White’s scommette sulla tecnologia ibrida VLF/Pulse Induction

L’AMD Tech Team ha sempre dedicato molto spazio alle innovazioni tecnologiche legate al metal detecting. Abbiamo anche creato una pagina apposita dove, con una certa regolarità, aggiungiamo documenti tecnici, brevetti e altre informazioni relative ai progressi che vengono fatti in questo campo.

Oggi vogliamo accendere i riflettori su un, relativamente, nuovo (Marzo 2016) brevetto registrato dalla White’s Electronics che promette davvero molto bene: “TRUNCATED HALF-SINE METHODS FOR METAL DETECTING” (US Patent N. 9,285,496 B1), che tradotto sta per “METODI PER METAL DETECTING (BASATI) SU MEZZE SINUSOIDI TRONCATE“, registrato il 15 marzo 2016 e depositato addirittura nell’ottobre 2013!

CatturaL’autore del brevetto è niente-popò-di-meno-che Carl Moreland, ex capo progettista della White’s (ora in Fisher/Teknetics), uno dei padri dello Spectra V3, e molto conosciuto nell’ambiente MD internazionale come fondatore e co-amministratore del forum GEOTECH.COM e come co-autore, insieme all’inglese George Overton, del libro “INSIDE THE METAL DETECTOR“, vera bibbia per chi si interessa agli aspetti più tecnici degli strumenti.

Il brevetto in questione eredita alcune parti di quello di John Earle, ingegnere senior della White’s, ma porta numerevoli innovazioni e miglioramenti.

Basta… vi ho già tenuto troppo sulle spine… Di cosa si tratta?

Si tratta di una metodologia assolutamente innovativa che unisce, in modo efficiente, le tecnologie VLF/IB e Pulse Induction!

Si! Avete capito bene! Pare abbiano trovato il modo di correlare le due tipologie più famose di metal detecting per avere i vantaggi di entrambe eliminando gli svantaggi.

Chi conosce un po’ di tecnologie del detecting sa che i VLF/IB si basano su onde continue mentre i Pulse Induction su, impulsi ad alta intensità. I primi permettono una migliore discriminazione mentre i secondi possono raggiungere profondità maggiori, risentono molto meno della mineralizzazione del terreno, ma discriminano poco o male.

Bhè, la White’s, già pioniera appunto con Earle di questa nuova tecnologia ibrida, ha depositato il suo secondo brevetto sull’argomento. Pare quindi evidente che puntino molto su questa innovazione che, se manterrà le promesse, potrebbe realmente rivoluzionare il nostro hobby.

Lascio ovviamente ai più volenterosi, pazienti e preparati la lettura del testo integrale, in PDF, del brevetto che vi linko QUI.

Are you ready for the Next Generation of Metal Detecting?

Leonardo Ciocca
AMD Tech Team

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.