CategoryINTERVIEW


Exclusive interview to Georgi Chaushev – NEXUS Metal Detectors


Georgi Chausev - NEXUS Metal Detectors

Georgi Chaushev – NEXUS Metal Detectors

Let’s keep up the good work with our exclusive interviews with the most important stars of the international metal detecting scene. Today we have the privilege to publish our interview with Georgi Chaushev, CEO and Chief Designer of NEXUS Metal Detectors, one of the most famous european manufacturers,very well known for their incredibly powerful models. We already reviewed their CREDO DDM, a truly deepseeking and performing machine.

Today Nexus is pretty busy with their new top-of-the-line model’s launch: the NEXUS Standard MP. This machine promise,  according to its designer Mr. Chausev, to really “shock” the detecting scene. Let’s know more about it…

Have a nice reading…

Leonardo Ciocca/”Bodhi3″
AMD Tech Team Director

Continue Reading


Intervista esclusiva a Georgi Chaushev – NEXUS Metal Detectors


nexusgeorgi1

Georgi Chausev – NEXUS Detectors

Continuiamo la nostra serie di interviste con i veri protagonisti nazionali ed internazionali della scena detectoristica mondiale. Oggi abbiamo il privilegio di pubblicare la nostra intervista esclusiva con Georgi Chaushev, CEO e capo progettista dell’azienda inglese NEXUS, uno dei costruttori europei più blasonati e conosciuti per la qualità e le prestazioni dei propri metal detector. In AMD abbiamo già recensito il loro CREDO DDM, macchina dalle potenzialità davvero notevoli.
In questi giorni la NEXUS è impegnata nel lancio del loro nuovissimo modello di punta, lo Standard MP, un detector che, sicuramente farà molto parlare di se e di cui il sig. Chausev, con molto entusiasmo, ci illustrerà alcune caratteristiche in anteprima.

Buona Lettura!

Leonardo Ciocca/”Bodhi3″
AMD Tech Team Director

Continue Reading

Exclusive interview with Alain Loubet (CEO and Chief Designer XP Metal Detectors)


Alain and Nathalie Loubet

Alain and Nathalie Loubet

After some unsuccesful attempts, I’ve finally had the chanche to interview one of the most important personality of the metal detecting world, Monsieur Alain Loubet, founder and chief designer of XP Metal Detectors, french manufacturer of some of the most worldwide well respected detectors as their GoldMaxx Power or the famous DEUS.

Making himself available, Alain replied to all my questions, even the “spicy” ones, and also replied to the ones sent to AMDTT email by our readers. Our guest have clearly demonstrated a very pragmatic and straightforward attitude, showing a true and bold passion for his job and for the wonderful hobby of treasure hunting.

Thanking Alain for his generosity, I also would like to thank Massimo/”Gladiatore”, our Field Search Expert (but he’s also gaining a lot of experience on Beach Hunting) for the precious help by translating from French.

Have a nice reading!

Leonardo/”Bodhi3″
Director AMD Tech Team

———-

LC: Hello Alain! We’re so happy to meet you and ask some questions that, I hope, will fulfil our readers’ curiousity. From this perspective, I’ve collected some of their most desired questions and some from our team members. Before going on with the interview, I’d like to thank you for your kindness and for your precious time. Just to begin, as I’ve done with the other people who I have talked to, could I ask you about your academic and professional background and why you’ve had the idea to create the XP Detectors?

The XP facility

The XP facility

AL: After working in the audiovisual market, I’ve created XP in 1998. As a metal detecting enthusiast since I was 13 years old, I’ve intensely used a variety of models and I’ve felt the wish to propose different machines to perfectly fit hunters needs.

LC: XP is worldwide famous as producer of metal detectors especially focused on reactivity, depth, lightness and ease of use. How much is important, in your creative process, to be a “European” company, inspired from very different hunting environment compared to American and Australian ones?

AL: As you perfectly know, European hunting sites are often very peculiar and very difficult to detect, this is specially due to the ancient geological activity of our continent that lead to a massive soil’s iron mineralisation and such. As a passionate detectorist and also very close to our customers, this gave us some hints to develop succesful machines.

LC: Our XP & Electronics expert, Sergio, has sent you asking to add the VDI value in your latest X-Y Screen (the one with the polar tracing), introduced in DEUS’ firmware release 2.0. XP has added this requested feature in firmware 3.0! Sergio’s so happy you’ve accepted his tip and gratefully thank you a lot. A part from this single case, how much you care about customer’s requests?

AL: As I’ve said before, we’re very close to our customers since we share the same passion for treasure hunting. We receive suggestion on a daily basis and, if possibile, we try to implement them.

LC: Almost every reader of our blog is wondering if XP will produce a underwater detector or, at least, that could be used in saltwater with a good performance. Up to day, you are the only one, between other major manufacturer, that doesn’t have a true underwater machine in the catalog. Why?

AL: I’m sure XP will produce a model that will be able to operate in saltwater, anyway DEUS is already good when used in fresh water and, thanks to its wireless miniaturised chassis, it’s so practical to be used underwater. A simple coaxial cable (that could be used to drive the signal) allows to use the machine in fresh water. You just need to place one end of a shielded coaxial cable on the coil, near the LED, and the other end close to the remote control. A waterproof sealed case, used to protect common smartphones, could be sufficient to protect the remote control. You can already find this accessory, including an audio output and a headphone, on the market. XP will introduce one of them in Fall 2013 that will also feature a clip for the signal driver.

David e Loic, XP designers

After placing the earbuds under your wet suit’s cap, and the remote control inside the suit itself, you will just have the detector rod in your hand. The screen will still be visible under water and also the remote control’s keyboard could be operated through the soft PVC cover. You can find further information here:

La custodia Waterproof per il telecomando del DEUS

The waterproof PVC cover

http://www.xpmetaldetectors.com/xpforumfr/viewtopic.php?f=19&t=785&sid=8305c3250ee637e96d52800cece95f6b

LC: One of the features that made your fan so happy was the DEUS capability to be upgrated for free through a PC and a simple USB connection. Anyway they were less happy (read: lots were very disappointed) when you’ve told them to use a cutter to rip the coil to change an exhausted battery pack. Do next generation coils will use a less invasive system?

AL: After evaluating different solutions during design to allow an easy access to the battery, we’ve discovered they were all bulky and they failed to be waterproof if the customer didn’t close the casing the right way. As you know, coils are utilized in extreme conditions: underwater, with bumps and hits, on difficult soils; they are not as mobile phones, they are very often treated in a rough way. Our locking system is miniaturized (thus making it very light) and very reliable thanks to a ultrasonic welding method. Our customers won’t have to worry about it for many years. You can actually change the coil’s battery yourself but it is not compulsory! Our customers can ask their dealers or to the XP to operate the change: cost is fixed to 45 Euro (Included VAT) for the battery and the labor costs.

But I want to say it again, it’s not like a smartphone that you use every day. The battery has a longer lasting life if correctly used. We use them on the WS1 and WS3 wireless headphones since 2004, so we have lots of feedbacks that assure us they have a lifetime longer than 5 years in the majority of the cases.

It should be noted that, compared to other detectors that use conventional battieries, our system allow the user to save hundreds of Euros after 5 year and also we’re proud to say that we’re the only factory that, for our lithium battery, has a two years full guarantee (covering the battery itself and the labor costs) 

The XP Engineering Team: Alain, Jean, Louis, Germain, Cedric and Julien

LC: In my latest interviews, I’ve asked the engineers if they think that VLF/IB technology has almost reached its theoretical limit. Do you think you can further enhance your detectors’ performances in a significant way or will you soon be forced to enter different path? I was always wandering why XP never had a Time Domain machine in its catalog, since engineers assured us that Pulse Induction has still a lot to say…

AL: If you focun on DEUS’ ability to separate targets, enhanced in the latest 3.1 firmware release, you will notice that VLF are not “at the end of the road” yet. DEUS digital signal processing (with a special enphasis on DAC sampling) has allowed us and will surely allow further enhancements.

Talking about the Pulse Induction units, they can be interesting only on highly mineralised soils and, above all, with not too much iron trash, because Time Domain doesn’t really allow a “true” discrimination. Gold prospecting does fit PI in a perfect way because those soils are very minerlised and iron trash is scarcely present. But bringing the competition on iron infested soils, VLF units have better performance with also a 10 times less battery consumption, less weight and, above all, a “true” discrimination.

LC: Will XP introduce a VLF Multifrequency machine in its catalog? Are you working on that?

AL: Our Development Team is always working to give you the best…But I cannot reveal our plans…

LC: Just another little curiousity, again coming from our XP and Electronics Expert, Sergio. He would like to ask you if DEUS factory settings have some “hidden” parameters, that cannot be modified, that could allow to push the performance to the limit. Here’s an example: if I modify the BEACH factory setting for my own purposes: changing tones, reactivity, gain etc, I will anyway have a “relaxed” and stable setting that could never be neither extreme nor unstable. If I want an extreme setting, I’ll be force di to start from something like BASIC1 or DEUS FAST or MITO setting, because I will never reach the same perfomance with the BEACH factory setting. Can you tell us more about it?

AL: No, there are not any “hidden” menu that can enhance performance. There are only some hidden calibration menu (that should not be touched by final users) and for secondary features.

Talking about available settings (not the hidden ones), I think it’s quite reasonable that they could push the DEUS performance on your specific soils; they are there for that specific purpose.

Leonardo/"Bodhi3", the interviewer

Leonardo/”Bodhi3″, the interviewer

LC: One last little question before saying goodbye to our great guest… Will we see a colour display XP? And what about some new DEUS coils? What we should expect from your company in the near future?

AL: Up to day, color displays bring us more CONS than PROS; that’s why we have chosen not to use them in our products. Main problems are tied to more battery consumption and less readability when used outdoor that will force us to a powerful and energy wasting backlighting.

In addition they imply the needing of great computing power. Needed microprocessors to perform all that are litelally energy greedy. We prefer to focus on light weight and compact size as you see on DEUS, that’s only 900 grams. A normal color LCD screen takes, just by itself, 2 times the battery needed from the whole DEUS.

This will also need a specific new software, a larger battery, a new dedicated mainboard and bigger case and the weight will probably raise to 1,5/2,5kg. Do you really want this? I don’t believe so, and neither DEUS owners do, as we can see from its success.

Talking about the new accessories, we will soon have a 28 cm (11″) coil, available from september/october 2013,  a shock absorbing, waterproof silicone remote control cover and also a watertight cover with headphones that will allow to use it underwater. All these at the end of the year.

From the technological evolution perspective, we cannot forecast the new discoveries we will make. A new discovery, as you know, can completely overturn previsions. But we’re sure that “totally digital” DEUS technology will help us with research, developing and evaluation of new strategies.

LC: Thanks a lot Alain! We were honored to have you as guest on the AMDTT blog!

AL: You’re welcome!

Intervista esclusiva con Alain Loubet (CEO e Capo Progettista XP Metal Detectors)


Alain e Nathalie Loubet

Alain e Nathalie Loubet

Dopo alcuni tentativi infruttuosi, sono riuscito finalmente ad intervistare uno dei personaggi più importanti del mondo del metal detecting mondiale, Monsieur Alain Loubet, fondatore e capo progettista della XP Metal Detectors, casa costruttrice francese di alcuni del metal detector più conosciuti a livello planetario come il GoldMaxx o il celebre DEUS.

Disponibile e generoso, Alain ha risposto a tutte le mie domande, anche quelle un po’ più impertinenti, ed a quelle che i nostri affezionati lettori ci hanno suggerito. Il nostro ospite ha dimostrato, come avrete moto di leggere voi stessi, un approccio molto pragmatico e schietto, dimostrando una vera passione per il suo lavoro e per questo fantastico hobby.

Ringraziando Alain per la disponibilità, vorrei ringraziare anche Massimo/”Gladiatore”, nostro membro esperto in ricerca terrestre (che sta però accumulando anche esperienza in contesti “acquatici”) per la preziosa collaborazione nella traduzione dal francese.

Buona lettura!

Leonardo/”Bodhi3″
Direttore AMD Tech Team

———-

LC: Salve Alain! Siamo felici di incontrarti e farti alcune domande che spero colmeranno la curiosità dei nostri lettori.  Da questa prospettiva, ho raccolto alcune delle domande dei nostri lettori e alcune dal nostro team che appunto vorrei farti. Prima di iniziare ti ringrazio per la tua gentilezza e il tuo prezioso tempo che ci dedichi.   Per iniziare, cosi come ho fatto con altre persone che ho avuto l’onore e il piacere di intervistare per AMDTT, posso chiederti qual è la tua formazione accademica e  la tua formazione professionale e come hai avuto l’idea di creare la XP detectors?

La sede della XP

La sede della XP

AL: Dopo aver lavorato nel settore audiovisivo, ho creato XP nel 1998. Utilizzatore ed appassionato di metal detecting dall’età di 13 anni, ho utilizzato assiduamente molti modelli di metal detectors e ho sentito la voglia di proporre ai cercatori delle macchine che siano in perfetta adeguatezza ai loro bisogni.

LC: XP è famosa nel mondo intero per la fabbricazione di modelli che si focalizzano su reattività, profondità, leggerezza e semplicità d’uso. Quanto conta nel vostro processo di creazione l’ essere un’azienda “europea”, portata a campi di ricerca molto diversi rispetto a quelli USA e australiani?

AL: Lo sapete quanto me, le condizioni di ricerca in Europa sono spesso difficili e particolari, in particolare dovuto all’attività geologica antica del nostro contintente che ha generato una quantità importante di mineralizzazione ferroso e non solo. Essendo allo stesso tempo appassionato e vicino ai nostri clienti, questo ci ha portato, per forza di cose, degli spunti per sviluppare dei detector di successo.

LC: Il nostro esperto XP e di elettronica, Sergio, vi ha scritto circa la possibilità di aggiungere un indicazione del valore di VDI nel nuovo schermo X-Y (quello con il polar tracing),introdotto nella release 2.0 del firmware del DEUS.  XP ha, di fatto, aggiunto questa numerazione VDI  nella release 3.0! Sergio è felicissimo che abbiate accolto il suo consiglio e, ovviamente, vi ringrazia.   A parte questo singolo caso, quanta attenzione prestate alle richieste degli utilizzatori?

AL: Come già spiegato prima, siamo molto vicini ai nostri clienti perché condividiamo anche noi la medesima passione, riceviamo regolarmente suggerimenti e, nella misura del possibile,cerchiamo di assecondarli.

LC: Quasi tutti i lettori del nostro blog si chiedono se XP produrrà un modello subacqueo o che sia almeno utilizzabile in acqua salata con buone prestazioni. Ad oggi  siete gli unici, tra i principali costruttori, che ancora non hanno una vera macchina per la ricerca in acqua. Perché?    Eppure il mercato potenziale  per questo tipo di macchina è davvero grande!

David e Loic, progettisti XP

David e Loic, progettisti XP

AL: XP finirà con il fare un modello acquatico specifico per l’acqua di mare, tuttavia il DEUS è già di per se adatto per la ricerca in acqua dolce, grazie alla sua scocca miniaturizzata senza fili,  è il più pratico da utilizzare sott’acqua. Un semplice cavetto coassiale facente da guida d’onda, permette di utilizzarlo in acqua dolce. Basta collegare un’estremità del cavo coassiale (cavo schermato) sulla piastra, in prossimità del LED e l’altra estremità vicino al telecomando. Un involucro stagno per smartphone è sufficiente a proteggere il telecomando. Troverete questa scocca già dotata di un’uscita audio e di una cuffia in commercio. XP ne commercializzerà una nell’autunno 2013 con il suo clip per il guida onda.

Una volta che avrete posizionato le cuffiette sotto il cappuccio della vostra muta e il telecomando nella muta stessa, avrete solo l’asta in mano. Lo schermo resterà visibile sott’acqua cosi come la tastiera del telecomando che continuerà ad essere accessibile attraverso la morbida membrana in PVC. Potrete trovare ulteriori informazioni qui:

La custodia Waterproof per il telecomando del DEUS

La custodia Waterproof per il telecomando del DEUS

http://www.xpmetaldetectors.com/xpforumfr/viewtopic.php?f=19&t=785&sid=8305c3250ee637e96d52800cece95f6b

LC: Una delle caratteristiche che hanno fatto  felici i vostri fan è stata la possibilità di aggiornare il DEUS gratuitamente e attraverso una semplice connessione USB. Tuttavia sono stati meno felici (leggi: molti sono rimasti alquanto delusi) quando avete detto loro di utilizzare un taglierino per aprire la piastra per cambiare un pacco batteria esaurito.   Le piastre di prossima generazione utilizzeranno un sistema meno invasivo?

AL: Abbiamo sicuramente valutato molteplici soluzioni in fase di progettazione per rendere l’alloggiamento della batteria smontabile, ma queste soluzioni erano nettamente più ingombranti e soprattutto soggette a problemi di tenuta stagna se, per caso, il cliente non avesse provveduto a chiudere l’alloggiamento in modo adeguato. Come ben sapete, le piastre sono utilizzate in condizioni estreme:  sott’acqua,  con urti, su vari tipi di terreno etc. Non sono come i telefonini; vengono trattate in maniera molto più rude.  Il principio di chiusura scelto è miniaturizzato (quindi leggero) e affidabile grazie al sistema di saldatura a ultrasuoni. I nostri clienti potranno quindi stare tranquilli per molti anni. Potete effettivamente sostituire la batteria della piastra voi stessi se lo desiderate, ma non è un obbligo! I clienti possono chiedere al loro negoziante o alla XP di sostituirgliela: il costo è fissato a 45 euro IVA inclusa, per il pezzo e per la manodopera.

Ma ribadisco, non si tratta di uno smartphone che utilizzate ogni giorno. La batteria ha una durata di vita più lunga se è utilizzata correttamente. La utilizziamo sulle cuffie wireless WS1 e WS3 dal 2004, abbiamo quindi dei feedback che ci assicurano durate di vita nettamente superiori a 5 anni nella maggior parte dei casi.    

Da notare che, rispetto a un metal detector con batterie convenzionali, il nostro sistema assicura centinaia di euro di risparmio dopo 5 anni e che la batteria al litio è già garantita 2 anni (sia per il pezzo che per la manodopera). Dimenticavo di dire che siamo gli unici a garantire una batteria 2 anni!

Il team di ingegneri XP: Alain, Jean, Louis, Germain, Cedric e Julien

Il team di ingegneri XP: Alain, Jean, Louis, Germain, Cedric e Julien

LC: Nelle mie ultime interviste, ho chiesto agli ingegneri se pensano che la tecnologia VLF/IB abbia raggiunto il suo limite teorico . Pensa di poter ancora migliorare le prestazioni dei vostri detector in un modo consistente o sarete presto costretti a seguire altre strade?  Mi sono sempre chiesto perché XP non abbia mai introdotto modelli TIME DOMAIN, visto che molti ingegneri lo confermano, PI ha ancora molto da dare?

AL: Se si guarda in particolare al potere di separazione dei target nel DEUS, maggiormente migliorato nella nuova versione 3.0, si nota che i VLF non sono al loro limite. Il trattamento del segnale digitale nel DEUS (con particolare enfasi sul campionamento DAC) ha permesso e permetterà sicuramente ancora delle migliorie.

In merito ai Pulse Induction, questi rappresentano un interesse solo sui terreni molto mineralizzati e sopratutto non inquinati da oggetti ferrosi, perché il TIME DOMAIN non permette una vera discriminazione. La ricerca aurifera si adatta perfettamente ai PI, perché su quei terreni, la mineralizzazione è molto forte e la presenza di oggetti ferrosi è rara, ma su terreni normali con presenza di ferreglia, i VLF portano a risultati sicuramente migliori, con un consumo di batterie 10 volte inferiore, meno peso e soprattutto una vera discriminazione.

LC: La XP introdurrà mai una macchina VLF multifrequenza nella sua gamma? E’ nei vostri piani?

AL: La nostra squadra di ricerca lavora sempre per proporvi il meglio. Ma non posso svelarvi i nostri progetti .

LC:  Un’altra piccola curiosità, di nuovo dal nostro esperto di XP ed Elettronica, Sergio. Vorrebbe chiedervi se le impostazioni di fabbrica incluse nel software del DEUS hanno parametri “nascosti”, non modificabili, che possono spingere le prestazioni al limite.  Ti faccio questo esempio: se modifico l’impostazione BEACH per i miei scopi: cambiando i toni, reattività, guadagno ecc,  avrò sempre  un settaggio “rilassato” e stabile che non sarà mai ne estremo ne instabile.   Se voglio un settaggio estremo, sarò costretto ad iniziare da qualcosa come BASIC1 o DEUS FAST o MITO, perché non avrò mai qualcosa di comparabile se inizio con il programma  BEACH. Puoi dirci qualcosa?

AL: No, non ci sono menu “nascosti” che permettano di migliorare le prestazioni. Ci sono solo menu nascosti di calibratura (che non vanno toccati) e per funzioni secondarie.

Per quanto riguarda le regolazioni disponibili (non nascoste) è normale che alcuni di essi possano migliorare il comportamento del DEUS sui vostri terreni specifici; sono lì per questo.

L'intervistatore, Leonardo/"Bodhi3"

L’intervistatore, Leonardo/”Bodhi3″

LC: Un’ultima piccola domanda prima di salutarti. …Vedremo presto un XP con schermo a colori? E nuove piastre per il DEUS? Cosa possiamo attenderci da XP nel prossimo futuro?

AL: Ad oggi, gli schermi a colori portano più Contro che Pro nei metal detector; ecco perchè non abbiamo previsto di utilizzarli . I problemi principali sono un consumo elettrico molto importante e la cattiva leggibilità all’esterno che impone una retroilluminazione potente, anch’esse ghiotta  di energia.

Inoltre impongono delle risorse di calcolo considerevoli. I processori necessari per tutto ciò consumano anch’essi fin troppa energia.  Preferiamo privilegiare il peso e la compattezza per il DEUS che pesa solo 900 grammi, perché uno schermo a colori consuma, da solo, 2 volte l’energia consumata dal DEUS stesso.   Questo richiederebbe di fatto un software differente, una batteria più grossa, una scheda elettronica dedicata, un box più ingombrante, ed il peso aumenterebbe rapidamente a 1,5/2,5 Kg.   E’ questo che si vuole? Non lo credo, e neanche i clienti a quanto pare, visto il successo del DEUS.

In merito ai nuovi accessori, avremo presto una piastra di 28 cm, disponibile a settembre/ottobre 2013, una cover in silicone antiurto e antipioggia per il telecomando e anche un astuccio stagno con cuffia che permetterà di immergere il telecomando. Tutto questo a fine anno.

Dal punto di vista delle evoluzioni tecnologiche, non possiamo purtroppo prevedere le scoperte che faremo. Una scoperta, si sa, può stravolgere tutti i pronostici. Quel che è sicuro, è che la tecnologia “totalmente digitale” del DEUS facilita di molto la ricerca e la valutazione di nuove strategie.

LC: Grazie mille Alain! E’ stato un vero onore per noi di AMDTT averti ospite!

AL: Grazie a voi!

Prossimamente… Intervista con Alain Loubet (CEO e Capo Progettista XP Metal Detectors)


Mr. Loubet mentre riceve un premio dalla prestigiosa rivista spagnola "Detection y Monedas"

Mr. Loubet mentre riceve un premio dalla prestigiosa rivista spagnola “Detection y Monedas”

Chi l’ha dura la vince… Dopo alcuni tentativi infruttuosi, finalmente ho ricevuto risposta dalla XP Metal Detectors!

Alain Loubet, fondatore e capo progettista della XP Metal Detectors, azienda conosciuta in tutto il mondo per aver prodotto alcuni tra i più performanti metal detector in commercio, risponderà alle mie domande!

Voglio ringraziare non solo il Sig. Loubet per la sua squisita disponibilità, ma anche tutti i nostri affezionati lettori che mi hanno suggerito alcuni quesiti da porgergli.

Speriamo che arrivino presto le sue risposte!

Stay tuned!

Leonardo/”Bodhi3″

Direttore AMDTT

 

Intervista Esclusiva con Carl Moreland (Engineering Manager White’s Electronics)


Carl Moreland

Carl Moreland

Dopo aver avuto l’immenso piacere di intervistarlo insieme a George Overton in qualità di co-autori del libro “INSIDE THE METAL DETECTOR” (cliccate QUI per l’intervista), siamo di nuovo in compagnia di uno dei più noti personaggi chiave del mondo internazionale del metal detecting: Carl Moreland (CM nel testo).

Carl, Engineering Manager della White’s Electronics, è inoltre molto conosciuto per aver fondato (e ne è ancora amministratore insieme a George Overton) il sito GEOTECH1.com dove si incontrano quotidianamente migliaia di appassionati alle tecnologie elettroniche dei metal detector, autocostruttori e semplici persone curiose di questi argomenti.

Nel testo dell’intervista noterete che molte delle domande che ho fatto a Carl sono state rivolte anche all’Ing. Rumen Kanev della DETECH e a Steve Moore della GARRETT. L’intento era appunto quello di ottenere delle risposte personali a domande comuni che, ad oggi, penso rappresentino forse le curiosità più diffuse tra i nostri lettori.

Ringraziando di nuovo il nostro illustre ospite ed anche Massimo/”Gladiatore” che mi ha aiutato con la traduzione dall’inglese, vi lascio subito all’intervista!

Leonardo/”Bodhi3″
Direttore di AMDTT

——

LC: Salve Carl! E’ un vero onore poter parlare con te. Grazie per la tua disponibilità per questa intervista. Puoi parlarci del tuo background accademico e professionale e di come sei entrato in contatto con la White’s Electronics?

CM: Mi sono laureato ed ho preso un master presso l’università statale della Florida; ho poi lavorato 18 anni presso l’Analog Devices nella realizzazione di circuiti integrati per convertitori analogici-digitali ad alta velocità , amplificatori operazionali e comunicazioni GSM. Ho proseguito la mia carriera presso la Maxim dove per 3 anni sono stato impegnato nella realizzazione di sistemi di riferimento per cellulari e ultrasuoni; infine ho risposto ad un annuncio di ricerca personale presso la White’s ed è iniziata una nuova avventura.

LC:  Da quello che sappiamo, la sede principale della White’s si trova a Sweet Home, in Oregon (USA). Anche l’impianto situato ad Inverness (Scozia) partecipa allo sviluppo e alla progettazione dei nuovi modelli?

Schermata 2013-06-27 alle 10.38.22CM: Non solo Sweet Home consulta Inverness sulla realizzazione di nuovi prodotti, ma la sezione Ricerca e Sviluppo scozzese esegue alcuni prodotti indipendentemente dall’azienda di statunitense.

LC: I modelli White’s sono stati sempre considerati tra i migliori per la loro eccellente discriminazione. L’enfasi di questa caratteristica fa parte delle vostre strategie di progettazione o semplicemente è un “effetto collaterale” dei vostri normali processi di ingegnerizzazione quando sviluppate un detector?

CM: E’ sicuramente una priorità nel processo di realizzazione. Siamo coscienti che i targets “facili” non ci sono più e quel che rimane è ben nascosto in mezzo allo sporco sepolto

LC: Tanti nostri lettori ci hanno chiesto del la White’s produrrà un nuovo VLF multifrequenza subacqueo. State pianificando qualcosa di simile ad uno Spectra V3i a prova d’acqua (salata) nel prossimo futuro?

CM: Anche se non posso dare informazioni specifiche  sui progetti attuali, posso dire che stiamo lavorando sia sui nuovi box e su nuovi PCB (Nota di LC: Printed Circuit Boards… Circuiti stampati) che saranno messi assieme per creare nuovi prodotti. Posso anche dire che i nostri box tradizionali in metallo sono al capolinea…

LC: Quando lo Spectra V3i è uscito, noi italiani ci siamo rimasti un po’ male per la mancanza della lingua italiana nei menù. La prossima generazione dei vostri detector includeranno più lingue ed anche l’italiano?

Carl con uno dei primi prototipi di Spectra (allora chiamato Vision)

Carl con uno dei primi prototipi di Spectra (allora chiamato Vision)

CM: Ahimè l’italiano è stato escluso principalmente per mancanza di tempo e limiti di memoria, ma stiamo sicuramente lavorando per rendere ancora più versatili le nostre macchine attraverso un miglior supporto linguistico 

LC: In quest’ultimo periodo sto chiedendo a numerosi ingegneri delle più importanti aziende costruttrici di detector se loro pensano che gli attuali modelli, basati su tecnologia VLF/IB e Pulse Induction abbiano realmente raggiunto i loro limiti teorici.Pensi che ci sia ancora margine di miglioramento prima che sia necessario cambiare tecnologia di base?

I curioso box rosso del prototipo del Vision

I curioso box rosso del prototipo del Vision

CM: Il monofrequenza VLF si scontra praticamente con limitazioni in tema di profondità.   Il multifrequenza invece ha ancora un po’ da dare, specialmente in una migliore elaborazione del segnale, per il bilanciamento del terreno e l’identificazione del target . Il Pulse Induction invece è appena iniziato… c’è ancora tantissimo da sviluppare su questa tecnologia.

LC: I più recenti modelli top di gamma ora includono spesso una connessione USB che permette di aggiornare i loro firmware in modo semplice. La White’s pensa di introdurre questo tipo di connessione nei prossimi modelli?

CM: Personalmente vorrei che i nostri futuri modelli con interfaccia grafica avessero questa caratteristica. E’ un po’ più difficile da fare con modelli che hanno lo schermo LCD a segmenti o che addirittura non lo hanno affatto. 

LC: Vedremo mai un detector “Open Source” prodotto da White’s dove il software interno potrà essere modificato, migliorato e caricato dagli utenti, così come accade con gli smartphone Android?

Alcuni avvolgimenti che saranno inseriti nelle piastre dei detector

Alcuni avvolgimenti che saranno inseriti nelle piastre dei detector

CM: Le risorse finanziarie per sostenere lo sviluppo d’ingegneria che sono richieste per fare questo lavoro bene sono probabilmente oltre le possibilità della White’s.  Qualsiasi Smartphone ha alle spalle un grande team di sviluppo, con un budget multimilionario e vendite stimate per milioni di dollari.  Ovviamente noi non siamo in quella fascia. Tuttavia, possiamo attuare un sottoinsieme,  ad esempio come la possibilità di caricare un modulo per le varie lingue estere, creato da uno sviluppatore indipendente.

LC: Recentemente, alcune aziende specializzate, hanno prodotto delle macchine ibride Metal Detector+GeoRadar (GPR) che ora sono utilizzate in ambito militare o per lo sminamento umanitario. Pensi che sarà possibile che ci siano ricadute nel campo hobbistico con delle versioni più semplici ed economiche? State lavorando anche voi a queste tecnologie?

The interviewer, Leonardo/"Bodhi3"

The interviewer, Leonardo/”Bodhi3″

CM: Ne dubito. Il GPR non è la panacea che alcuni immaginano che sia . Tutti vorrebbero essere in grado di leggere la data di una moneta prima di scavarla, ma il GPR non può infatti stimare la differenza tra una moneta e un sasso.  Siamo ancora molto ma molto lontani da un detector a immagini a livello hobbistico.

LC: Quali sono i piani nell’immediato futuro per la White’s? Cosa ci dobbiamo aspettare nei prossimi mesi?

CM: Hmmm…. nuovi modelli di metal detector! Seriamente, posso solo essere vago su questo argomento… Stiamo lavorando ad una varietà di tecnologie che includono   monofrequenza, multifrequenza e alcune metodiche “Advanced Time Domain” (nota di LC: Carl intende evoluzioni del Pulse Induction).

LC: Grazie mille Carl! E’ stato un piacere averti ospite nel nostro blog!

CM: Grazie a te Leonardo. E’ stato un piacere anche per me!

Exclusive Interview with Carl Moreland (Engineering Manager – White’s Electronics)


Carl Moreland

Carl Moreland

After interviewing him together with George Overton, as co-author of the book “INSIDE THE METAL DETECTOR” (click HERE to read the interview), we’re again with one of the most famous key figure of the international metal detecting scene: Carl Moreland (CM in the text).

Carl, White’s Electronics’ Engineering Manager, is also known to have founded (and he still administrate it together with George Overton) a site called GEOTECH1.com where everyday thousands of detecting electronics enthusiasts, self-constructors and simple tech-curious people meet and share informations.

In the interview, I’m sure you will notice that some of my questions were already asked to Eng. Kanev from Detech and Steve Moore from Garrett. My will was to obtain personal answers to common questions on most popular issues, that’s all…

Before leaving you to the interview, I’d like to thank again Carl for his kindness and also Massimo/”Gladiatore” for helping me with the translations for the Italian edition of the article.

Leonardo/”Bodhi3″
Director AMDTT

——-

LC: Hello Carl! Thanks for making you availble for this interview. Can you tell us something about your previous academic and professional experiences and how you’ve got in contact with White’s Electronics?

CM: Master’s/EE Florida State University; 18 years with Analog Devices designing IC’s for high speed ADCs, opamps, and GSM communications; 3 years with Maxim designing reference systems for cellular and ultrasound; I answered an employment ad for White’s.

LC:  As far as we know, White’s main factory is based in Sweet Home, Oregon, USA. Do the Inverness’ plant also partecipate to the development and design of new models?

Schermata 2013-06-27 alle 10.38.22CM: Sweet Home consults Inverness on new product designs, and Inverness does some designs independent of the Sweet Home facility.

LC: White’s models were always considered the best  detectors for discrimination. Is this feature a real fundamental topic in your design strategy or is just a “side-effect” of your ordinary engineering process when developing a detector?

CM: It is definitely a primary concern in our design process. We recognize that all the easy targets are gone, and what is left is largely hidden amongst buried trash.

LC: A lot of our readers asked us if White’s will introduce a  new submersible VLF multi-frequency machine. Are you planning something like a (Salt)WaterProof Spectra V3i, in the near future?

CM: I can’t comment specifically on current projects, but we are working on both new packaging and new circuitry that will combine to make some nice products. I can say that our traditional metal boxes are at the end of the line.

LC: When the Spectra V3i model came out, we Italians felt a little bit disappointed for the lack of Italian language in the menus. Will the next-generation machine include more languages and Italian too?

Carl with one of the V3 prototype (once called Vision)

Carl with one of the V3 prototype (once called Vision)

CM: Italian barely missed the cut, mainly because of time and memory limitations. But, yes, we are going to work on broadening our appeal through better language support.

LC: I’m asking to different engineers from major detector manufacturer if they think that current models, based on technology like VLF and Pulse Induction, are actually reaching their theoretical limits. Do you think there’s some more to be done on that before switching to a different technology?

CM: Single-frequency VLF is hitting practical depth limitations. Multi-frequency still has quite a bit of life left in it, especially in the realm of better signal processing for ground rejection and target ID. PI has barely gotten started.

A curious pic of a red box of the Vision prototype

A curious pic of a red box of the Vision prototype

LC: Latest top-of-the-line metal detectors are now featuring USB connections that allow easy firmware updates. Will the next models introduce this valuable feature?

CM: I would expect graphical interface models to have this feature. It’s a bit more difficult to do with units that have a segmented display, or no display at all.

LC: Will we ever see an “Open Source” detector made by White’s, where the internal software could be modified, enhanced and uploaded by users, as it happens with Android smartphones?

Some White's coils

Some White’s coils

CM: The engineering resources required to make this work well is probably beyond what White’s can provide.  Any given Smartphone has a massive design team behind it, with a multi-million dollar budget and expected sales of a $billion or more. We’re not in that league. However, we may implement a subset, such as the ability to load in a language module, including a language module that is authored by an independent developer.

LC: Recently some specialized companies produced man operated hybrid machines Metal Detector+Ground Penetrating Radar (GPR), that are now used in military or humanitarian demining. Do you actually think they could fall into the hobbyist market with some low-end versions? Are you working on that too?

The interviewer, Leonardo/"Bodhi3"

The interviewer, Leonardo/”Bodhi3″

CM: I doubt it. GPR isn’t the panacea some people envision it to be. Everyone would like to be able to read the date on a coin before they dig it up, but GPR can’t really tell the difference between a coin and a rock. We’re a long, long way from any kind of consumer-level  imaging detector.

LC: What are White’s immedate future plans? What we should expect from you in the near future?

CM: Hmmm…. new detector models! But seriously, I can only pass along vague generalities… we are engaged in a variety of technolgies including single frequency, multi-frequency, and some pretty advanced time-domain methods.

LC: Thank you very much Carl! It was such a pleasure to host you on our blog!

CM: My pleasure!

Exclusive Interview with Steve Moore (Marketing Communications Manager – Garrett Electronics)


Steve Moore (Garrett Electronics)

Steve Moore (Garrett Electronics)

Last year I had the great opportunity to meet Steve Moore (Marketing Communications Manager of Garrett Electronics, SM in the following text) together with Henry Tellez (Vice President and Director of International Sales & Marketing) and Brian McKenzie (Official Garrett’s Photographer) here in Italy. They came here to meet the italian distributors and dealers (I take this chance to send a big “Hello!” to Roberto, Luca and Giorgio) and other dear friends (Paolo and Romeo) and to go detecting in some evocative places that could be photographed for catalogs and other marketing purposes.

In this occasion we had a lot of fun hunting together and I had the chance to know Steve and to see him “in action” while detecting in the wonderful woods of my region. I knew him from several videos where Steve explained how to use some Garrett detectors but knowing him in person was great! He’s a “Force of Nature”! I won’t ever forget watching him running and hunting downhill thru the intricate wood or jumping with both feet over a tree branch that was covering sunlight to slightly bend it to have a better light for some pictures…

I’ve asked Steve to answer some original questions and some other that I’ve already asked Eng. Kanev from Detech too. I was interested to his opinion so I’ve asked him infos on the same interesting issues.

Before leaving you to the interview, I’d like to thank Steve again for his kindness hoping he will come back again in Italy very soon!

Leonardo/”Bodhi3″
Director AMDTT

—–

LC: Hello Steve! Thanks for making you availble for this interview. Can you tell us something about your previous academic and work background and how you’ve got in contact with Garrett Metal Detectors?

SM: My background is in advertising and marketing. I started working in the ad agency business on client account, and then eventually moved to the other side of the creative table, managing in-house creative departments. When Garrett needed someone to run their advertising department, the requirements all seemed perfect. They needed someone who could write, produce ads, works on the company website, coordinate photography, handle technical copy, and so on.

I met the Garretts and we just had a lot in common. I had even lived in the same small East Texas town where they still own property. I guess it just felt like a great opportunity from the start.

LC:  Garrett Electronics has a very long tradition in metal detecting, especially thanks to the great efforts of his founder, Charles Garrett. Can you tell us how you feel working together with a “living treasure hunting legend”?

Steve with Mr. Charles Garrett

Steve with Mr. Charles Garrett

SM: It has been an honor getting to know Mr. Garrett. He is one of the true pioneers of the sport that we enjoy so much today. He truly helped to make finding history so much easier for the new treasure hunters, while continuing to make models geared toward the more advanced user. I’ve had the pleasure of detecting with him in the past, and I’ve learned from the things he has shared. I really enjoyed interviewing him about his detecting adventures for a couple of the RAM Books I’ve written.

LC: Your Company has always produced powerful machines and accessories. What do you think are the most critical issues you focus on when designing a new model? Depth, discrimination, ground balance, ease of use etc?

SM: We listen to what people are looking for and take that into consideration. Our engineers also look at what else they can add to make a person’s search experience more productive. An example of this would be the Iron Audio feature on our AT series detectors. This feature helps a person more easily distinguish bad targets from good targets. All of the features you mention are important in creating a great new detector.

LC: Will Garrett produce a true VLF multi-frequency machine?

SM: I like the sound of that. It’s hard to be specific or to toss out possible timelines for anything, so I won’t do that. Sometimes research in one area leads to something else, but one thing is for sure: Garrett engineers are always testing different ideas.

LC: Your Pulse Induction models, Infinium and Seahunter MK2 are on the catalog since a while.  They are wonderful and good performing machines but, do you plan to add some new, more modern, PI models in the near future?

SM: I would like to see that happen.

LC: The latest Garrett AT PRO/AT GOLD are submersible units but they are not especially designed and tuned for saltwater use as, for example, Minelab CTX3030. Do you plan to introduce some more enhanced models to reply to Minelab CTX3030 increasing success?

SM: Actually, the AT Pro runs well in the salt water. The AT Gold is better suited for highly mineralized ground, as its ground balance range does not include salt water. It is very important to be properly ground balanced to salt water. The wet sand at the edge of the sea will balance to one number, but you will need to GB again upon entering the water iteself. I generally use Auto Ground Balance to achieve optimal performance. Then, if the surf is swishing about and creating any extra signals, then I just use Manual Ground Balance to back the GB numbers down a couple of clicks. (Note from LC: See Mauro/”Mauroki” and Sergio/”Xergix” videotutorial on how to apply Steve’s tips for saltwater balancing HERE)

LC: Do you think that current models, based on technology like VLF and Pulse Induction, are actually reaching their theoretical limits? Do you think there’s some more to be done on that before switching to a different technology?

Standing: Paolo, the Author/Leonardo, Luca, Romeo, Giorgio Front: Steve, Henry, Roberto

Standing: Paolo, the Author/Leonardo, Luca, Romeo, Giorgio
Front: Steve, Henry, Roberto

SM: I think Garrett will continue to work on VLF and PI machines that further push the limits. Sometimes, new features will allow you to return to “hunted out” sites and begin making discoveries that you were unable to hear with an older machine. Newer technology, of course, will also be explored as we move forward.

LC: Most top-of-the-line detectors from major brands are totally CPU controlled with digital color displays, DSP, wireless headphones and communications, dozens of functions etc. Will Garrett come out with a “Next Generation” detector with all these features?

SM: I’m sure Garrett’s next high-end detector will include features beyond what you see on our current line-up.

LC: Will we ever see an “Open Source” detector made by Garrett, where the internal software could be modified, enhanced and uploaded by users, as it happens with Android smartphones?

SM: Everything is possible. We’ll see.

LC: We know that Garrett has made serious investments in the Military and Security area to develop special metal detectors. In your opinion, will low-cost hybrid machines Metal Detector+Ground Penetrating Radar (GPR), that are now used in military demining, enter the hobbyist market? Are you working on that too?

SM: I’m sure that something along those lines will be available one day. I really can’t comment on future technologies that we might explore.

LC: What are Garrett Electronics’ immedate future plans? What we should expect from you in the near future?

Steve hunting in a vineyard in Italy

Steve hunting in a vineyard in Italy

SM: Again, I really can’t comment on what we might do in the future, but rest assured that we are always tinkering with new ideas. Garrett will celebrate its 50-year anniversary in 2014, so that should be pretty exciting.

LC: As Marketing Communications Manager for Garrett, we know that you travel a lot all around the world to field test your detectors and to meet with local distributors to have feedbacks, have public relations, take pictures for catalogs and make videos etc. Can you tell our readers if you’ve noticed a different attitude in European TH-ers by comparing them to USA ones? Do you think they live this hobby in a different way?

SM: Yes, European treasure hunters in general are pretty serious about their hobby. There is so much more history, and so much older history, to be found than what we have in America. The times I’ve traveled through Europe to metal detect and to visit distributors have been very enjoyable. We also learn from each of these trips. I pay attention to how good treasure hunters run their machines in different countries and listen to their tips and techniques to see what I can learn.

LC: Thank you very much Steve! It was such a pleasure to host you on our blog! I really hope you will come back in Italy as soon as possible so we will have another chance to go hunting together…and for another huge and delicious dish of pasta with mushrooms like the one we ate when we met!

SM: You’re welcome, Leonardo. I hope to visit Italy again in the future to do more metal detecting. Take care.

Intervista Esclusiva con Steve Moore (Marketing Communications Manager – Garrett Electronics)


Steve Moore (Garrett Electronics)

Steve Moore (Garrett Electronics)

L’anno scorso ho avuto la grande opportunità di incontrare Steve Moore (Marketing Communications Manager della Garrett Electronics, SM nel proseguio del testo) insieme ad Henry Tellez (Vice Presidente e Direttore Vendite e Marketing Internazionale) e Brian McKenzie (Fotografo Ufficiale della Garrett) qui in Italia. Erano venuti ad incontrare i distributori italiani, alcuni dealers (colgo l’occasione per mandare un saluto a Roberto, Luca e Giorgio) ed altri cari amici (Paolo e Romeo) e per andare a fare detecting in alcune zone piuttosto evocative che potevano essere fotografate per i loro nuovi cataloghi e altri scopi legati al marketing.

In questa occasione ci siamo divertiti tantissimo insieme e ho avuto l’occasione di conoscere personalmente Steve e vederlo “in azione” mentre faceva ricerca nei meravigliosi boschi della mia regione Umbria. Già lo conoscevo indirettamente per averlo visto in numerosi video dove Steve spiega come utilizzare al meglio i detector della Garrett ma conoscerlo di persona è stata una vera esperienza! Lui è una “Forza della Natura”! Non dimenticherò mai quando lo vidi correre a tutta birra in discesa in mezzo all’intricato bosco per andare a spazzolare in un punto da lui ritenuto interessante o quando l’ho visto saltare a piedi pari sopra un ramo di un albero, piegandolo temporaneamente, dato che impediva a Brian (il fotografo) di avere la luce ideale per qualche bello scatto…

Ho rivolto a Steve alcune delle domande che ho già posto all’Ing. Kanev della Detech, dato che mi interessava conoscere le risposte da parte dell’azienda che lui rappresenta, ed in più gli ho fatto alcune domande originali.

Prima di lasciarvi all’intervista, vorrei ringraziare nuovamente Steve per la sua gentilezza e Massimo/”Gladiatore” per il prezioso aiuto che mi ha dato con la traduzione dall’inglese.

Leonardo/”Bodhi3″

Direttore AMDTT

—–

LC: Ciao Steve! Grazie per esserti reso disponibile per quest’intervista. Come sono solito iniziare queste chiacchierate con i nostri ospiti, puoi dirci qualcosa sulla tua formazione e precedente occupazione e di come sei venuto in contatto con la Garrett Metal Detectors?

SM: La mia mia formazione è nel marketing e pubblicità. Ho iniziato a lavorare nel settore delle agenzie pubblicitarie nella gestione clienti e alla fine mi sono trasferito dall’altra parte, sul tavolo creativo, organizzando gli uffici di creazione interni. Quando la Garrett ha avuto la necessità di qualcuno per gestire il loro reparto pubblicitario, i requisiti richiesti erano perfetti. Avevano bisogno di qualcuno che potesse scrivere, produrre pubblicità, lavorare sul sito web aziendale, coordinare la fotografia, organizzare la parte tecnica e cosi via.

Ho incontrato i Sig.ri Charles e Eleanor Garrett e mi sono accorto che avevamo molto in comune. Ho anche abitato nella stessa piccola città texana dove hanno ancora una proprietà. Ho avuto da subito l’impressione che si trattava di una grande opportunità.

LC:  La Garrett ha una lunghissima tradizione nel metal detecting, specialmente grazie agli sforzi del suo fondatore, Charles Garrett. Puoi dirci come ci si sente a lavorare con una “leggenda vivente del treasure hunting (ricerca tesori)”?

Steve with Mr. Charles Garrett
Steve with Mr. Charles Garrett

SM: E’ stato un onore conoscere il Sig. Charles Garrett. E’ uno dei veri pionieri di questo sport che ci piace cosi tanto oggi. Ha contribuito veramente a rendere facile la ricerca per i nuovi cercatori, continuando pur sempre a produrre modelli indirizzati all’utente più esperto. Ho avuto il piacere di cercare con lui in passato e ho imparato molto dalle cose che ha condiviso con me. Mi sono veramente divertito nell’ intervistarlo sulle sue avventure di detecting per un paio di libri che ho scritto e che sono stati pubblicati dalla RAM (Nota di LC: La casa editrice legata alla Garrett).

LC: La vostra azienda ha sempre prodotto detector performanti e ottimi accessori per la ricerca. Quali sono i punti più critici sui quali vi concentrate quando create nuovi modelli? Profondità, discriminazione, bilanciamento, facilità d’uso ecc.?

SM: Innanzitutto ascoltiamo di cosa la gente ha bisogno e lo prendiamo in grande considerazione. I nostri ingegneri guardano anche cosa può essere aggiunto per rendere l’esperienza di ricerca più produttiva. Per fare un esempio, si pensi alla caratteristica innovativa dell’”Iron Audio” sui nosti modelli serie AT (PRO e GOLD). Questa caratteristica aiuta un cercatore a distinguere con più facilità i target “cattivi” da quelli “buoni”.  Ovviamente poi, tutte le caratteristiche che hai citato sono importanti quando si crea un nuovo metal detector che aspira ad avere ottime performance.

LC: la Garrett produrrà un vero VLF multifrequenza?

SM: Mmmm… Questa cosa suona molto bene! E’ difficile essere specifici ed entrare nel dettaglio circa i nuovi progetti. Quindi non lo farò..ehehehe. A volte la ricerca in un’area ti porta da un’altra, ma una cosa è certa: gli ingegneri Garrett stanno sempre sperimentando idee diverse.

LC: I vostri modelli Pulse Induction Infinium LS e Mediterraneo e il Seahunter MK2 sono a catalogo da parecchio tempo. Sono macchine magnifiche e molto performanti, ma avete in programma di aggiungere modelli PI nuovi, più moderni a breve?

SM: Mi piacerebbe che ciò avvenisse…

LC: Gli ultimi Garrett AT PRO/AT GOLD sono macchine stagne ma non sono specificatamente create e tarate per l’uso in acqua salata, come per esempio il Minelab CTX3030. Prevedete di introdurre modelli più  performanti per rispondere al successo crescente del Minelab CTX 3030?

SM: L’AT PRO va effettivamente bene in acqua salata. L’AT GOLD è più adatto a terreni altamente mineralizzati in quanto il suo range di bilanciamento non include l’acqua salata. Come sai, è molto importante essere bilanciati in modo appropriato per l’acqua salata. La sabbia del bagnasciuga si bilancerà ad un valore, ma bisognerà ribilanciare la macchine quando si entra in acqua. Utilizzo abitualmente il bilanciamento automatico per ottenere le prestazioni migliori, poi se il bagnasciuga mi crea falsi segnali, utilizzo il bilanciamento manuale per andare giù di un paio di clicks sui valori di bilanciamento (Nota di LC: Steve ci spiegò di persona come effettuare la corretta taratura in queste situazioni. Mauro/”Mauroki” e Sergio/”Xergix”, hanno realizzato anche un video tutorial che è possibile vedere QUI)

LC: Credi che i modelli attuali, basati su tecnologia come il VLF e PI, stiano per raggiungere i loro limiti teorici? Credi che ci sia ancora un margine di miglioramento prima di passare ad una tecnologia differente?

Standing: Paolo, the Author/Leonardo, Luca, Romeo, Giorgio Front: Steve, Henry, Roberto
Standing: Paolo, the Author/Leonardo, Luca, Romeo, Giorgio
Front: Steve, Henry, Roberto

SM: Credo che la Garrett continuerà a lavorare su macchine VLF e PI spingendo in là i limiti. A volte nuove caratteristiche ti permettono di ritornare su terreni già scandagliati e iniziare a fare scoperte che erano fino al giorno prima ritenute impossibili con una macchina più vecchia. Le nuove tecnologie saranno sicuramente esplorate in quanto la nostra Ricerca e Sviluppo è in continua e costante crescita.

LC: Molti detector di fascia alta delle maggiori case costruttrici sono controllati totalmente da CPU, con display digitali a colori, processori di segnale DSP, cuffie e comunicazioni wireless, decine di funzioni ecc. La Garrett produrrà anch’essa un MD di nuova generazione con queste caratteristiche?

SM: Sono certo che il prossimo modello di fascia alta Garrett includerà caratteristiche che vanno oltre a quello che abbiamo ora.

LC: Come ho chiesto già ad altri costruttori, vedremo mai  un MD “Open Source” della Garrett, con un software interno modificabile, migliorabile e aggiornabile dagli utenti, cosi come avviene con gli smartphones Android?

SM: Tutto è possible. Vedremo…

LC: Sappiamo che la Garrett ha fatto e continua a fare seri investimenti nel settore militare e della sicurezza, sviluppando MD speciali. Credi che ci sarà la possibilità che macchine ibride Metal detector+GeoRadar (GPR) a costi contenuti, attualmente impiegati nello sminamento, entreranno sul mercato hobbistico?  Ci state lavorando?

SM: Sono sicuro che qualcosa di simile sarà disponibile un giorno. Purtroppo le nostre policy aziendali non mi permettono dire nulla sulle future tecnologie che andremo ad esplorare…

LC: Quali sono i piani a breve della Garrett Electronics? Cosa ci possiamo aspettare in un prossimo futuro?

Steve hunting in a vineyard in Italy

Steve hunting in a vineyard in Italy

SM: Come già detto, non posso essere esplicito su cosa faremo in futuro, ma puoi essere certo che stiamo sempre valutando nuove idee. Charles Garrett festeggerà i suoi 50 anni di attività nel 2014, questo è veramente eccitante, e chissà se ci saranno sorprese…

LC: Come Manager del Marketing e comunicazione per la Garrett , sappiamo che viaggi molto in giro per il mondo per testare i vostri detectors e incontrare i distributori locali per avere riscontri, relazioni pubbliche, fare foto per cataloghi e video ecc. Puoi dire ai nostri lettori se hai notato diversità di comportamento tra i cercatori europei e quelli americani? Credi che vivano questo hobby in modo diverso?

Leonardo/"Bodhi3"

Leonardo/”Bodhi3″

SM: Si, in generale in cercatori europei sono molto seri con il loro hobby. C’è molta più storia, e cosi molta più storia antica da trovare di quel che abbiamo in America. I momenti trascorsi attraverso l’Europa facendo detecting e visitando i distributori sono stati molto belli. Abbiamo imparato da ognuno di questi viaggi. Ho fatto attenzione su come i bravi cercatori utilizzano le loro macchine nei diversi paesi ed ascoltato i loro suggerimenti e le loro tecniche per vedere cosa potevo imparare.

LC: Grazie di cuore Steve! E’ stato un vero piacere ospitarti sul nostro blog! Spero che ritornerai presto in Italia, cosi avremo la fortuna di andare nuovamente a fare ricerca assieme e per un altro bel piatto delizioso di pasta ai funghi !

SM: E’ un piacere Leonardo. Spero di visitare presto ancora l’Italia e fare ancora ricerca.

Prossimamente… Intervista con Steve Moore, Garrett Metal Detectors


Schermata 2013-06-24 alle 09.58.45

Steve Moore, Garrett Metal Detectors

Dopo l’intervista con l’Ing. Rumen Kanev, della DETECH LTD, che ha riscosso un notevole interesse da parte dei nostri lettori, vi anticipo una succosa anteprima…

La prossima intervista sarà con nientepopòdimenochè… Steve Moore, Marketing Communication Manager e “Uomo Immagine” della Garrett Metal Detectors. Se si apprezzano un po’ i detector della Garrett non si può non conoscere il “mitico” Steve che, girando il mondo in lungo e in largo, ha girato decine e decine di video istruttivi che ci spiegano come usare al meglio i loro prodotti.

Texano da sei generazioni, Steve ha una cultura storica del suo stato di provenienza, il Texas appunto, impressionante. Ha pubblicato numerosi libri sull’argomento e la sua passione per la ricerca storica è sempre in continua evoluzione. Ho avuto la fortuna e il piacere di conoscerlo personalmente l’anno scorso, in occasione di una visita di una piccola delegazione della Garrett composta da Steve, dal Vice President and Director of International Sales & Marketing Henry Tellez, ed dal fotografo ufficiale Brian McKenzie, per incontrare i distributori nazionali italiani e per raccogliere materiale fotografico per i loro futuri cataloghi.

Vi chiedo ora solo un po’ di pazienza… e poi potrete leggere le risposte di Steve alle mie domande… Non siete curiosi anche voi?

Leonardo/”Bodhi3″

Direttore AMDTT

 

Exclusive Interview with Eng. Rumen Kanev (CEO and Chief Engineer DETECH LTD)


I’m really proud to have the honour to hereby publish my exclusive interview with Eng. Rumen Kanev, CEO and Chief Engineer of DETECH LTD, the worldwide famous Bulgarian producer of some of the most powerful search coils and metal detectors on the market. After testing their latest VLF detector, named WINNER, that really impressed myself (see my review HERE) I’ve asked Eng. Kanev (RK in the text) to manage and interview and he kindly accepted. Before we go, I’d like to send my big thank you to Eng. Rumen Kanev for his kindness and to making himself available to my questions and also to his staff for their great work and for the nice pictures. I won’t let you wait anymore… Here’s the complete transcription…

Leonardo/”Bodhi3”
Director AMDTT

Kanev

Eng. Rumen Kanev

LC: Can you tell us something about your  previous background and when did you started to get interested in metal detecting technology development?

RK: I have graduated Mathematics Secondary School in my birth town Shumen (Bulgary) . And then – higher education in the Technical University of Russe, mechanical engineer speciality. After that, I’ve just registered a company and started to import metal detectors, basically from Kellyco, USA. I have always tried to ensure the optimal for the certain customer detector, complied with the possibilities of the treasure hunter and the aim, which has made him buy a detector. These years gave me really excellent acquaintance with a big part of the detectors on the market then. On the other hand – the contacts with thousands of TH-ers gave me a full picture of all the possible requirements, remarks of the customers, to the existing metal detecting products. And you know, the main requirement of every metal detectorists is the greater depth of penetration of the detector. And from there the designs of bigger sized coils for different detectors and of the PI detectors began. And till now, the company has already five patents in the field of metal detection.

LC: Detech probably became known to the public for the Excelerator coils but maybe you became world wide famous for your powerful SEF “Butterfly” coils. Can you tell us about their history? Where did you get the inspiration for those wonderful “DoubleZero” coils?

12x15_coil

The SEF “Butterfly” coil

RK: We started with products, very similar as a design, to the DD coils of Minelab detectors. This because those coils were the best on the market for that moment. Trying to make even better products, we kept all their positive qualities, improving them and adding new qualities. Our first coils were made with composite materials, fibre glasses, entirely hand made. Such a technology is good for quick make of prototypes and short series of coils. The housings made in this way are very strong, temperature resistant and could be made in different colours and textures. But a big disadvantage is the deformation of the housing with the time, bringing to change of the coil’s balance – which is the biggest negative for a coil. That is why we turned to other technologies – vacuum thermoforming and injection molding. They allow mass scale production.

In our strive to improve the current models, to avoid the tendency of disbalancing, and to improve the pinpoint, and also for the stable operation of the coil, we came to the SEF coils shape. Adding four spokes, and using new epoxy resins with great strengthness and a low specific weight – the result was the so popular “Butterfly” searchcoil shape, which everyone tries to imitate now.

LC: What do you think it’s the most critical issue of coils? Shape, size, fine tuning, solidity etc? Will we see some new special shaped models?

La piastra Ultimate 13"

The Ultimate 13″ coil

RK: All the issues you’ve mentioned are of equal importance for the good searchcoil. It is the most significant part of the metal detector, and no compromises should be done with the solidity, fine tuning, the materials. The shape has big significance, and the size depends on the customer’s choice. The smaller sized coils are good for search of small targets, gold nuggets, and for trashy areas. The bigger sized coils are useful for relic hunting. We have new, designed already searchcoils, with interesting shapes, but let them be secret until their release for mass production (Note from LC: Can’t wait to test them!!!).

LC: Will Detech produce special Minelab CTX3030 and XP DEUS compatible coils?

RK: For the moment enquiries for design of searchcoils for these detectors are extremely rare. XP and also Minelab have accessory coils for these detectors. Though that, if the interest in other accessory coils increases, we could design such coils, of course, with the assistance of Minelab and XP detectors.

The new offices

The new offices

LC: After coils manufacturing, you’ve also entered in the metal detectors’ market with your PI series and the VLF/IB EDS and Winner models. They are becoming very popular more and more everyday. Can you tell us more about their creation? What makes the EDS and the Winner so incredibly powerful for depth, reactivity and ground exclusion balance?

SSP 5100 Pulse Induction

SSP 5100 Pulse Induction

RK: We are the first company which improves the PI detectors adding to them AUTO MODE, in which the detector tracks the changes in the ground, without the necessity of manual resetting. A big disadvantage of the previously existing PI detectors (before we introduced our models) was the lack of any kind of true discrimination. Detech was the first to to build a  PI detector magnetic-inductive sensors, which register when signal from the target is ferromagnetic. We have patents for this feature. We also were the first company to release a PI detector with a display and graphical representation of the signal.
Regarding our VLF detectors: Their good performance is due to:
–       very careful choice of electronic scheme
–       selection of very high quality electronic components
–       last but not least – precise factory handmade tuning.

LC: Will you produce a multi-frequency VLF/IB model?

Part of the Showroom

Part of the Showroom

RK: Yes, we are working on such a project, but would not engage ourselves with somewhat without finishing the project with confidence in its success.

LC: What about submersible units? Are you planning to make one waterproof unit?

The new office building

The new office building

RK: We do not intend to design submersible unit. On the market there are too many good models, the Excalibur (Note by LC: made by Minelab) is just wonderful, and we could recommend it to everyone interested in underwater detectors.

LC: Do you think that current technology like VLF and Pulse Induction are actually reaching their theoretical limits? Do you think there’s some more to be done on that before switching to a different technology?

RK: Yes, we really think that the VLF and PI detectors are designed at  almost their technological maximum. It is almost impossible to exceed our sensitivity and depth of penetration. Even the biggest brands  are somehow quite stuck on their top performance level since many years. The new models of detectors, recently released on the market, are lightenned, with bigger screens, colour displays, with more features (many of them unnecessary).

The young lady at his right is his niece, last year student in Architectural design, participates in the design (outlook) of Detech products. The woman at Rumen's left is his wife, Nina, the executive of the company, responsible for almost everything in the company. Next to Nina is Kalina, a sister of Rumen Kanev - the cheaf accountant of the company. And next to Kalina is Elena, the mother of Rumen - she is responsible for all the properties of the company. The last one is Georgi - the contact person of the company, who is also involved in the correspondence of the company.

The young lady at his right is his niece, last year student in Architectural design, participates in the design (outlook) of Detech products.
The woman at Rumen’s left is his wife, Nina, the executive of the company, responsible for almost everything in the company.
Next to Nina is Kalina, a sister of Rumen Kanev – the cheaf accountant of the company.
And next to Kalina is Elena, the mother of Rumen – she is responsible for all the properties of the company.
The last one is Georgi – the contact person of the company, who is also involved in the correspondence of the company.

LC: Most top-of-the-line detectors from major brands are totally CPU controlled with digital (color) displays, DSP, wireless headphones and communications etc. Will Detech come out with a detector with all these features or you’ll keep producing more “traditional” machines like you’ve done until now?

RK: At the moment we are preparing such a detector model. It will be with big display, lots of features, wireless headphones, etc… And we hope it will be reality very soon. (Note by LC: Hope we could also test it too as soon as possible!)

LC: In your opinion, will we ever see an “Open Source” detector where the internal software could be enhanced and uploaded by users, as it happens with Android smartphones?

RK: We have commented this with our specialists, and their opinion is that our future detectors will be equipped with such a higher class of processor, which will allow the interface to  be enhanced and uploaded by users.

LC: Will hybrid machines Metal Detector/Ground Penetrating Radar, that are now used in military demining, enter the hobbyist market? Are you working on that too?

RK: We do not have enough experience in this field. But we think that the GPR won’t enter the hobbyist market on a mass scale. First of all they are very expensive, and require quite a lot of practical experience from the operator, so that he could correctly read the data from the radar. These are too professional systems, and the hobby would be somehow lost….

The DETECH complete Staff

The DETECH complete Staff

LC: What are Detech’s immediate plans? What we should expect from you in the near future?

RK: Only a month ago we released new series of searchcoils – WSS (Wide Scan). We are preparing also new searchcoils models and also new, more modern detectors. We hope to bring joy  to the hobbyists with these new products.

LC: Thank you very much Eng. Kanev! It was such a pleasure to host you on our blog! I’m sure our readers will be very excited from your statements!

RK: You’re welcome Leonardo! I send my greetings to all the AMDTT’s blog audience and I wish all of you will enjoy our present and future products.

The Interviewer, Leonardo/"Bodhi3"

The Interviewer, Leonardo/”Bodhi3″

Intervista Esclusiva con l’Ing. Rumen Kanev (DETECH LTD)


Sono veramente orgoglioso ed onorato di poter pubblicare qui la mia intervista esclusiva con l’Ing. Rumen Kanev, amministratore delegato e Chief Engineer della DETECH LTD, l’azienda bulgara famosa in tutto il Mondo per le loro celebri piastre di ricerca e per i loro impressionanti metal detector. Dopo aver personalmente testato e recensito il loro ultimo modello VLF/IB, chiamato WINNER, che mi ha veramente sbalordito (potete leggere la recensione QUI), ho chiesto all’Ing. Kanev (nel testo indicato con le iniziali RK) se fosse possibile realizzare un’intervista e lui, molto gentilmente, ha accettato. Prima di proseguire, vorrei nuovamente ringraziare Mr. Kanev per la sua disponibilità a rispondere alle mie domande e tutto il suo staff per il lavoro eccezionale che svolge e per le belle foto che accompagnano questo articolo. Non vi farò attendere oltre… Ecco la trascrizione completa dell’intervista!

Leonardo ”Bodhi3” Ciocca
Director AMDTT

Kanev

L’Ing. Rumen Kanev

LC: Ci può raccontare qualcosa del suo background educativo e professionale e su quando e come ha iniziato ad interessarsi allo sviluppo di tecnologie legate al metal detecting?

RK: Mi sono diplomato nella scuola superiore Matematica (Nota di LC: Più o meno l’equivalente del nostro Liceo Scientifico) nella mia città natale Shumen (Bulgaria). Ho poi proseguito la mia educazione nell’Università Tecnica di Russe, laureandomi in Ingegneria Meccanica. Dopo la laurea ho dato vita ad un’azienda di importazione di metal detector, avendo come fornitore principale il famoso dealer americano Kellyco.

Ho sempre cercato di offrire il prodotto più adatto ai miei clienti, a seconda delle loro esigenze e del tipo di ricerche che volevano intraprendere. Questi anni sono stati preziosissimi per conoscere a fondo il mercato dei detectors. Il contatto con migliaia di cercatori mi ha permesso di farmi un’idea precisa e completa di quali sono le caratteristiche più desiderate nel metal detector. Come potrai facilmente immaginare, la maggior parte dei cercatori si è rivelata interessata principalmente alla profondità raggiungibile dal detector. Da questa prospettiva abbiamo iniziato a progettare piastre di grandi dimensioni per differenti modelli di detector e le nostre unità Pulse Induction. Ad oggi, l’azienda DETECH ha già registrato ben cinque brevetti nel campo del metal detecting.

LC: La DETECH probabilmente è diventata nota grazie alle piastre Excelerator ma, certamente, la vostra fama è diventata planetaria con le vostre potenti e innovative piastre SEF “a Farfalla” (Nota di LC: SEF è l’acronimo di Symmetric Electromagnetic Field – Campo Elettromagnetico Simmetrico ed hanno il nomignolo di “a farfalla” per via della loro caratterisca forma bilobo). Ci può raccontare la loro storia? Dove ha preso l’ispirazione per queste magnifiche piastre “DoppioZero”?

12x15_coil

La celebre SEF “Butterfly”

RK: Abbiamo iniziato a produrre piastre con una forma molto simile a quelle DD della Minelab. Questo perché, all’epoca, erano le migliori sul mercato. Nel tentativo di progettare un prodotto ancora migliore, abbiamo cercato di mantenere tutti i loro pregi, migliorando il design originale e introducendo delle speciali innovazioni.

Le nostre prime bobine erano realizzate con materiali compositi e fibra di vetro, completamente fatte a mano una per una. Questo tipo di tecnologia costruttiva è ottima per realizzare velocemente dei prototipi o piccole quantità di prodotto finito. Una struttura esterna realizzata in questo modo è molto robusta, resistente alle temperature e può essere decorata in vari colori e tramature, ma ha lo svantaggio di potersi deformare nel tempo, andando a rovinare l’equilibrio (Nota di LC: l’equilibrio di induttanza tra le bobine trasmittenti e riceventi, il cosiddetto “Nulling” ) della piastra, la cosa in assoluto peggiore che possa capitare. Ecco perché abbiamo deciso di utilizzare altre tecnologie di costruzione: la termoformatura sottovuoto e lo stampo per iniezione. Queste permettono una produzione di ampia scala. Durante i nostri sforzi per migliorare i modelli attuali, per evitare la tendenza alla perdita del nulling, per migliorare il pinpoint e per avere una maggiore stabilità del detector, siamo arrivati alla particolare forma delle SEF. Con l’aggiunta di 4 raggi e utilizzando nuove resine epossidiche con grande robustezza e basso peso specifico, ecco che il risultato è stato quello della così popolare forma “a farfalla” delle piastre, che tutti cercano di imitare oggi.

LC: Quali pensa siano le caratteristiche più critiche di una piastra? La forma, la dimensione, una corretta taratura, la solidità etc? La DETECH ci farà vedere in futuro delle piastre dalle forme differenti dalle attuali?

La piastra Ultimate 13"

La piastra Ultimate 13″

RK: Tutte le caratteristiche che hai citato sono sostanzialmente importanti allo stesso modo per ottenere un’ottima piastra. E’ senz’altro la parte più importante del detector e non bisognerebbe accettare nessun compromesso in termini di solidità, taratura e materiali impiegati per la costruzione. La forma ha grande importanza e le dimensioni sono legate alle scelte del cliente. Le piastre più piccole sono ottime per cercare target minuscoli, pepite d’oro o per terreni molto sporchi. Le piastre più grandi sono invece eccellenti per la ricerca di reperti (Relic Hunting). Noi abbiamo delle piastre nuove, già progettate, con forme interessanti, ma non possiamo al momento divulgare informazioni più dettagliate fino a quando non verrà iniziata la produzione di massa. (Nota di LC: Non vediamo l’ora di provarle!!!).

LC: La DETECH produrrà in futuro piastre compatibili con Minelab CTX3030 e XP DEUS?

RK: Al momento le richieste che ci spingano a progettare piastre compatibili con quei modelli sono ancora molto rare. Tra l’altro sia la XP che la Minaleb hanno piastre extra per questi due modelli. In ogni caso, se l’interesse per questo tipo di prodotti dovesse crescere, potremo certamente progettarle, ovviamente con l’assistenza di Minelab e XP.

office DETECH

Gli interni della nuova sede

LC: Dopo la produzione di piastre, la DETECH è entrata anche sul mercato della produzione di metal detector con la vostra serie Pulse Induction e i modelli VLF/IB EDS e Winner. Questi prodotti stanno diventato ogni giorno più popolari e tantissimi cercatori italiani si stanno interessando a questi modelli. Ci può dire di più sulla loro creazione? Cosa rende l’EDS e il Winner così performanti in termini di profondità, reattività e bilanciamento del terreno?

Il Pulse Induction SSP 5100

Il Pulse Induction SSP 5100

RK: Noi siamo stati la prima azienda a migliorare la tecnologia Pulse Induction con l’introduzione del cosiddetto AUTO MODE, con il quale il detector monitorizza i cambiamenti di mineralizzazione del terreno e si autobilancia senza la necessità di farlo manualmente (Nota di LC: come invece è necessario fare con i modelli White’s TDI, ad esempio). Un altro grande svantaggio dei PI precedenti (prima che noi introducessimo i nostri modelli) è relativo alla mancanza di ogni forma di reale capacità di discriminazione. La DETECH è stata la prima a costruire un detecto Pulse Induction con sensori magnetico-induttivi (Nota di LC: “magnetic-inductive sensors” nel testo originale) che sono in grado di rilevare se il segnale del target è ferromagnetico. Noi abbiamo registrato dei brevetti per questa funzionalità. Siamo stati anche la prima azienda a realizzare un detector PI con il display e con la rappresentazione grafica del segnale.
Per quanto riguarda i nostri detector VLF, le loro performance eccellenti dipendono soprattutto da:
–       Una attenta progettazione dello schema elettronico
–       La selezione accurata dei componenti elettronici impiegati
–       Ultimo, ma non per importanza – una precisa taratura in fabbrica, completamente fatta a mano dai nostri tecnici.

LC: Produrrete un modello VLF/IB multifrequenza?

office1

Uno scorcio degli uffici DETECH

RK: Si, stiamo lavorando ad un progetto di questo tipo, e faremo del nostro meglio per ottenere un prodotto di successo prima di metterlo in commercio.

LC: E per quanto riguarda unità subacquee? Pianificate di produrre detector immergibili?

oфис сграда

La nuova sede della DETECH, recentemente inaugurata

RK: Non siamo attualmente coinvolti nel progetto di detector subacquei. Sul mercato ci sono già tanti ottimi modelli. L’Excalibur della Minelab è semplicemente meraviglioso e noi lo raccomandiamo a tutti quelli che sono interessati a detector subacquei. (Nota di LC: Chissà come sarà contenta di leggere questa cosa la White’s per i suoi BeachHunterID e SurfMaster PI, la Garrett con i suoi SeaHunter Mk2 e Infinium, la Fisher con il CZ21 etc  ahahahaha)

LC: Lei pensa che le attuali tecnologie VLF e Pulse Induction abbiano sostanzialmente raggiunto il loro limite teorico? O pensa che sia possibile ancora ottenere miglioramenti sensibili prima di dover passare a differenti tecnologie?

RK: Si, noi effettivamente siamo convinti che sia i detector VLF che quelli PI abbiano oramai raggiunto i propri limiti massimi. E’ praticamente impossibile superare la sensibilità e la profondità di penetrazione. Anche i maggiori costruttori mondiali sono sostanzialmente quasi fermi alle loro top performance da alcuni anni. I nuovi modelli di detector, immessi di recente sul mercato, spesso sono solo più leggeri, con schermi più grandi, con display a colori e con più funzioni (molte delle quali assolutamente non necessarie).

IMG_5521

Da SX, la nipote dell’Ing. Kanev (laureanda in architettura, che sta collaborando per il design estetico dei nuovi modelli), l’Ing Kanev, sua moglie Nina (dirigente dell’azienda), sua sorella Kalina (Resp. Amministrativa), sua madre Elena (Resp. delle Proprietà aziendali) e Georgi (Resp. Comunicazione)

LC: La maggior parte degli attuali top di gamma dei principali costruttori, come ha già accennato Lei, sono completamente controllati da CPU, con display a colori, DSP, cuffie e sistemi di comunicazione senza filo etc. La DETECH intende produrre macchine con tutte queste caratteristiche o continuerà a progettare macchine un po’ “tradizionali” come ha fatto fin’ora?

RK: In questo momento stiamo lavorando ad un modello così. Avrà un ampio display, tante funzioni, cuffie senza filo etc… E speriamo di terminarlo molto presto! (Nota di LC: E speriamo di poter testare anche questo!!!! 😀 :D)

LC: Secondo Lei, vedremo mai un metal detector “Open Source” dove il software interno può essere modificato e, teoricamente, migliorato dagli utenti, così come accade con gli smartphone Android per esempio?

RK: Abbiamo discusso di questa cosa che ci hai chiesto con i nostri specialisti e secondo loro nei nostri futuri detector implementeremo processori nettamente più potenti che permetteranno agli utenti di interfacciarsi e di caricare software migliorato da loro stessi o da altri utenti capaci di farlo. 

LC: Prevede l’ingresso nel mercato hobbistico di macchine ibride Metal Detector/Ground Penetrating Radad (GeoRadar), che ora vengono utilizzate per lo sminamento militare o umanitario? State lavorando anche a queste tecnologie?

RK: Sinceramente non abbiamo abbastanza esperienza in questo campo. Ma crediamo che il GPR non entrerà nel mercato hobbistico a larga scala. Prima di tutto è ancora troppo costoso e poi richiede molta esperienza da parte dell’operatore, per saper interpretare i dati rilevati. Questi sono sistemi troppo professionali, e la componente hobbistica verrebbe sicuramente a perdersi….

IMG_4756_1

Lo Staff DETECH al completo

LC: Quali sono i piani dell’immediato futuro per la DETECH? Cosa ci dovremmo aspettare a breve termine?

RK: Soltanto un mese fa abbiamo messo sul mercato una nuova serie di piastre – WSS (Wide Scan). Stiamo inotre preparando nuovi modelli di piastre e anche altri nuovi moderni detector. Speriamo di portare tanto divertimento e soddisfazione agli hobbisti con questi nuovi prodotti.

LC: Grazie mille Ing. Kanev! Sono stato così lieto di poterLa avere ospite del nostro blog! Sono certo che tutti i nostri lettori saranno molto eccitati da ciò che ci ha raccontato!

RK: Grazie a te Leonardo! Mando i miei più cari saluti a tutti i lettori del blog di AMDTT nella speranza che abbiano sempre grandi soddisfazioni con i nostri prodotti.

L'autore dell'intervista, Leonardo/"Bodhi3"

L’autore dell’intervista, Leonardo/”Bodhi3″

INTERNATIONAL EXCLUSIVE! Interview with the authors of “Inside the METAL DETECTOR” – George Overton and Carl Moreland


CarlMorelandInsideTheMetalDetectorAs director of AMDTT, I’m really happy and proud to have had the opportunity to have an exclusive interview with Mr. George Overton and Mr. Carl Moreland, co-authors of the book “Inside the METAL DETECTOR” (Ndr. Now’s available the 2nd edition. Check HERE !), published by Geotech Press last month which, without any doubt, now probably represents the best technical reference text for anybody who’s interested in metal detector design and self-construction or for people interested to have a deep insight on technical and theoretical fundaments of BFO (Beat Frequency Oscillator), TR (Transmit-Receive), VLF/IB (Very low frequency/Induction Balance) and PI (Pulse Induction) metal detectors.

This valuable paperback handbook will be an incredible source of detailed informations, technical explanations, schematics and design tips that will make really happy any detecting-technology enthusiast and anyone who wants to self-construct metal detectors with performances  comparable to commercial models. In the Geotech’s site are also available the Gerber files, useful to build up the PCBs. The book is now only available in English language. We hope in some translated editions in the near future.

Here we have the interview… Have a nice reading!

—————–

Leonardo Ciocca (Director of AMDTT): “First of all I’d like to thank George and Carl for the kindness they personally demonstrated to my person and toward the AMDTT’s blog readers. Let’s start this interview with the most classic question: how the ‘Inside the METAL DETECTOR’ project was born?”

George Overton (Co-Author): “Inside the METAL DETECTOR” became a collaborative project when both of us, Carl Moreland and myself George Overton discovered that the other was in the process of writing a book concerning metal detector technology. Although there are many books available on “how to use your metal detector”, and numerous others dedicated to particular types of finds (such as coins, buckles and buttons) there was a complete lack of any detailed information on the innards of the metal detector itself.”

Carl Moreland (Co-Author):”Right! Both of us had searched for such a book, without any success, and had independently decided to plug this gap in the metal detector literature. Surprisingly there was very little overlap between the information we had compiled separately up to that time. I was mainly focused on pulse induction (PI) design, while George had explored beat frequency oscillator (BFO), transmit-receive (TR), and very low frequency (VLF) designs.”

Leonardo: “Reading the book everybody noticed there’s an entire chapter on ‘dowsing’ and on Long Range Locators (LRL). I must admit I was somehow surprised to find even this issues in your book. Can you give your comments on that?”

George: “Ahahahaha… We were waiting for this question… Since we are both confirmed skeptics, where dowsing and long range locators (LRLs) are concerned, this collaboration was a perfect fit.

Leonardo: “George, you live in United Kingdom while Carl lives in the States. I know that you both are co-admins of Geotech forum, a real reference point for people interested in the technical aspects of MDing. Remotely co-administrate an Internet forum could be hard but not impossibile, but what about writing a book together? Do geographical distance posed an obstacle in the process?

George: “Although we have met face-to-face on a couple of occassions for a few days, the book was compiled, edited, rewritten (Carl: “We did it several times!”) and eventually published, via the wonders of the internet, email and FTP (Note: a computer technology used to remotely transfer texts, files, images etc thru the net). Which was very useful, considering we are separated by 8 time zones.”

Leonardo: “The book covers a lot of issues and the wealth of information is amazing! I’m sure it have taken a lot of time and resources!”

Carl: “Actually at first we expected the finished book would contain approximately 200 pages, but in the end wedecided to increase the size to just under 300. Otherwise we would still be writing now, and the book would have grown to an enormous size with a price tag to match.

Leonardo: “One of the things I’ve really appreciated the most, as I’m an ‘always beginner’ as a student of detecting electronics and also not being an English mothertongue (I’m Italian and I live in Italy), is the relatively ‘easy’ conversational writing style you’ve used while keeping an always rigorous technical dissertation. How did you come to this?”

George: “One of the crucial decisions we made at the very start, was to avoid a dry academic text full of equations, and to aim the content at the general Geotech readership. Consequently the book was written in a ‘relaxed’ conversational style, bearing in mind that many of the potential readers may not have English as their first language.”

Carl: “Yes! I can add this to George’s words. Of course, restricting the size of the book meant that a lot of information never got discussed, and other topics only received elementary coverage. But, in the end, I think we provided a good foundation in the basic elements of metal detector design, which was our initial intention.

Leonardo: “The inevitable last question is: ‘Will there be a second book?’

George: “It might take some time (Carl: “We’re still recovering from the first one!”) but we certainly have enough information to write a second volume. So watch this space!

——(END)——-

I personally want to thank again George and Carl for the gracious kindness in giving us this exclusive interview that, I’m sure, will be really appreciated by our readers.

Feel free to send me an email for further informations.

Leonardo/”Bodhi3″
Director AMDTT

PS: I beg pardon to all English speaking readers for my tremendous mistakes. Please send me comments and corrections. I’ll be happy to fix the text.