BLOG

Aggiornamenti attività ECMD


Negli ultimi mesi, il Consiglio Europeo per il Metal Detecting (ECMD) ha lavorato energicamente per promuovere la pratica del Metal Detecting Responsabile. Questo articolo riassume le recenti attività dei membri e mette in evidenza alcuni dei principali problemi nazionali e degli sviluppi, nonché delinea i nostri piani per il prossimo futuro. Nella seconda parte di quest’anno, l’ECMD terrà la sua Conferenza Generale a Norfolk in Inghilterra, dove verranno eletti i nuovi membri del consiglio e verranno prese decisioni importanti circa le nostre politiche. Vi aggiorneremo a breve su questo. A questo evento parteciperanno due membri del Team Italiano, Francesco Manzella ed Edoardo Meacci.

Belgio

Come vi avevamo già anticipato in un articolo precedente, la piattaforma MEDEA per la registrazione di piccoli reperti è ora pienamente operativa. Al momento della scrittura di questo articolo troviamo 171 reperti registrati dai detectoristi delle Fiandre. L’NVD-ANP che rappresenta il Belgio all’interno dell’ECMD sta attualmente lavorando su un Codice di Comportamento per i detectoristi e sta avviando una più stretta collaborazione con gli archeologi. La loro preoccupazione principale in questo momento è l’aumento del numero di reperti registrati nella piattaforma MEDEA.

Bulgaria

La “Bulgarian National Metal Detecting Federation” (Federazione Nazionale Metal Detecting) -BNMDF- ha inviato newsletter a tutte le direzioni regionali del Ministero dell’Interno in Bulgaria e a tutti i dipartimenti di polizia locali, presentando i documenti stessi del BNMDF: un esempio della tessera per il 2016; l’ordine del tribunale per la registrazione della Federazione; le sentenze della Corte di Cassazione che stabiliscono che il metal detector è uno strumento per praticare un hobby. La BNMDF sta inviando un chiaro messaggio sul fatto che non hanno nulla a che fare con i cosiddetti “illegal treasure hunting”, -i nostri “tombaroli”-. Tutti i membri della Federazione hanno familiarità con le leggi della Repubblica di Bulgaria e sanno che devono informare il museo più vicino entro 7 giorni dal ritrovamento di oggetti di valore culturale. Al momento v’è una mancanza di volontà politica in Bulgaria per introdurre soluzioni ragionevoli al conflitto con gli archeologi, ma la Federazione si augura che la situazione cambierà nel 2017.

Danimarca

Durante un recente incontro, i membri dell’organizzazione per i detectoristi per la Danimarca in  seno al consiglio la Harja hanno analizzato vari metodi per la ricerca mediante vecchie mappe così da rintracciare insediamenti più antichi. Molti gruppi in seno ad Harja si sono organizzati per studiare aspetti specifici, comprese mappature Archeologiche, ricerche marine, ricerca di strade Vichinghe, ecc… Uno dei nuovi sviluppi è “Idea Bank”, dove i membri possono suggerisce nuove idee per letture, viaggi e progetti di ricerca. L’11 marzo Harja ha tenuto un incontro dell’Assemblea Generale in cui i membri hanno avuto la possibilità di votare per il nuovo presidente (Eigil Nikolajsen eletto Presidente con Glenn Abramsson vice-presidente e John Kristensen nuovo membro del consiglio) e altri membri del consiglio. Il 18 marzo, il gruppo Tellus avrà anche un incontro simile.

Francia

FNUDEM, i rappresentanti dell’ECMD in Francia, hanno contribuito ad una serie di eventi negli ultimi mesi. Il principale è stato il “2nd Metal Detecting Meeting”, dove l’ECMD è stata rappresentata in due conferenze diverse.
I nostri membri francesi hanno anche organizzato due incontri con il Ministero della Cultura, destinati ad incoraggiare la cooperazione tra lo Stato e i detectoristi responsabili.
Inoltre, FNUDEM ha lanciato una grande campagna volta a promuovere il metal detecting responsabile in Francia. Ciò è stato fatto su internet attraverso diversi mezzi di comunicazione come i social media, così come attraverso la rivista “Detection Passion”.
FNUDEM organizzerà la sua Assemblea generale annuale a metà marzo al fine di stabilire il programma e le linee guida per il 2017.

Irlanda

Liam Nolan, vice-presidente del Consiglio Europeo per il Metal Detecting e rappresentante dell’organizzazione irlandese, è stato molto attivo dall’inizio del 2016. È stato coinvolto in un dibattito sulla ‘Archaeology2025’, una strategia di 10 anni istituita dalla Royal Irish Academy per definire come l’archeologia potrebbe operare in futuro. Egli è stato accolto molto bene da tutti coloro che hanno partecipato alla discussione. Entro la fine della giornata è diventato chiaro che c’era un urgente bisogno di avere una conferenza per capire come il Metal Detecting Responsabile può integrare le pratiche archeologiche consolidate.
L’Irlanda sta lavorando per permettere che i reperti storici ritrovati possano essere registrati e diventare parte della propria storia, per permettere agli archeologi regionali di collegarsi con l’Irish Metal Detecting Society IMDS  così da condividere la conoscenza dei luoghi e dei ritrovamenti. Il 2017 vedrà la prossima fase di “lobbying” dei politici da parte di tutti coloro che in Irlanda si occupano di recuperare il passato prima che questo svanisca. I detectoristi irlandesi vogliono un accordo equo e sono disposti a lavorare affinchè questo sia raggiunto.

Italia

Metal Detector Club Italia, membro ufficiale del Consiglio e rappresentante per l’Italia, sta lavorando molto per diffondere la cultura del “Metal Detecting Responsabile”. Hanno concentrato i loro sforzi su un piano di formazione e sul pubblicare una serie di articoli sul loro sito web attraverso i quali diffondono consigli e istruzioni sulla pratica del metal detecting responsabile. Hanno inoltre scritto un manuale, il Vademecum Per l’Impiego del Metal Detector, che è liberamente offerto a coloro che entrano nel club come membri tesserati. Hanno inoltre impegnato in un dialogo con alcuni enti istituzionali e stanno preparando uno studio interno su un potenziale nuovo regolamento nazionale. MD Club Italia è estremamente attiva in termini di promozione dell’ECMD e inseriscono il nostro logo in tutti i loro prodotti.
Di recente hanno anche iniziato un progetto di cooperazione con i concessionari nazionali per la vendita di metal detector al fine di incoraggiare la diffusione della cultura del metal detecting responsabile ed educare il maggior numero di persone possibili circa l’importanza di questo hobby.

Isola di Jersey

La collaborazione e la fiducia ottenuta grazie al lavoro con gli archeologi ha aperto molte porte per i nostri membri di Jersey, compresi nuovi siti per la ricerca.

I rappresentanti in seno all’ECMD del Jersey sono stati coinvolti in diversi grandi eventi e scoperte. Un deposito celtico trovato nel 2012 è stato finalmente catalogato ed i nostri membri hanno avuto la possibilità di lavorare con uno dei musei che ha accolto i reperti. Gli oggetti d’oro e altri oggetti del deposito hanno deliziato il pubblico venuto a visitare il museo, e l’intero processo di conservazione è stato mostrato al pubblico per molti giorni, attirando migliaia di visitatori e promuovendo l’hobby del metal detecting.

Polonia

La discussione circa la possibilità per i detectoristi in Polonia di unire le forze e formare un’unica federazione è ancora in corso. Diversi incontri si sono tenuti verso la fine di marzo, dove i membri di varie organizzazioni di si sono incontrate a Varsavia per discutere l’idea della federazione. Vi terremo aggiornati.

Vari progetti che coinvolgono i detectoristi nel lavorare fianco a fianco con gli archeologi sono in programma quest’anno, tra cui il progetto Grunwald 1410 battlefield, in cui una squadra speciale di membri ECMD parteciperà alle ricerche. Aggiornamenti regolari vengono riportati sulla rivista “Odkrywca” e sul portale http://www.poszukiwacze.org

Spagna

I nostri membri spagnoli sono stati molto attivi di recente e lo saranno ancora di più nei prossimi mesi. Aggiornamenti regolari sulle attività della “Federacion Espanola Deteccion Deportiva” FEDD sono pubblicati sul magazine D&M (http://www.revista-dm.com) inoltre una serie di eventi e manifestazioni presto si terranno in tutto il paese.

Svezia

Nonostante la crescente preoccupazione per la normativa che sarà presto implementata, che introdurrà un nuovo sistema di tasse per i detectoristi che vogliono praticare l’hobby in Svezia, i membri dello Sveriges Metallsökarförening SMF hanno lavorato duramente per promuovere il metal detecting responsabile e ridurre al minimo eventuali effetti negativi che questa nuova legge avrà sui detectoristi svedesi.

Lo SMF celebrerà il loro 5 ° anniversario questa estate. Ciò avverrà in concomitanza con la riunione annuale dell’associazione ad Ädelfors, dove l’associazione iniziò originariamente con solo 7 persone. Lo scorso anno, a questo incontro hanno partecipato oltre 200 membri. Tra il 28 e 29 luglio, lo SMF parteciperà anche ad un grande evento, il Gold Panning Championships.

I membri dell’associazione parteciperanno anche vari e interessanti progetti archeologici. Uno di essi si terrà in un sito a nord della Polonia, dove detectoristi provenienti da Svezia, Danimarca, Norvegia, Regno Unito e Polonia cercheranno con la piena collaborazione e la supervisione di un archeologo. L’altro progetto è previsto per il mese di aprile, quando i partecipanti avranno la possibilità di esplorare antichi cimiteri. Inoltre, lo SMF indagherà su un antico  castello Vendel che si trova a Upplands Väsby, fuori Stoccolma.

Regno Unito

La NCMD continua a monitorare la situazione nel Regno Unito, così come organizzare e partecipare a conferenze per quanto riguarda il Metal Detecting. Un esempio è la 2016 PAS conference, dove Roy Stephenson dal Museo di Londra comparerà Detectoristi ed Archeologi e come entrambi i gruppi sono fortemente coinvolti nello studio della storia umana e nella ricerca dei manufatti. Il Dott. Michael Lewis, il capo del PAS e il dottor Pieterjan Deckersdalla Free University of Brussels, hanno parlato anche del recente sviluppo in merito alla legittimazione della pratica del metal detecting in Danimarca, nelle Fiandre e nei Paesi Bassi.

Come sempre vi terremo regolarmente aggiornati sugli eventi e sulle novità del Consiglio Europeo per il Metal Detecting del quale AMD Tech Team è parte del Team Italiano in seno al consiglio. Comprendere come le altre nazioni considerano il Metal Detecting è importante per capire come muoverci anche nella nostra nazione italiana.

Francesco Manzella
Co-Fondatore e Presidente MD Club Italia
Membro della rappresentanza italiana in ECMD
e: francesco@mdclubitalia.it
w: www.mdclubitalia.it


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *