Tag Archives militaria


GARRETT ACE 400i: GUIDA COMPLETA


Benvenuti alla Guida Completa del GARRETT ACE 400i!
 
Un metal detector entry level che offre prestazioni davvero interessanti uniti ad una grande facilità di utilizzo.
E’ il detector ideale per i principianti e per tutti coloro che vogliono affiancare alla propria macchina di fascia alta un “muletto” affidabile, performante e sempre pronto alla ricerca.
 
Le dotazioni comprendono anche un comodo copripiastra, una cover per proteggere il box dalla pioggia e dal fango e delle utili cuffie con filo dotate di controllo di volume…

Continue Reading


QUEST Q20: la rivoluzione degli entry-level è iniziata?


In questi ultimi mesi sono stati lanciati (o almeno annunciati) sul mercato un bel numero di metal detector, per la gioia di noi hobbisti e soprattutto per tutti coloro che sono sempre alla ricerca della novità.

La QUEST, conosciuta fino a pochi mesi fa col marchio DETEKNIX (di cui abbiamo testato tempo fa il modello PRO), ha iniziato la distribuzione internazionale di due macchine, il Q20 e il Q40.
Design “Made in USA” e produzione cinese per questa azienda che, anche grazie ad un eccellente lavoro di marketing, attenzione ai feedback dei clienti ma soprattutto all’innovazione tecnologica, si vuol porre come nuovo riferimento di categoria.

Quando Giorgio Gentileschi, della Geotek Center (distributrice nazionale QUEST), mi ha invitato nel suo negozio di Terni per chiedermi se fossi interessato a testare e recensire uno dei nuovi modelli, ne sono stato entusiasta. Ho volutamente chiesto a Giorgio di poter provare prima il Q20, l’entry-level, perché ho sempre trovato molto stimolante mettere alla prova le macchine base, soprattutto per poter mettere a disposizione la mia modesta esperienza del settore per i neofiti che, più di tutti, sono spesso confusi quando decidono di intraprendere questo hobby e non sanno cosa acquistare…

Continue Reading


Primo Test del Prototipo di White’s MX Sport


di Leonardo Ciocca – © 2016 AMD Tech Team

Alcune settimane fa abbiamo avuto l’enorme piacere ed onore di ricevere in anteprima assoluta ed esclusiva il primo prototipo del nuovo White’s MX Sport, che sarà messo in commercio nei prossimi giorni in versione definitiva.

L’unità che abbiamo testato, che ribadiamo essere un prototipo, ci è stata spedita dalla Securitaly, azienda distributrice ufficiale della White’s nel nostro Paese. Va da se, per onestà intellettuale e per correttezza nei confronti di voi lettori, del distributore e del costruttore, che le impressioni qui riportate potrebbero anche in futuro essere riviste in caso di modifiche al modello definitivo.

Dopo le dovute premesse, con grande curiosità abbiamo subito iniziato le prove di questo nuovo metal detector anche se le pessime condizioni meteo hanno rallentato notevolmente il lavoro.

Nonostante tutto, quando le giornate sono migliorate un po’, ci siamo concentrati a fondo per analizzare e mettere alla prova questo cercametalli. Ecco quindi le nostre prime impressioni…

Continue Reading


La Grande Guerra di Latta (Volumi 1 e 2)


AiQGbnhmDoTlMVDXYUamTa6zKLddgybDVYKnqc_n8llISono lieto di annunciare che, con questo primo articolo, diamo il via ad una nuova rubrica che, lo speriamo, sarà d’interesse per moltissimi appassionati cercatori di Militaria. Il nostro esperto in materia Matteo/”Matteofra”, ci introdurrà a questa ricca e affascinante branca della ricerca con il metal detecting. Non solo fregi, reliquie, armi e munizionamenti (che ovviamente vanno denunciati alle competenti autorità come previsto dalla legge), oggettistica militare ma anche recensione di libri, cenni di architettura militare, grandi battaglie del passato e tanti altri argomenti correlati al mondo militare.

Oggi Matteo ci parlerà di due splendidi volumi dedicati a… le Scatolette di Latta che contenevano vari generi alimentari e di conforto per il soldato al fronte. Quanta storia si può trovare in questi semplici oggetti…

Buona lettura!

Leonardo/”Bodhi3″
AMD Tech Team

Continue Reading

STORIES: Ritrovamento e riconsegna di un Dog Tag americano


Oggi ho il piacere di pubblicare una bella storia di detecting, inviatami dall’amico Cristian, nella quale racconta la sua avventura nel ritrovamento di una piastrina di riconoscimento (in gergo “Dog tag“) di un soldato statunitense che ha combattuto in Italia durante la Seconda Guerra Mondiale, e nella successiva riconsegna ad un parente del soldato, ahimè deceduto qualche anno fa. Un grazie a Cristian per l’articolo e un sentito “Bravo!” per il nobile gesto.

Leonardo/”Bodhi3″
Director AMD Tech Team

——————————-

Ritrovamento e riconsegna Dog tag Americano E.A. Pelletier

Sono Cristian De Carolis, un ragazzo di 26 anni che ormai da 6 anni si è avvicinato alla ricerca con il metal detector. Era l’Aprile del 2009 quando, in una delle mie tante uscite, stavo cercando con il metal sulle sponde di Canale Mussolini, un corso d’acqua su cui c’era il fronte di Anzio tra Americani e Tedeschi. Non trovai niente per tutta la mattina, solo tappi di bottiglie di birra gettati da pastori che in quel tratto di canale portavano le pecore a pascolare. Ad un certo punto trovai un buon segnale proprio 331985_2352944630618_1341412852_osul bordo dell’argine; incuriosito andai a scavare e, con mia grande sorpresa, trovai una dog tag (N.d.R. Piastrina di riconoscimento militare sul quale sono punzonate le generalità, la matricola e altri dati identificativi. Normalmente sono due, identiche, e si tengono al collo con una collanina. In caso, ahimè, di decesso, una viene rispedita alla famiglia del militare) americana ben conservata. L’emozione fu enorme, sia per la natura del ritrovamento sia perchè avevo gia letto di persone che trovando piastrini americani erano riusciti a riconsegnarli ai veterani ancora in vita. La piastrina portava inciso il nome di E.A.PELLETIER proveniente da Helena (Stato del Montana), USA. Appena tornato a casa cominciai a cercare sui vari forum di metaldetector se ci  fosse un modo per identificare una dogtag e ritrovarne il proprietario, ma nessuno degli utenti riuscì ad aiutarmi.

Demoralizzato, misi la dogtag tra gli altri oggetti della mia collezione e li rimase per ben 2 anni.  Un giorno, volendo condividere la mia collezione con gli utenti di una pagina facebook, misi una foto anche della mia piastrina americana. Poco dopo ricevetti un messaggio da Roberto Molle, un esperto di militaria WW2, sopratutto della zona di Cassino, che mi disse che probabilmente quella piastrina apparteneva ad un soldato della First Special Service Force, un’unità speciale dell’esercito americano addestrata alle missioni più pericolose che proprio a Canale Mussolini combattè coraggiosamente e con tale determinazione contro i tedeschi da essere soprannominata dagli stessi tedeschi i “Diavoli Neri”.

Immagine

Molto soddisfatto spensi il PC e andai a lavoro ma, mentre ero in macchina, mi arrivò un messaggio dal  mio amico Stefano Solferini, con il quale ho fondato un’associazione culturale con lo scopo di studiare la storia della mia città durante la seconda guerra mondiale: “Il Fronte a Cisterna”, in cui mi diceva che avevano trovato il proprietario della mia dogtag e inoltre avevanomesso anche la foto. Appena sceso dalla macchina controllai il post e con mia grande sorpresa c’era una foto d’epoca che ritraeva Pelletier con un altro soldato. La foto apparteneva a Luciano Bucci presidente di un’associazione di Venafro, la Winterline Venafro, e sotto la foto mi spiegava come il soldato a sinistra fosse proprio  Eugene Pelletier, purtroppo morto qualche anno fà, mentre quello a destra fosse Henry Planger, un veterano ancora in vita che lui aveva avuto il piacere di conoscere e che tante volte gli aveva raccontato delle avventure che durante 554167_10200240373325840_1938693760_nla seconda guerra mondiale avevano vissuto lui e il suo caro amico Pelletier. Luciano mi mandò un messaggio privato in cui mi chiedeva se volessi scambiare la dogtag; mi spiegò come la sua associazione fosse la referente italiana della FSSF in contatto con l’associazione di veterani con sede in Canada. Sebbene mi dispiacesse molto separarmi dalla mia prima dogtag, pensai fosse giusto riconsegnarla ai parenti del soldato, purtroppo morto qualche anno fà. Risposi che non mi importava di riceve qualcosa in cambio l’importante era che il piastrino venisse riconsegnato ai parenti del soldato.

1378981_10201567128973899_500654095_nQualche giorno dopo il vicepresidente dell’associazione Winterline Renato Dolcigno mi contattò e con mia grande gioia gli consegnai la dogtag. Portata al museo di Winterline Venafro restò per alcuni mesi in mostra fino a quando nell’ agosto del 2013, assieme al presidente Bucci, volò verso il Canada dove si teneva l’incontro annuale dei veterani della FSSF e fu consegnata alla First Special Service Force Association. In una cerimonia solenne venne finalmente restituita la dogtag alla figlia di Eugene, Carolyn Pelletier.

Cristian, autore dell'articolo e del ritrovamento del dog tag

Cristian, autore dell’articolo e del ritrovamento del dog tag

Tornato in Italia, Luciano aspetta che lo vada a trovare in modo da potermi raccontare tutte quelle storie ed avventure vissute dai due amici Pelletier e Planger. Come succede spesso nella vita le buone azioni, in un modo o nell’altro, vengono ripagate e, non ci crederete, ma solo 3 settimane dopo aver riconsegnato la dogtag ne trovai un altra in un posto molto battuto, ma di questa semmai vi racconterò la prossima volta.

Per altre informazioni:    Www.Cisternawar.altervista.com  Sito de “Il fronte a Cisterna

TEAM: Benvenuto Matteo/”Matteofra”, nuovo Official Member di AMDTT!


matteo (1)

Matteo/”Matteofra” – AMDTT Military Expert

In questi giorni, così come annunciato nel mio precedente post, Mirco/”Piadakid” ha lasciato il gruppo AMDTT. Ma per un membro che va…ora ce ne uno che viene!

C’è infatti una new entry, Matteo/”Matteofra” che dopo essere stato Affiliate Member grazie alla pubblicazione del suo interessante test del Teknetics Omega 8000, è diventato Official Member dopo la rituale votazione avvenuta diversi giorni fa, ben prima dell’uscita dell’amico Mirco che salutiamo ancora.

Do quindi il benvenuto al nostro nuovo membro augurandogli grandi soddisfazioni di ricerca e divulgazione, almeno fino a quando non gli avremo trovato il soprannome che merita! 😀

Voglio ora tracciare un suo breve profilo che sarà utile a conoscerlo meglio:

“Matteo, ultimo “acquisto” di AMDTT, è sempre stato affascinato dalla ricerca e grazie a qualche amico ha conosciuto il metal detector alla fine degli anni ’90; ma la sua vera avventura di metal detecting inizia nel 2009 acquistando un Garrett ACE 250 usato, in uno dei tanti forum in cui si era iscritto. Assolutamente autodidatta ha cercato di barcamenarsi tra falsi segnali e tappi di bottiglie fino a comprare, circa un anno dopo, un Garrett AT PRO che oggi usa affiancato ad un Teknetics Omega 8000. Il suo primo amore è stata la ricerca militaria; Matteo è sempre stato un grande amante della storia bellica, soprattutto quella dei luoghi in cui ha vissuto (Umbria) e questo della ricerca di reperti ne era il degno coronamento. Oggi, con un po’ più di maturità, sta iniziando a esplorare altri campi di ricerca che non mancano di affascinarlo e soprattutto dargli delle belle soddisfazioni.”

Leonardo/”Bodhi3″

Director AMDTT