TEST: DeepTech Vista RG 750 (Prima Parte)

Come preannunciato sul forum MARCHE, dopo alcuni veloci test “in aria”, ho effettuato la prima uscita di ricerca con il DeepTech Vista RG 750. Prima di entrare nel dettaglio, penso si utile una breve presentazione di questo prodotto con una agile schedina tecnica:

Marca: DEEPTECH
Modello: Vista RG 750
Paese d’origine: Bulgaria
Tecnologia di Ricerca: VLF
Frequenza Operativa: 8,6 KHz
Piastra in Dotazione: 11” Doppia D Widescan
Metodo di rilevazione:  Motion Discrimination + Motion All-Metal (selezionabile con switch)
Metodo di segnalazione acustica: Mono-tono
Suono di Soglia: NO (Silent Search)
Metodo di segnalazione visiva: Nessuno
Sistema di Bilanciamento terreno: Manuale
Regolazione della Sensibilità: Manuale
Sistema di Discriminazione: Tradizionale Lineare
Metodo di Regolazione Discriminazione: Manuale
Pinpoint: NO
Profondimetro: NO
Connettore Cuffia: SI – Jack da 6.5mm
Altoparlante: SI
Batterie: 4xMinistilo 1.5V da inserire nel box sotto il gomito
Durata Batterie: 20-25 ore (dato fornito dal costruttore)
Segnalazione Batterie Esaurite: Led luminoso + Segnale Acustico
Materiale Control Box: Plastica
Materiale Battery Box: Plastica
Materiale Poggia Gomito: Plastica
Materiale Asta Finale: Fibra
Materiale Asta Mediana: Metallo (alluminio?)
Materiale Asta Control Box + Sotto Avambraccio: Metallo (alluminio?)
Sistema di bloccaggio Aste: Bottoni a molla + Ghiere di serraggio (in plastica)
Peso complessivo: Circa 1.4 Kg

Dopo questa carrellata di dati passiamo ad una descrizione qualitativa di questo strumento.

Quando la scatola mi è arrivata a casa, sollevandola ho avuto la sensazione che fosse quasi vuota tanto è leggero questo metal. Aprendola mi sono trovato di fronte a pochi pezzi e ad minuscolo manualino di istruzione (in inglese). Osservando attentamente la fattura ho avuto una sensazione di “artigianalità” del tutto. La resinatura della piastra è stata evidentemente effettuata a mano e la finitura dell’asta finale in fibra è tutt’altro che perfetta. Ma non mi sono lasciato ingannare da queste considerazioni iniziali ed ho proceduto rapidamente al montaggio del Metal che, anche senza ricorrere alle istruzioni, è piuttosto semplice. Unica nota stonata è legata al box batterie (situato sotto l’arm-rest) che richiede di svitare ben 4 viti per aprirlo ed accedere al vano. Mmm… Mi immagino durante una ricerca… con il metal che segnala le batterie esaurite… e l’eco delle mie parolacce per aver dimenticato il cacciavite a casa!!! Spero che in una prossima produzione venga adottato il sistema a incastro per semplificare la sostituzione delle pile.

Il metal si dimostra molto leggero e ben bilanciato. Le due ghiere di serraggio delle aste danno ulteriore solidità all’ancoraggio tramite bottone a molla. Tutto sommato la sensazione è di discreta robustezza. Ho notato la mancanza della striscia di tela pesante con velcro che blocca l’avambraccio all’arm-rest e che io trovo molto comoda e che permette di faticare meno durante le lunghe spazzolate. Peccato… un piccolo accorgimento che avrebbe fatto comodo.

La piastra da 11” (doppia D) è rotonda di tipo aperto (è possibile vedere il terreno sottostante), e piuttosto robusta. Dato che nella confezione non è presente un copri piastra, raccomando a tutti l’acquisto onde evitare graffi alla resinatura posta nella parte inferiore e che, al tatto, sembra abbastanza morbida. Per questi miei test mi sono arrangiato proteggendola con abbondante nastro adesivo che, come tutti sanno, non inficia le performance del metal.

I miei primi test “in aria” , già pubblicati nel forum,  mi fornivano indicazioni di potenza di rilevazione assolutamente interessanti e che, ovviamente, mi hanno spinto a cercare conferme sul terreno.

Il primo luogo di test “live” è stato un terreno composto da terriccio e sabbia, a bassa mineralizzazione, sulle rive di un fiume. Il Metal si accende ruotando il pomello della Sensitivity che va ruotato poi fino a raggiungere il massimo possibile senza che ci sia produzione di falsi segnali. Il bilanciamento manuale è avvenuto in pochi secondi “pompando” la piastra in su e in giù mentre si agisce sull’apposito pomello. Devo dire che, specie le prime volte, è necessario fare alcune prove per trovare la giusta “gradualità” nel ruotare il pomellino e individuare la corretta posizione. Non bisogna dimenticare che questo metal è di tipo “SILENT SEARCH” (senza suono di soglia) e quindi risultà un po’ più difficile calibrarlo correttamente.  Il rischio maggiore è quello di sovra-bilanciarlo un pochino perdendo un po’ di sensibilità. La mia raccomandazione è quella di, dopo aver effettuato il bilanciamento, poggiare una moneta in terra e verificare la distanza di rilevazione una prima volta. Ora diminuite un pochino il bilanciamento e verificate se la distanza è ancora la stessa o se è aumentata o diminuita.

Dato che la discriminazione è legata alla posizione di un terzo pomello, sarà necessario, per ottenere i migliori risultati, fare qualche prova con target-campione per individuare le corrette posizioni del potenziometro. Personalmente, essendo abituato a metal detector con display, all’inizio mi sono sentito un po’ spaesato ed ho avuto costantemente il timore di aver settato il MD in maniera troppo rigida in termini di discriminazione. Ciò, inevitabilmente, mi ha portato ad abbassare un pochino la soglia, aumentando si la profondità generale, ma anche perdendo in qualità di discriminazione. La potenza pura di questo metal è ovviamente il suo punto di forza: il primo target non ferroso rilevato (una pezzo di carta stagnola appallottolata) è stato estratto a ben 45 cm di profondità! Nel corso delle prove ho estratto altri target validi delle dimensioni di una comune moneta a profondità che andavano dai 15 ai 30 cm. La mancanza di un pin-point ahimè si fa sentire, specie ad uno come me abituato a quello chirurgico del DFX.

L’RG 750 si è dimostrato parecchio sensibile anche agli anelli degli strappi di lattina. Se non settate opportunamente la discriminazione, potrete rilevarli a profondità davvero notevoli.

Dopo questo primo test “fluviale” mi sono spostato nel locale parco pubblico dove, di solito, metto alla prova le macchine in condizioni di elevato inquinamento metallico, target sostanzialmente superficiali e spazzolata ampia grazie all’erbetta rasata.

Rieffettuo il bilanciamento del terreno (va detto che la macchina, dopo che si effettua il primo bilanciamento, tende a rimanere abbastanza stabile per un bel po’ di tempo) e inizio a spazzolare.

Le condizioni del terreno sono cambiate radicalmente. La terra è molto più mineralizzata (4.0 su 13.5 della scala di Jeff Foster con 0 Massima Mineralizzazione e 13.5 Minima Mineralizzazione) e ci sono tantissimi frammenti di metallo (ferrosi e non ferrosi) che inquinano la ricerca.

Dopo aver ricordato che questo metal è un motion-monotono, va detto che i target “buoni” vengono segnalati con un suono più pieno e rotondo, mentre quelli vicini al punto di discriminazione sono leggermente più sincopati, crepitanti o con un piccolo “schiocco” all’inizio dell’emissione sonora. Ahimè durante queste prove ho avuto la conferma di un fastidioso effetto che si era già manifestato durante i pre-test in casa e nel mio giardino.

Con sistematicità evidente, i target superficiali (diciamo entro i primi 5-7 cm) vengono segnalati con un doppio beep. Il primo viene emesso sostanzialmente in corrispondenza del target, il secondo, di pari intensità, è come se fosse una eco del primo. La spiegazione tecnica di questa doppia segnalazione è legata al fatto che la finestra di campionamento del segnale, messa in correlazione con la velocità di spazzolata, fa si che la piastra non abbia il tempo di superare completamente il target dando luogo ad una nuova segnalazione dato che il medesimo oggetto si trova ancora sotto la piastra. Ho provato ad accelerare considerevolmente la spazzolata ma, ahimè, la macchina si è dimostrata sempre troppo reattiva.

Potete immaginare che, in condizioni di relativa elevata densità di target, tutto ciò complichi tantissimo il lavoro dell’operatore che dovrà perdere un sacco di tempo nell’individuazione del punto giusto dove scavare. Tra beep-buoni, beep-eco, suoni a “schiocco” e crepitanti, diventa veramente complicato farsi un’idea precisa della situazione. Va detto però che, per l’utilizzo che io vedo naturale dell’RG 750, ovvero la ricerca militaria o relic in ambienti relativamente poco “trafficati”, questo doppio-beep potrebbe essere addirittura comodo per capire se il target è più o meno in profondità. A mio modesto parere, un minimo di multi-tono (3 toni) avrebbe garantito un punteggio più alto al RG 750 sotto questo aspetto.

La centratura del target, tenendo conto che la piastra è una Doppia D, è piuttosto buona.

La tecnica più utile per individuare il punto X è quella tipica per questa tipologia di piastre: Il sistema a “T”. Bisogna spazzolare mentre si muove la bobina verso di noi. Quando il segnale decade rapidamente, con ottime probabilità il target si trova sotto il bordo superiore della piastra. Con un po’ di pratica questa tecnica si padroneggia senza problemi.

Le prove al parco hanno messo in luce, anche se col problema del doppio beep, delle buone qualità del Vista come cerca-monete (coin-shooting) grazie al suono rotondo e pieno che di solito si può sentire quando si rileva tale tipologia di target. Va di nuovo sottolineato come le performance in termini di profondità siano da primo della classe.

Con una macchina così mi sembra, come accennavo prima, che la sua naturale inclinazione sia la ricerca di relic e militaria, in contesti dove la leggerezza, la potenza pura e una discriminazione efficace anche se un po’ “grezza” siano fattori determinanti. Il fattore robustezza operativa mi riservo di analizzarlo con più calma, per fornire un giudizio più consistente e veritiero.

Nella seconda parte dei miei test, andrò ad analizzare più nel dettaglio le capacità di separazione dei target, la recovery speed, l’Iron Masking e la capacità di gestire condizioni estreme di mineralizzazione.

Tipologia Naturale di Ricerca: Militaria / Relic

Voto sull’estetica: 4/10

Voto sulla profondità: 8.5/10

Voto sulla discriminazione: 6.5/10

Voto sulla reattività: 7/10*  (* con riserva per colpa del “doppio beep”)

Voto sulla precisione localizzazione target: 7.5/10

Voto sulla separazione dei target: 6/10* (*Mi riservo di riverificare per colpa del “doppio beep”)

Voto sulla quantità di informazione fornita all’operatore: 5/10

Voto sulla qualità dell’informazione fornita all’operatore: 6/10

Voto complessivo dopo il primo test: 7 / 10

Happy Bulgarian Hunting!

Bodhi3

6 pensieri riguardo “TEST: DeepTech Vista RG 750 (Prima Parte)

  • 19 Febbraio 2010 in 13:40
    Permalink

    Caro Leo, anche se non credo di acquistarlo, ho letto con con grande attenzione e piacere la tua recensione. Se continui di questo passo credo che quanto prima verrai assunto da qualche produttore di MD. Ti auguro un ottimo fine settimana. Alfredo

    Rispondi
    • 19 Febbraio 2010 in 13:47
      Permalink

      Grazie Alfredo!
      Sei sempre gentilissimo!

      Buon weekend anche a te!
      Leonardo

      Rispondi
  • 8 Marzo 2010 in 21:53
    Permalink

    dopo avere letto la tua recensione
    io il metal su citato l’ho ordinato mi arriverà frà una settimana dove vado io ci sono aramai pochi targhet ma molto profondi 20 30 cm come minimo spero di tirare fuori qualcosa si più con questo md

    Rispondi
  • 22 Aprile 2014 in 0:06
    Permalink

    ciao leo!! perche non fai una recensione del Vista Gold se ti e possibile alcuni ne parlano bene , ciao

    Rispondi
  • 8 Marzo 2020 in 12:17
    Permalink

    L ho avquistato anni fa e utizzato poco. Con mia sorpresa rimettendolo in uso dopo qualche uscita l md ha cominciato a dare falsi segnali ( forti crepitii e fischi vari) credo sia la piastra .. Volendo cambiarla non ne ho trovate da acquistare da nessuna parte e neanche uno schema elettrico. Qualcuno può aiutarmi?

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.