Pala da mare Mark MKW SAND MAX

Di pale forate (o, come si dice in gergo, “sessole”) se ne possono trovare di diversi tipi: in plastica, alluminio, acciaio zincato, acciaio inox; la differenza sta nella qualità costruttiva e la praticità d’uso. La pala Mark MKW SAND MAX è “LA” qualità in se stessa: un pezzo unico per come è costruita, praticamente eterna, ho provato a pensare con cosa e come è stata costruita, materiale acciaio inox AISI 316 tagliato e forato a laser, assemblata con saldatura TIG da un saldatore professionista, decappata e micro sabbiata a vetro e il manico ha una manopola in gomma antiscivolo di qualità. Di sicuro questo oggetto non è un prodotto di serie.

20151018_102713Le dimensioni del modello sotto test sono quelle dichiarate dal volantino della Securdet (azienda che ha progettato il design della pala e che ne cura la distribuzione commerciale), 240x85x160 millimetri, pochi grammi di differenza nel peso, 792 contro i 750 grammi dichiarati, la pala nasce per l’uso subacqueo o, perlomeno, questo è il modo ideale per usarla. Sott’acqua il peso si annulla e la funzionalità è al massimo livello; in immersione non ci sono problemi su nessun tipo di fondale sia sabbioso che ghiaioso e con poco sforzo si possono fare buche profonde.

Non solo sott’acqua la pala funziona bene, in battigia e sabbia asciutta la forma e il peso permettono di scavare facilmente , al primo colpo, buche di oltre venti centimetri. La SAND MAX non viene fermata neppure dalla ghiaia: i fori quadrati permettono un drenaggio migliore di quelli tondi, il materiale costruttivo permette di farli molto ravvicinati creando un retino molto valido e robusto. Nel progetto sono stati differenziati: nella metà anteriore hanno una larghezza di 10 mm mentre nell’altra metà, verso il manico, sono da 7 mm, questo per poter trattenere piccoli oggetti come orecchini. Ad essere sinceri avrei preferito l’omogeneità a 10 mm, il fondo nella zona del manico permette già di per se stessa l’arresto di oggetti di piccole dimensioni.

pala-sabbia-misureNei filmati delle prove fatte ho voluto evidenziare la penetrazione nella sabbia; in questo caso la sabbia era completamente bagnata anche in profondità. Si nota che la pala entra senza difficoltà per oltre metà della sua lunghezza, per andare oltre occorre spingere un po’ di più. In un altro filmato si vede come in poco tempo si riesce ad andare con pochi colpi oltre i trenta centimetri e questo nonostante si usi la mano sinistra mentre la destra è impegnata a sorreggere il metal; inoltre si può vedere come, nonostante la sabbia bagnata, lo svuotamento sia molto veloce.

Eccovi la Playlist dei miei videotest della pala SAND MAX… Sono 4 video e basta cliccare l’icona in alto a sinistra per visualizzare gli altri video.

Sergio/"Xergix"
Sergio/”Xergix”

Tirando le somme, questa pala non è solo bella e praticamente indistruttibile ma è un oggetto che vi accompagnerà sempre nelle vostre ricerche senza alcuna usura, pratica da utilizzare in qualsiasi condizione di spiaggia o fondale (con predilezione per la ricerca snorkeling) e, visto che ogni pala prodotta da Mark MKW è un pezzo unico, se pensate di acquistarla vi do un consiglio, fatevela personalizzare con il vostro nome come ha fatto il nostro Direttore 😉

20151013_215056

Sergio/”Xergix”
AMD Tech Team

Informazioni: SECURDET –  Web: http://www.metaldetectortrade.it/sand-max.html

Un pensiero su “Pala da mare Mark MKW SAND MAX

  • 21 Ottobre 2015 in 19:55
    Permalink

    Devo dissentire sull’utilità dei fori da 7 mm. che io gradisco ancor più piccoli…
    In ricerca vera, soprattutto DENTRO l’acqua, è noto che si vanno a scavare molti segnali che su sabbia asciutta lasciamo, pena dover tirare fuori kili e kili di immondizia, in special modo pezzetti di stagnola.
    Ordunque, i fori piccoli ci permettono di trattenere piccoli oggetti (che possono essere anche “mooolto interessanti”) che spesso cadono da fori più grandi (non capisco perchè gli americani continuino a fare pale con buchi, a mio modesto parere, ENORMI!)…
    Se poi la zona di ricerca è la “nostra abituale”, togliere qualche oggettino minuscolo in più ci aiuterà nelle prossime uscite ad evitare di dover nuovamente scavare lo stesso oggettino più e più volte!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.