnovare i miei ringraziamenti a Sergio per il lavoro svolto, ed anche a Mauro/”Mauroki” per le foto ed i test integrativi fatti a banco e sul campo.

Buona lettura!

Leonardo/”Bodhi3″
AMD Tech Team Director

—————–

MODS: Progetto E^5Booster per incrementare le prestazioni dei pinpointer portatili.
Progetto e Articolo di Sergio/”Xergix”. (c) 2014 for AMDTT
Foto extra e prove sul campo di Mauro/”Mauroki”

1. Introduzione

E5BOOSTER

Il logo ufficiale dell’E^5Booster

E’ risaputo, nell’ambito dei detectoristi, che avvicinando una monetina o altro piccolo oggetto metallico alla base del probe (Nota di Bodhi3: l’antenna, parte sensibile del pinpointer) di un qualsiasi pinpointer portatile ,  si riesce ad aumentare il guadagno, in distanza,  sul target che ci accingiamo ad investigare.  Sui vari forum e su Youtube ci sono numerose dimostrazioni  di questa cosa ed in appendice a questo articolo lascerò qualche link. Dal punto di vista elettronico la spiegazione è abbastanza semplice:  praticamente la moneta “accorda” il probe, che

Sergio/"Xergix"

Sergio/”Xergix”

fondamentalmente è una bobina con nucleo, così come nelle vecchie radio si avevano delle bobine che potevano essere accordate per mezzo di un nucleo ferromagnetico ( ferrite), lo stesso probe può essere accordato aggiungendo una parte di metallo all’estremità della bobina, guadagnando in sensibilità.

Nota tecnica di Leonardo/”Bodhi3″
L’inserimento all’interno di un avvolgimento realizzato con un mezzo conduttore (bobina) di un nucleo in ferrite fa si che il campo elettromagnetico generato dalla bobina si amplifichi. Ciò perchè la sua induttanza elettrica, che è direttamente legata all’intensità del campo elettromagnetico, è proporzionale non solo al numero delle spire (al quadrato) ma anche all’indice di  permeabilità magnetica del nucleo in ferrite che è decisamente superiore a quello dell’aria (ovvero in assenza di nucleo).
Schermata 03-2456743 alle 15.29.22

In questa formula vediamo come l’induttanza L sia proporzionale appunto al numero delle spire N (al quadrato), all’area del nucleo A, alla sua lunghezza l (elle) e, appunto, alla permeabilità magnetica del nucleo stesso (lettera greca Mu). In parole semplici, il nucleo in ferrite fa aumentare l’induttanza elettrica che, a sua volta, rende più intenso il campo elettromagnetico emesso dalla bobina.

2. Come funziona E^5Booster

E^5Booster praticamente si sostituisce alla monetina ma, rispetto a questa, ha il pregio di poter essere attivato tramite un pulsante senza quindi dover essere “spostato” di posizione e rendendolo quindi facilmente posizionabile in modo stabile sul pinpointer. Fondamentalmente si compone di una bobina e di un semplice mini pulsante che, se premuto, chiude il circuito della bobina.

Cerchiamo ora di capire la differenza tecnica fra una monetina e una bobina con pulsante. Dal punto di vista della fisica elettronica una moneta è fondamentalmente una spira chiusa ed è fortemente interferente verso un circuito accordato  L-C (composto da induttanza L e da capacità C) come è il probe del pinpointer , esattamente come un anello. Difatti, se sostituiamo la moneta con un anello le cose non cambiano affatto: una bobina se è aperta non interferisce con il probe, ma se la cortocircuitiamo per mezzo di un pulsante ecco che diventa un anello e di conseguenza può essere paragonato ad una moneta, semplice no?

3. Mettiamo in pratica l’idea.

Tutto ciò di cui abbiamo bisogno per realizzare un E^5Booster è una bobina ed un pulsante: la forma fisica che più ci conviene per la bobina è quella planare, che può essere adattata facilmente a tutte le superfici, tonde come il ProPointer della Garret o il Pro Finder Minelab, oppure piatte come il DTS Sherlock o il White’s Bullseye II.

Il pulsante deve essere più piccolo possibile per non essere di ingombro nell’impugnare il pinpointer e suggerisco di usare un filo, per costruire la bobina, da 0,25 mm2 può essere o smaltato oppure rivestito. Le spire sono cinque, ma il numero non è critico: all’inizio ho utilizzato, per il prototipo, una piastrina per circuiti elettronici  tipo millefori e un micro pulsante 6×6 mm, ma ho notato che la rigidità del circuito mal si confaceva nell’applicarlo al pinpointer. Ho pensato allora che sarebbe stato meglio utilizzare qualcosa di flessibile ed ho quindi messo bobina e pulsante su una striscia di plastica trasparente ricavata da un blister. Non soddisfatto ho pensato bene di trasferire  il tutto su una striscia di neoprene autoadesivo usato per coibentazioni rendendo il booster flessibile e ben adattabile ovunque.

4. Vediamo qualche foto.

pulsante

Questo è il pulsante utilizzato: in commercio ce ne sono anche con un profilo più basso che meglio si prestano al progetto, ma avendone in casa di questo, ho optato per la soluzione più veloce ed economica…

Primo prototipo fatto su scheda millefori

Primo prototipo fatto su scheda millefori

 

5. Come posizionare il circuito

L’operazione di installazione non è affatto difficile: si posiziona il circuito alla base del probe con il pinpointer acceso, quindi lo si sposta tenendo premuto il pulsantino fino a che il pinpointer non inizia a suonare, quindi lo si arretra fino a che il suono non smette. Fatto ciò l’E^5Booster va quindi fissato con del nastro adesivo, ma solo l’area della bobina, lasciando mobile la parte del pulsante.

Il circuito, quando attivato dal pulsante,  permette di guadagnare quasi il doppio della distanza standard di rilevamento del target. Dai test fatti da numerosi amici, ottimi risultati si sono ottenuti sul Pro Pointer Garrett e anche di altre marche.  Pare  ovvio aggiungere che se il vostro pinpointer economico rileva ad un centimetro al massimo, si potrà arrivare forse a due con il Booster attivato, ma se si usano pinpointer capaci di rilevare già a tre o quattro centimetri il guadagno sarà notevole, tutto senza circuiti elettronici speciali e soprattutto senza batterie, e la cui semplicità ne permette la costruzione a chiunque quasi a spesa zero, con solo un minimo di manualità e pazienza.

Addendum di Mauro/”Mauroki”

Mauroki/"Mauroki"

Mauroki/”Mauroki”

Ieri, durante un uscita in ricerca vera, ho avuto modo di provare direttamente sul campo l’E^5Booster creato da Sergio sul mio Garrett Propointer. L’uso semplice e intuitivo da il vantaggio di poter sfruttare ancora meglio il già ottimo strumento dell’azienda texana. Infatti, dopo aver acceso il pinpointer, premendo semplicemente il tastino del Booster, si riesce a individuare esattamente l’oggetto nascosto ad una distanza notevolmente maggiore e che, appunto,  risulterebbe normalmente fuori portata per il piccolo probe. Una volta individuato il punto, lasciando il pulsante ci possiamo rendere conto dell’effettiva distanza del target dal nostro pinpointer.

I lati positivi dell’E^5Booster sono una maggiore portata “modulabile” che rende ancora più produttivo il pinpointer, quelli negativi sono legati al fatto che, se non ben protetto e fissato, operando nel terreno anche bagnato è facile perdere il piccolo dispositivo oppure mandare in corto il piccolo interruttore.

Il massimo sarebbe, e so che Sergio ci sta già lavorando, poter realizzare il dispositivo inglobato dentro ad un anello in neoprene da calzare sul Propointer, che abbia l’interruttore coperto e reso impermeabile. Chissà, magari i costruttori potrebbero studiare qualche implementazione industriale ancora più efficace…

APPENDICE
Alcuni video dimostrativi internazionali del “trucco” col ProPointer 

https://www.youtube.com/watch?v=X0tpCEEcNHE

https://www.youtube.com/watch?v=5NwKFql01Wg

https://www.youtube.com/watch?v=jrifyUIY1ag 

Anteprima: AMD annuncia E^5Booster per ProPointer


Fra pochi giorni verrà presentato l’articolo completo sul nuovo E5BOOSTERE^5Booster
(“E alla Quinta Potenza” Booster), realizzato dal nostro Sergio/”Xergix”. Questo piccolo e semplice circuito elettronico permette di amplificare, quando attivato, la sensibilità di rilevazione del vostro Garrett ProPointer. Per ora pubblichiamo il logo… A presto per le foto del progetto e la trattazione tecnica…

Leonardo/”Bodhi3″
AMD Tech Team Director

MODS: Garrett ACE 250, volume basso e meno imbarazzo…


1E’ sempre un piacere enorme poter conoscere persone che, come noi, hanno voglia di condividere esperienze e conoscenze su quest’hobby. Scoprire poi che la popolazione femminile interessata al detecting sta crescendo velocemente è un piacere doppio, dato che il Treasure Hunting, specie nel nostro Paese, è sempre stato poco praticato dalle donne.
Oggi ho il piacere di pubblicare l’interessante articolo-tutorial di Alessia Giovanola, di Gallarate, che da qualche tempo ha scoperto la passione per il detecting e, grazie alla sua grande curiosità e voglia di sperimentare, non si è spaventata nell’aprire il suo amato detector per effettuare una utile modifica. Chiunque abbia mai utilizzato un Garrett ACE 250 sa bene che non possiede un controllo del volume dell’audio e che questo è, effettivamente, piuttosto alto e talvolta fastidioso, specie per chi ha orecchie sensibili.

Alessia dopo essersi documentata in Rete, ha deciso di applicare una modifica semplice ma efficace: l’inserimento di un potenziometro che permette di regolare il volume dello strumento. Con questo articolo, illustrato dalle sue chiarissime foto, Alessia ci spiega passo passo come fare.

Buona lettura ed Happy Modding a tutti!!

Leonardo/”Bodhi3″
Direttore AMD Tech Team

——————————

MODS: Garrett ACE 250, volume basso e meno imbarazzo…

 (c) 2013 by Alessia Giovanola for AMDTT

Non credo di essere stata l’unica ad aver provato un certo imbarazzo usando il Garrett 250 in zone frequentate da altre persone, il suo scampanare è sempre stato una calamita per l’attenzione e il fastidio altrui.
Da qui l’idea di modificare il metal detector[1] con una manopola per regolare il volume, dopo aver consultato per un paio di giorni informazioni su Internet. 1
Premetto che sono assolutamente digiuna di elettronica anche se ho una buona manualità, per questo vi dico che è una modifica alla portata di tutti. L’importante è dotarsi degli attrezzi che servono. Di sicuro avrete bisogno di almeno 15/20 cm di piattina (va bene anche quella per i collegamenti stereo), un saldatore a stagno, un potenziometro da 1kOhm, un trapano con punta da 7 o 8, un cacciavite a stella e una pinza. Sarete liberi di scegliere come fare i vari collegamenti tra le parti, se usando del semplice nastro isolante, saldare a stagno o usare delle piccole termo restringenti, io personalmente mi sono affidata a queste ultime.
Partiamo dall’inizio, smontate la scatola comandi dal manico per lavorare più comodamente, togliere il coperchio delle batterie (e le batterie), smontare la scheda madre e la cassa in modo da avere le plastiche libere da qualsiasi cosa.
Ora dotiamoci di trapano con punta da 7 e segniamo con un pennarello dove andremo a forare il coperchio. Ribaltatelo in modo da avere qualche punto di riferimento in più, teniamo 3 cm dal lato piatto e  1,5 cm dalla prima linguetta2. Per evitare di fare danni vi consiglio comunque di partire con una punta piccola del trapano e fare un forellino, dopodiché ribaltare il coperchio e usare la punta più grossa. Fate sempre attenzione a non andare a colpire con la punta la linguetta di chiusura sia forando da una parte, che dall’altra.
Fatto questo prendete la scatola comandi e segnate con il pennarello dove fare il foro per passare i cavi che andranno alla scheda madre. Tendenzialmente state tra la linguetta a “L” e quella delle batterie facendo attenzione alla plastica di sostegno posteriore, calcolate 0,5 cm in altezza dalla base. A scriverlo è un lavoraccio, ma farlo sarà molto più semplice, e soprattutto potrete usare una punta più piccola, dato che dovrà passare solo il filo della piattina.

Fase 1 completata!!

Passiamo ora all’elettronica.
Prendete il potenziometro e la piattina, spelate un pezzettino di cavo dopo averlo diviso per qualche centimetro e infilateci 2 pezzi di termo restringente.

Appoggiate i cavetti sul 1° e 2° piedino[2] e fateci scivolare sopra le due termorestringenti in modo che creino il contatto, poi con un accendino a debita distanza fatele restringere5.

Ora prendiamo il saldatore con una punta possibilmente fine e andiamo a dissaldare il filo nero collegato al polo + della cassa.

Riprendiamo il coperchio delle batterie, infiliamo dall’interno il potenziometro e blocchiamolo con il blocca dado e il dado (la manopola la potete comprare quando volete, ma potete fare anche senza).

Fate passare la piattina nel foro fatto sulla scatola comandi, dividete i due fili (regolatevi voi quanto) e spelateli. Saldate il filo che parte dal 2° piedino al polo + della cassa, mentre sull’altro infilate un pezzo di termo restringente e unitelo al filo nero proveniente dalla scheda madre [3]6.
Ora che avete collegato tutto 4 7, rimettete la cassa nell’apposito vano e rimettete il blocco 3, sistemate i fili in modo che non facciano spessore dietro al display e richiudete anche la scatola comandi.
Rimettete le batterie, montate la piastra e fate il primo test. In base a come avrete collegato i fili, l’audio aumenterà/diminuirà da destra a sinistra o viceversa, ma farà comunque il suo lavoro.
Ricordate, il volume non verrà totalmente azzerato, ma sarà appena percepibile ad orecchio in un posto silenzioso.

BUON LAVORO A TUTTI !!

L'Autrice, Alessia Giovanola

L’Autrice, Alessia Giovanola


[1] Non fatelo se è ancora in garanzia, a meno che vogliate perderla.

[2] Ricordatevi di usare SEMPRE il 2° piedino e uno dei due laterali, se userete i laterali non funzionerà.

[3] Regolate voi la lunghezza dei fili, ma ricordate che dovrete aprire il coperchio per sostituire le batterie

MODS: DEUSUB… Rendiamo immergibile il detector XP


Pubblico oggi, con un po’ di ritardo con cui mi scuso con l’autore, un interessante articolo scritto da Giorgio “Brakketto”, nuovo Affiliate AMDTT, sul suo intelligente tweak per rendere immergibile in acqua l’XP DEUS. Come molti sapranno, il detector “ALL WIRELESS”del costruttore francese ha sempre avuto come tallone d’Achille l’impossibilità di essere utilizzato con la piastra immersa in acqua per via del fatto che questo mezzo impedisce la corretta trasmissione delle onde radio (2.4 GHz) che collegano la bobina al telecomando (o alle cuffie, a seconda della configurazione utilizzata dall’operatore). In pratica, se la piastra viene immersa in più di pochi cm d’acqua, il sistema non riesce più ad “agganciarla” per via del muro d’acqua che impedisce alle onde radio di propagarsi in modo efficace. Alle insistenti richieste degli acquirenti, la XP, nel proprio forum ufficiale, rispose che avrebbe messo in commercio un dispositivo in grado di fungere da ripetitore del segnale che sarebbe stato venduto come accessorio. Sono più di due anni che lo stiamo aspettando…

In attesa dei transalpini, all’amico Giorgio è venuta un’idea brillante che ci ha voluto raccontare in questo articolo…il DEUSUB!

Prima di lasciarvi alla lettura dell’articolo vorrei fare due premesse che ritengo siano obbligatorie:

1) Il DEUS è una macchina VLF monofrequenza che NON nasce per un utilizzo acquatico. Va da se che le sue performance, anche dopo l’applicazione del sistema DEUSUB, potrebbero non essere all’altezza di altri modelli che invece nascono per quel tipo di ricerca.

2) Pur se fabbricato con materiali di ottima qualità e anche tenendo conto di quanto detto al punto precedente, mi sento di sconsigliare l’uso del sistema DEUSUB per periodi prolungati in immersione. Non solo l’acqua di mare sarà molto aggressiva, ma non abbiamo possibilità di verificare cosa potrebbe accadere allo strumento in tali condizioni operative per periodi prolungati. Riteniamo però che, se osservate le cautele del caso (lavaggi in acqua dolce successivi, utilizzo per brevi periodi etc), sia possibile sperimentare l’uso in tutta tranquillità.

Buona lettura!

Leonardo/Bodhi3
Direttore di AMDTT

PS Poco dopo la stesura di questo articolo, abbiamo avuto la segnalazione che un operatore tedesco, in modo assolutamente autonomo, ha prodotto un sistema molto simile a quello di Giorgio e che lo vende online ad un prezzo di circa 25-30 Euro. Mi preme dire che il nostro amico Giorgio non ha assolutamente copiato l’idea ai teutonici ma che l’ha realizzata in maniera complemente indipendente. C’è solo una differenza… Giorgio ha voluto diffondere la sua realizzazione GRATUITAMENTE… Ecco uno splendido esempio della generosità italiana…

————————–

L’IDEA DEL DEUSUB

Un bel giorno, spazzolando con il DEUS in spiaggia mi sono chiesto: “Se mi spingessi verso l’acqua cosa accadrebbe? Il segnale della piastra immersa nell’acqua riuscirebbe a venire su e a comunicare con il box comandi o con le cuffie?”.

Visto che non avevo un abbigliamento consono per entrare nell’acqua ho provveduto a simulare questa situazione nel giardino di casa.

In giardino  ho riempito una bacinella con 20 cm di acqua e ho immerso la piastra al suo interno. Ho appoggiato il box comandi del DEUS su una sedia a circa un metro e mezzo dalla bacinella.

Ho acceso il DEUS e ho notato che sul display appariva la scritta “NO COIL” (Nota di Bodhi3: “NESSUNA PIASTRA” – E’ il messaggio che il detector visualizza per comunicare che non c’è connessione tra box-comandi/cuffia e la piastra wireless), infatti il led della piastra si accendeva ogni 4 secondi come quando si trova in stand-by. A questo punto ho preso la bobina e, lentamente, l’ho fatta emergere e, non appena riemersa, è riapparso il collegamento sul display.

Come sospettavo, il segnale radio, non riuscendo a oltrepassare il “muro d’acqua”, rendeva inutilizzabile il DEUS.

Visto che ho una mia vecchia radio con l’antenna spezzata che faccio funzionare con un filo di rame semplicemente appoggiato sulla stessa, mi sono chiesto se la stessa cosa avrebbe potuto funzionare anche con il segnale radio del DEUS. Ed è così che mi sono ricordato di alcune decine di cm di cavo antenna per la tv che avevo nel ripostiglio…

LA REALIZZAZIONE DELL’ANTENNINO

Ne ho preso un pezzo da 40 cm e l’ho spellato alle due estremità per mettere in evidenza il filo di rame che sta al suo interno. Sono quindi ritornato in giardino dove avevo lasciato la piastra nella bacinella sotto i 20 cm d’acqua, ho immerso un’estremita del cavo in corrispondenza del led (in effetti non sapevo dove fosse posizionato esattamente il trasmettitore di segnale quindi ho scelto più a caso che altro) mentre l’altra estremità del cavo l’ho rivolta verso la sedia dove avevo appoggiato il telecomando del detector. Ho acceso il metal et voilà, con grande mia sorpresa, il DEUS ha preso a funzionare perfettamente con un segnale di trasmissione buono testimoniato dal led della piastra che ha iniziato a lampeggiare ogni secondo mentre sul display è apparsa la scritta della frequenza attiva in quel momento. Ho provato anche ad allontanare il box comandi dalla bacinella e mi sono accorto che, oltre un metro, il segnale si interrompeva per poi riprendere quando riavvicinavo al cavo/antenna.

Con grande sorpresa quindi ero riuscito a bypassare il “muro d’acqua”. Ora era necessario fare un cavo antenna più “serio” e testare il tutto in acqua di mare…

Dapprima ho fatto l’antenna con il cavo TV come mostrano le foto qui sotto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dopodichè ho chiesto aiuto agli amici Sergio/”Xergix” e Pietro/”Regatante” del forum dell’Advanced Metal Detecting Technical Team (http://advancedmetaldetecting.forumfree.it) , che mi hanno aiutato a creare un’antenna che fosse la migliore per la trasmissione del segnale e così ho creato quest’ altra versione che riporto qui sotto.

Occorrente:

– Un cavo coassiale sottile tipo RG174 – 50 ohm di impedenza, 2,5 circa mm di diametro

– Tubicino trasparente in gomma del diametro interno di 5 mm

– Estremità sguainate per 3 cm

– Colla a caldo per tappare le due estremità ed evitare che entri l’acqua

Realizzazione:

Ho tagliato il cavo della giusta lunghezza affinchè dalla piastra arrivasse in prossimità del box comandi.

All’estremità del cavo ho tolto una parte della guaina esterna e, rigirando la calza sul corpo del cavo, la lunghezza del centrale e della calza devono essere di 30 mm ciascuno, in questo modo si crea un dipolo semplice a 1/4 d’onda.

Ho infilato il cavo all’interno del tubicino trasparente.

Ho otturato le due estremità del tubicino inserendo al suo interno della colla a caldo. Ottenuto così il cavo antenna impermeabilizzato, sono passato a fissarlo sul metal.

Un’estremità l’ho posizionata sulla razza di sinistra della piastra, dove si trova il modulo WIFI; nel mio caso l’ho fissato con del nastro di velcro, quindi lungo l’asta fino all’estremità dove si trova il telecomando del deus.

Tutto abbastanza semplice, no?

IL TEST DEI 10 CENTS DI EURO IN ACQUA DI MARE

Venerdì pomeriggio sono andato a testare il nuovo antennino, quello inserito nel tubicino trasparente e stagnato con la colla a caldo…..

Ho rifatto il test con una moneta da 10 cents sotterrandola sotto 10/15 cm di sabbia ed a una profondità sottomarina di circa 70/80 cm…

Il contatto radio fra piastra e box è sempre stato continuo…

Il programma iniziale scelto tra quelli di fabbrica del DEUS è stato il WET BEACH e, passando la piastra sul bersaglio, il segnale era appena udibile e poco preciso.

A questo punto ho agito solo abbassando la frequenza a 4 KHz e alzando la reattività a 4. Ripassando sul bersaglio la risposta è stata soddisfacente!

Bersaglio “agganciato”, valore ID e segnale audio chiaro e preciso ma ancora un po’ “ballerino”. A questo punto ho provato ad aumentare la SENSITIVITY che era impostata a 85, portandola a 95. Con mia grande sorpresa il segnale è migliorato nettamente senza troppi falsi segnali!

Lo stesso test l’ho fatto con uno strappo di lattina (quello a forma di “8”) e si sono ripresentate le stesse problematiche, tutte risolte nello stesso modo.

I valori ID e le prestazioni sono rimaste inalterate anche rifacendo lo stesso test sulla battigia. Qui ho fatto una buchetta ed ho sotterrato i bersagli nella sabbia bagnata; anche qui stessi test che avevo fatto qualche minuto prima (sotto 70 cm di acqua) e stessi risultati senza togliere l’antenna.

Dopo questa mezzoretta ho provato a rientrare in acqua in ricerca vera e in circa 30 minuti ho tirato su un altro strappo, un tappo corona e un altro pezzo di alluminio deforme e grande come una 2 €.

Cosa dire di più? Ho voluto verificare se la mia intuizione era buona e, con una certa soddisfazione, devo dire che avevo ragione. In futuro farò degli altri test per verificare anche se le capacità di discriminazione del DEUSUB restano invariate anche in utilizzo subacqueo. Restate sintonizzati!

AMDTT: SuperBatteria per DETECTORPRO HEADHUNTER DIVER


SuperBatteria per DETECTORPRO HEADHUNTER DIVER

di Sergio “Xergix” per AMDTT

L’ Headhunter Diver della Detectorpro è un metal subaqueo molto compatto derivato dal progetto del Fisher 1280X. Una delle maggiori pecche di questo metal è l’alimentazione con due batterie da 9 volts, effettivamente le batterie durano abbastanza ma c’è da dire che oltre al costo di questo tipo di batterie va aggiunto che, quando la tensione scende sotto gli 8,5 volts, il metal tende a perdere prestazioni.

Tempo fa mi era stato chiesto dal compagno di ricerche Mauro ( Mauroki ) di risolvere questo problema. La soluzione si è rivelata subito ardua a causa del tipo di batterie usate ma soprattutto del poco spazio disponibile all’interno del vano batterie che non permetteva di utilizzare i normali tipi di batterie disponibili sul mercato. Mi è venuta quindi l’idea di confrontare le specifiche tecniche del Diver con quelle dell 1280x: il fisher è alimentato con otto batterie da 1,5 volts e nello schema elettrico si vede che c’è un circuito alimentatore che trasforma i 12 volts in una alimentazione duale +5 / -5 volts, quindi c’era una possibilità di alimentare il Diver a 12 volts; ovviamente occorreva essere ben certi di ciò e, dopo aver effettuato ricerche sul web e chiesto su vari forum specializzati, purtroppo le risposte non portavano a nulla di veramente attendible. L’unica soluzione sembrava quindi quella di aver il coraggio di alimentare il metal e vedere cosa sarebbe successo!

Ovviamente questa prova non è stata fatta a cuor leggero per ovvi motivi! Per prima cosa ho verificato che il metal poteva essere alimentato anche con una sola batteria e questo a dato esito positivo. Ho verificato poi  l’assorbimento del circuito e le prestazioni di rilevamento di un target ad una certa distanza dalla piastra. Successivamente, per mezzo di un alimentatore a tensione variabile, ho cominciato ad alimentare l’apparato partendo dai 9 volts e salendo di mezzo volts per volta tenendo sotto controllo l’assorbimento e le prestazioni. Arrivato a 12,6 volt massimi, il circuito assorbe circa 19 mA e così è rimasto fino alla massima tensione mentre le prestazioni non sono migliorate di molto, giusto un paio di cm rispetto alla alimentazione normale, da qui la conferma che si poteva alimentare il Diver a 12 volts.

Adesso bisognava trovare la batteria giusta per la modifica. Tenuto conto del basso assorbimento si è pensato di utilizzare le batterie ai ioni di litio dei cellulari; ovviamente si sono aperti tutti i cellulari che si aveva a disposizione e la scelta è caduta sulla batteria di un Nokia sufficientemente piccola e con una corrente erogabile di 1 Ampere sicuramente maggiore di quella che poteva erogare una 9 volts. Tre di queste batterie ben cariche danno una tensione totale di 12,6 volts, l’ideale per il nostro progetto! Ora bisognava trovare il modo di metterle insieme. Scartata l’ipotesi di saldarle, occorreva creare un supporto a sei contatti che permettesse di togliere le batterie per la fase di ricarica. Non si potevano fare contenitori perchè il pacchetto stava “preciso” all’interno del Diver. Anche lo spessore di un elastico per tenere insieme le batterie era troppo dato che i contatti dovevano essere molleggiati per recuperare eventuali differenze di livello fra i contatti delle tre batterie. La cosa si è risolta utilizzando una piccola frazione di circuito stampato. I contatti sono stati fatti con dei pin tolti da un connettore per circuiti stampati e dei nottolini in ottone; ovviamente la cosa è poco replicabile ma vi posso assicurare che sono tranquillamente sostituibili con dei chiodini a spillo in ottone a testa tonda. Per il molleggio dei pezzetti di neoprene interposti fra la testa del chiodo e lo stampato mentre, per verificare che la piastra sarebbe stata messa correttamente sulle batterie ho costruito anche un piccolo tester ottico utilizzando i contatti di una batteria a 9 volts e un display a segmenti led che si doveva accendere al momento del fissaggio del circuito di contatto con le batterie che avviene per mezzo di un giro di nastro da elettricisti.

Le foto allegate a questa piccolo articolo danno sicuramente meglio l’idea rispetto ai miei discorsi. Una cosa importantissima: il collegamento dei fili del connettore a due clips per la batteria deve essere fatto collegando il filo nero al + (POSITIVO) della piastra e il filo rosso al – (NEGATIVO) della piastra di collegamento questo per rispettare correttamente la polarità PENA IL  DANNEGGIAMENTO IRREVERSIBILE del metal!

Fate bene attenzione a questo passaggio perchè il rischio di alimentare in maniera non corretta il metal è molto facile.

Scheda di collegamento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pacco Batterie assemblato con biadesivo

Tester

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pacco Batteria collegato e tester funzionante

 

 

 

 

 

 

 

Da notare che la schedina ha due contatti in più: servono a livellare il circuito sul piano delle batterie. Con questo tipo di alimentazione il metal è notevolmente più stabile ma occorre avere un certo controllo sulla tensione delle batterie; non bisogna assolutamente andare sotto i 3 volts per batteria quindi 9 volts totali, le batterie ai ioni di litio e le LiPo, se scaricate completamente, non si ricaricano più. Per ricaricarle si possono usare caricatori portatili per batterie da cellulare, io ne ho acquistato uno presso la RS Component e carico singolarmente ogni cella, è ovvio che se fate questa modifica tutto è a vostro rischio e pericolo 😀

 

Buon lavoro!

Sergio “Xergix”