TEST: Detech SEF 15″x12″ su White’s M6

Il mio carissimo amico Massimo “Gladiatore”, ha appena acquistato una Detech SEF 15”x12”, come quella che uso sul DFX (ampiamente recensita a Pag. 148 e  ss. e a Pag 168 e ss. del mio libro), per il suo White’s M6. Appena arrivata a casa sua, ha subito voluto effettuare, in attesa di condizioni meteo più favorevoli, alcuni semplici ma rigorosi test in aria per confrontare la resa di questa piastra in confronto alle altre due in suo possesso: White’s Eclipse 950 (la 9.5” concentrica – in dotazione con l’M6) e la White’s Eclipse DD 6”x10”.

Le condizioni di test sono state le seguenti:

1)       Metal: White’s M6

2)       Sensitivity: 100 (su Max 110)

3)       Discriminazione: 1

4)       Sistema Audio: Monotono

5)       Bilanciamento: Automatico

6)       Luogo: Cucina

7)       Orario: 21.00

8)       Targets: 1 cent, 10 cents, 1 Euro, Fede Oro Giallo (6 g), Catenina con crocifisso in Oro (40g)

Ecco, riassunti in una tabella, i risultati dei test…

Il valore PERC. rappresenta la distanza massima del target dalla piastra dove questo viene ancora percepito dal MD (in questo caso si parla di percezione a livello VDI, non sonora)

Il secondo valore STAB. BAR. indica la distanza alla quale risulta ancora una lettura stabile del target per mezzo della bargraph, ossia con quest’ultima non variabile, con 3 tacche piene e identificazione certa.

Come si può notare, la SEF 15×12 fa segnare dei valori impressionanti! Le percentuali di incremento sono davvero notevoli sia in confronto alla 6×10 che alla 950. In termini di centimetri si va da un minimo di 2 ad un massimo di 12 cm di differenza!!! Per non parlare poi della qualità e della pulizia del segnale indicato per mezzo della Graphbar e anche dal comparto sonoro dell’M6.

Unico punto meno brillante? Secondo Massimo, durante i test in aria con l’M6, la SEF 15×12 si  è dimostrata un po’ più rumorosa rispetto alle concorrenti quando si “pompa troppo la Sensitivity“; ascoltando in cuffia, ci riferisce Gladiatore, si poteva udire un rumore tipo “ticchettio” come quando si imposta la Sensitivity al massimo (oltre il valore raccomandato dal costruttore), mentre per questi test è stata regolata a 100 (leggasi non al reale fondo scala!). Con la piastra Eclipse 950 da 9,5” (montata di serie sull’M6) ad esempio, con la Sensitivity a 100 la piastra è assolutamente silenziosa. E’ molto probabile che questo effetto collaterale della SEF sia imputabile alla sua maggiore sensibilità venendo quindi maggiormente influenzata (specie nei test in aria) da interferenze EMI e dalla sua decisa maggiore sensibilità agli oggetti metallici presenti nella zona. In effetti il test è stato effettuato entro le pareti domestiche in un orario per altro dove l’utilizzo di apparecchi elettrici è massimo (ore 21.00 – in Cucina).

Il nostro Amico-Tester Gladiatore ha concluso questa interessante prova iniziale (attendiamo ovviamente con ansia le prove su terra) con un commento: “Sento che con la SEF 15×12 scaverò parecchio…  Da questa prova è emersa la sua netta superiorità in termini di profondità e di stabilità nell’identificazione VDI.  Sono già molto soddisfatto per l’acquisto. Non vedo l’ora di andare sul campo a metterla alla prova!”

Grazie ancora Massimo!!! Aspettiamo i risultati delle prossime prove!

Happy SEForDie Hunting!

Bodhi3

Un pensiero su “TEST: Detech SEF 15″x12″ su White’s M6

  • 27 Novembre 2010 in 20:01
    Permalink

    salve a tutti, qualcuno ha fatto test al mare con M6 e sef?

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.