CategoryNEWS

NEWS: Un nuovo Minelab nel 2014


SDCPreannunciato attraverso una newsletter mondiale, la Minelab toglierà il velo al suo nuovo modello il prossimo 9 dicembre.

Si tratterebbe, dalle foto trapelate, di una macchina collassabile in soli 16″ ovvero circa 40,5 cm (in modo diverso dal Garrett ATX però) dedicato prevalentemente alla ricerca dell’oro nativo? Pulse Induction? VLF? FBS? Il mistero è ancora da scoprire…

Per maggiori informazioni: www.minelab.com

Leonardo/”Bodhi3″
Director AMD Tech Team

NEWS: La Securitaly protegge i Marines USA


Securitaly Raggi XRiceviamo e pubblichiamo molto volentieri questa news inoltrataci dalla Securitaly, azienda distributrice di alcuni famosi marchi di metal detector e, appunto, dispositivi per la sicurezza.

L’azienda di Villalta, vicino a Cesenatico, parteciperà alla sicurezza dei Marines USA, in questi giorni in banchina nel porto di Napoli con la portaerei USS Nimitz, noleggiando all’USMC due dispositivi ai Raggi X.

Dall’articolo, pubblicato in un giornale locale, apprendiamo anche che la Securitaly aveva già noleggiato strumenti per la prima udienza del processo sulla strage della Costa Concordia.

Informazioni: SECURITALY – Web: www.securitaly.it

 

NEWS: Nuovo White’s MX5!


Notiziola interessante… La White’s ha iniziato la commercializzazione del nuovo modello: MX5. Basato sulla tecnologia MXT, ha un nuovo box e controlli completamente digitali. Stranamente, pur se alcuni rivenditori nazionali già pubblicizzano il modello, ne nel sito britannico che in quello statunitense della White’s è ancora presente il detector…

Qualche settimana fa, noi di AMD avevamo pubblicato alcuni “rumors” attribuiti a Carl Morelan (Engineering Manager White’s) dove appunto si faceva cenno ad una nuova versione di MXT dotata di box resistente a spruzzi d’acqua e pioggia (“weatherproof”) . Possiamo quindi dire che… Mr. Moreland non racconta balle! 😀

Andando ad attingere altre notizie dalla rete, abbiamo scoperto che l’MX5 è dotato di un sistema di discriminazione notch (“a tacche”) con 20 zone. E’ dotato di multi tono (a 1, 2 o 8 toni), identificazione numerica VDI a 191 valori e pinpointer VCO.

Ha 4 modalità di utilizzo: Coin & Jewelry, Beach, Pinpoint e All Metal.  Ovviamente può utilizzare tutte le piastre disponibili per MXT/MXT PRO/M6/DFX/V3 sia prodotte da White’s che da terze parti.

Un noto rivenditore/distributore americano ha anche reso note queste caratteristiche salienti dell’MX5:

  • Sistema di bilanciamento automatico AutoTrac®
  • Display retrolluminato con profondimetro
  • Identificazione Target con tacche e VDI
  • Beach Mode per la compensazione della mineralizzazione salina
  • Discriminazione notch programmabile
  • Pinpoint NO MOTION VCO
  • Sensibilità regolabile
  • Multitono a 1, 2 o 8 toni
  • Control Box resistente alle intemperie (pioggia, spruzzi d’acqua etc)
  • Jack cuffia da 1/4”
  • Piastra concentrica da 9″ di tipo “spider” immergibile in acqua
  • Durata batterie, oltre 20 ore
  • Peso: 1,76 kg
  • Frequenza Operativa: 14 kHz

Appena avremo altre info le comunicheremo…

Schermata 09-2456566 alle 13.49.00

Schermata 09-2456566 alle 13.47.53
Leonardo/”Bodhi3″
AMD Tech Team

NEWS: Il Detector OKM Black Hawk


Schermata 09-2456545 alle 14.02.24L’amico Francesco Ippolito ci ha segnalato un modello relativamente nuovo di detector Pulse Induction da parte della tedesca OKM: il Black Hawk.

Completamente digitale, promette faville sul campo… Per ora leggiamo con piacere le dichiarazioni del costruttore riportate dal nostro Francesco che, ovviamente, ringraziamo tantissimo per la collaborazione e per averci spedito il suo breve articolo.

L’OKM in catalogo ha numerosi modelli “fantasmagorici”, compresi alcuni Long Range Detector che tante polemiche hanno sollevato…

Chissà… Se magari un giorno potessimo provare il Black Hawk sul serio… Magari i nostri dubbi sarebbero subito fugati… in un verso o nell’altro…

Leonardo/”Bodhi3″
Direttore AMD Tech Team

——————-

OKM Black Hawk… Il Falco Nero del Pulse Induction?

(C) 2013 by Francesco Ippolito for AMDTT

Girando in rete, mi sono imbattuto in un sito di una nota azienda tedesca OKM che produce metal detector sofisticati, Georadar ed alcuni “celeberrimi” LRL . Leggendo le caratteristiche dei vari prodotti mi ha incuriosito uno in particolare: il Black Hawk.

Ho iniziato a leggere le poche informazioni riportate sul sito della casa produttice e a raccogliere informazioni nel web per approfondire di più su questo tipo di macchina.

Le notizie sono risultate molto interessanti; questo apparecchio è un Pulse Induction capace di operare sia in modalità MOTION che NO MOTION. Ha un sistema di bilanciamento del terreno semiautomatico e sfrutta, a quanto detto dai costruttori, una nuova tecnologia che offre elevatissime prestazioni di penetrazione su qualsiasi terreno. Il sistema ad impulsi della OKM pare sia in grado di rilevare meglio gli oggetti a maggiori profondità. L’azienda sostiente che questa tecnologia infatti usa un duplice sistema di ricerca simultaneo (impulsi e sensore SCMI, di cui però ignoriamo le specifiche tecniche) in grado di rilevare è riconoscere meglio il target, ed inoltre lavora con tecnologia ha singolo voltaggio (SVT) ed il suo “cuore” è un microprocessore da 600 Mhz.

Schermata 09-2456545 alle 14.03.16Come si può vedere qui sopra nelle immagini del box comandi, è possibile regolare le singole impostazioni con potenziometri distinti da vari colori ed associati appunto ognuno alle relative funzioni: il verde che regola l’interferenza, il rosso il ritardo del segnale, il blu la sensibilità mentre il giallo va a regolare la soglia. Su questo apparecchio è possibile utilizzare sia piastre monocoil che con bobine TX e RX.

La OKM sostiene che il Black Hawk possa discriminare metalli ferrosi e non ferrosi. Aggiunge inoltre che sia un metal adatto ha tutti i tipi di terreni, anche quelli fortemente mineralizzati e che le piastre in dotazione sono immergibili sia in acqua dolce che in quella salata (questo metal viene fornito di bobina standard da 36 cm)

Schermata 09-2456545 alle 14.02.49

Francesco Ippolito, che ci ha segnalato il Black Hawk

Francesco Ippolito, che ci ha segnalato il Black Hawk

E possibile acquistare come accessorio sia una bobina da 16 cm, ottimizzata appositamente per ricerche di oggetti molto piccoli come piccole pepite, monete sottili, gioielli e altri oggetti minuscoli o anche una branda di ricerca da 150×150 cm per ricerche di profondità elevate, che permette di individuare oggetti metallici di grandi dimensioni o camere sotterranee alla profondità massima dichiarata di 8 metri.

Dai video che la OKM ha pubblicato nel sito, il metal detector sembra molto intuitivo. E’ dotato di ampio display retroilluminato a LED ed ha una piccola torcia installata nel retro box per migliorare le ricerche notturne. Viene fornito di cuffie wireless e funziona con una batteria ricaricabile da 12 volts, che offre 6 ore di autonomia.

Il prezzo? Meglio non pubblicarlo… potrebbe farvi girare la testa…

Informazioni: OKM DETECTORS – Web: ww.okmmetaldetectors.com

NEWS: Un Nuovo video sul Garrett ATX (All Terrain Extreme)!


Capture2Sono passati solo pochi giorni dal primo “teaser” pubblicato su Youtube dalla Garrett sul loro prossimo modello che ecco che la casa texana svela altri particolari sulla nuova macchina. Sapevamo già che si trattava di una macchina Pulse Induction, ma ora nel nuovo video abbiamo scoperto che:

1) Avrà in dotazione standard una piastra DD da 12″ di nuova concezione

2) Come piastre accessorie saranno disponibili una monoloop da 8″ e una da 20″ per ricerche di profondità

Capture33) E’ immergibile in acqua fino a 10 piedi

4) Può operare sia in modalità motion che no motion

5) Dimostra un’ottima sensibilità su oggetti minuscoli

6) Ha in dotazione una batteria ricaricabile, caricabatterie e una cinghia di supporto

7) Il design è derivato dal loro modello militare AML 1000, ereditando quindi robustezza e collassabilità dell’asta.

8) Dovrebbe essere dotato di un certo livello di discriminazione

Capture9) Ha la possibilità di indicare la ferrosità con un apposito tono

10) Ha almeno 2 toni (HI-LOW) come l’Infinium

11) Ha un sistema di bilanciamento del terreno che permette l’uso sia su terreni mineralizzati che in acqua salata

Sperando di poter provare presto questo detector, vi lasciamo al nuovo video… sempre con Steve Moore come protagonista!

Leonardo/”Bodhi3″

AMD Tech Team

NEWS: In arrivo una nuova macchina da Garrett


In questi giorni sta circolando un “misterioso” video, prodotto dalla stessa Garrett Electronics, dove si mostra, anche se con un abile mascheratura elettronica, un nuovo modello che verrà lanciato ipoteticamente nell’autunno 2013.

Il nuovo detector, che attualmente viene indicato come Garrett EXTREME, dovrebbe essere basato, almeno da quanto scritto nel video, su una versione avanzata del Pulse Induction.

L'AML, Pulse Induction per uso militare della Garrett

L’AML, Pulse Induction per uso militare della Garrett

Anche se coperto da “pixelizzazione”, nel video si ha la netta sensazione che lo chassis della nuova macchina sia molto simile, se non identica, al modello militare prodotto dalla Garrett, il RECON PRO AML-1000.

Alcune indiscrezioni, mai ufficialmente confermate, confermano poi che già nel 2012 un prototipo della Garrett montato nella meccanica dell’AML-1000, fu testato anche nel nostro Paese.

Ecco il video ufficiale…

Per altro, altra cosa interessante da notare, durante il video (al minuto 1:04) si vede la piastra in primo piano per qualche istante. Mentre l’AML monta una piastra rotonda

Particolare della piastra

Particolare della piastra

monoloop, il nuovo prototipo sembrerebbe montare una piastra concentrica ovale di tipo “smudged”, ovvero con le estremità smussate.

Ovviamente AMDTT, non appena saranno disponibili altre informazioni, vi fornirà tutti i dettagli.

Leonardo/”Bodhi3″

Direttore AMDTT

NEWS: Siamo On-The-Air con RADIO AMD!


Schermata 2013-06-18 alle 16.49.22Ora l’AMDTT ha anche una Radio Internet: RAMD!
Ci divertiremo nei prossimi mesi a parlare di tutto ciò che fa Metal Detecting, con consigli, trucchi, interviste, spiegazioni tecniche e tanto tanto divertimento!

Ci saranno gli amici dell’AMDTT e anche numerosi ospiti esterni. Intervisteremo gli operatori di settore per conoscere le ultime novità e per farli rispondere ai quesiti dei nostri ascoltatori.

Per ascoltare le prime due puntate (ORRIBILI!!!!! Abbiate pietà… Siamo principianti!) cliccate sulla RADIO AMD a sinistra della pagina o andate sul link: http://bodhi3.wordpress.com/radio-amd/

Stay Tuned!!!

Leonardo/”Bodhi3″
Director AMDTT

AMDTT: 100.000 Visite al Blog!!!


100000-thank-youSono veramente felice di comunicare che oggi il blog AMDTT ha superato la quota di 100.000 (CENTOMILA!) visite!

Un ringraziamento di cuore a tutti i nostri fantastici lettori ed un grazie speciale a tutti i membri di AMDTT che hanno collaborato, con i loro articoli, al raggiungimento di questo entusiasmante traguardo.

La cosa che più mi ha sorpreso è che il 3 maggio 2012, esattamente un anno fa, pubblicavo un post dove festeggiavamo le prime 50.000 visite. In pratica, in soli 12 mesi abbiamo raddoppiato le visite ottenute tra novembre 2009, quando ho aperto il blog, e maggio 2012, quindi nei 31 mesi precedenti!

Grazie ancora!

Leonardo/”Bodhi3″

Direttore AMDTT

NEWS: Prossimamente su questa rete…ehm…Blog!


Ho deciso di pubblicare un piccolo annuncio “goloso” per mettervi a conoscenza delle novità che stiamo sviluppando in questi giorni.

Nel prossimo futuro infatti, sarà possibile leggere nuovi ed interessanti articoli scritti sia dai membri “storici” di AMDTT che da nuovi Affiliate Members che ancora non hanno pubblicato materiale su questo blog.

Eccovi, in breve, alcune anticipazioni…

Sergio/”Xergix” e Mauro/”Mauroki”  hanno testato la piastra DETECH SEF 6″x8″, la più piccolina della produzione del costruttore Bulgaro, nei modelli per Minelab E-TRAC e per White’s DFX/MXT/M6 (con un utilizzo parzialmente compatibile con Spectra V3/V3i/VX3)

PENTACON DIGITAL CAMERA

Matteo/”Matteofra” pubblicherà un’interessante field test delle piastre NEL montate sul suo Teknetics Omega 8000.

NEL

Il sottoscritto Leonardo/”Bodhi3″ sta effettuando una analisi comparativa della risposta delle 3 frequenze del White’s V3i a vari target comuni. Questo per studiare la possibilità di migliorare in maniera significativa la possibilità di identificare gli oggetti nel terreno.

Schermata 02-2456330 alle 12.33.29

Ario/”Ariok”, che si candida a diventare Affiliate Member di AMDTT, inizierà la pubblicazione dei suoi utili e divertenti progetti per migliorare la funzionalità e il piacere di ricerca. Strumenti, modifiche e idee semplici che tutti possono riprodurre, spendendo poco o nulla, per avere ancora più soddisfazioni dal nostro bellissimo hobby.

2cn861j

E tanto altro ancora…

Ci sono infatti altri progetti che stiamo sviluppando, in collaborazione con altri cercatori, e che sono sicuro vi stupiranno piacevolmente… Ma è ancora presto per svelare il segreto! 😀

Restate sintonizzati!

Leonardo/”Bodhi3″
Director AMDTT

PATENT PENDING: La Minelab è al lavoro?


Ogni tanto mi diverto a fare qualche ricerca sui brevetti depositati dalle aziende costruttrici di detector per rendermi conto dello stato dell’arte della progettazione e perchè questi documenti sono spesso pieni di interessanti spiegazioni tecniche che io, letteralmente, adoro.

In questi giorni mi sono imbattuto in qualcosa di veramente interessante…

Bruce Candy, fondatore e progettista capo della Minelab, ideatore delle tecnologie brevettate V-FLEX, Broad e Full Band Spectrum, SETA che tanti di noi utilizzano con grandissima soddisfazione nei propri detector, pare che in questi anni non sia affatto restato con le mani in mano. Mentre molte delle altre aziende più importanti introducevano nuovi modelli top di gamma, la White’s con lo Spectra V3, la XP il suo DEUS, la Garrett con l’AT PRO, la Minelab sembrava solo interessata ad aggiornare la sua linea Pulse Induction con l’introduzione di nuovi modelli della serie GPX. Ahimè questi prodotti, sia per la loro intrinseca funzionalità, sia per il loro esorbitante costo, sono davvero poco interessanti per l’hobbista medio. Tutti si aspettavano la famosa “contromossa” dell’azienda australiana che, per quanto riguarda i modelli hi-end destinati all’utenza amatoriale, era rimasta al suo celebre E-TRAC. La concorrenza, specie White’s e XP, in questi ultimi 2 anni ha sicuramente ridotto di molto la fetta di mercato della Minelab almeno nel nostro paese.

Ma davvero la Minelab è rimasta a guardare?

Io credo di no….

Spulciando nei siti dell’ufficio brevetti americano, risulta che la Minelab abbia richiesto la registrazione di diversi nuovi brevetti. Almeno 11 tra il 2007 e il 2012!

Vorrei condividere con voi uno degli ultimi e tra i più interessanti. Una premessa è però assolutamente doverosa. Il fatto che l’azienda abbia registrato un brevetto NON IMPLICA AUTOMATICAMENTE che tutto ciò si trasformerà in un vero prodotto. Ma è ovvio che, se si registra un brevetto, c’è effettivamente la volontà di proteggere un’idea che si pensa possa avere un certo valore in termini sia economici che tecnici. Solo il futuro saprà confermare o smentire quello che leggerete di seguito.

Il brevetto ha un nome molto intrigante: “REAL-TIME RECTANGULAR-WAVE TRANSMITTING METAL DETECTOR PLATFORM WITH USER SELECTABLE TRANSMISSION AND RECEPTION PROPERTIES” (Piattaforma di Metal Detector con trasmissione in tempo reale di onde rettangolari con proprietà di ricezione e trasmissione impostabili dall’utente).

Chi volesse cimentarsi con la lettura potrà trovarlo qui:

http://www.faqs.org/patents/app/20090315707

Non lasciamoci intimorire dal nome altisonante e iniziamo subito ad analizzare il titolo… La trasmissione di un onda rettangolare vuol dire potenzialmente due cose se viste da diverse prospettive:

1)     Se guardiamo il progetto da un punto di vista del Dominio delle Frequenze… Trasmettere un onda rettangolare significa trasmettere più frequenze contemporaneamente! Per capirci, come accade nel VLF tipo DFX, CZ-21, V3 etc

2)     Se invece ci mettiamo nella prospettiva del Dominio del Tempo… Trasmettere un onda rettangolare significa trasmettere un “treno di impulsi di durata variabile” come accade in molti Pulse Induction e nei BBS / FBS tipo E-TRAC, Explorer, Sovereign, Garrett Infinium etc.

Ma non tentiamo di “giudicare il libro dalla copertina” e andiamo a leggere l’abstract (sintesi) del brevetto:

A highly flexible real-time metal detector platform which has a detection capability for different targets and applications, where the operator is able to alter synchronous demodulation multiplication functions to select different types or mixtures of different types to be applied to different synchronous demodulators, and also different waveforms of the said synchronous demodulation multiplication functions; examples of the different types being time-domain, square-wave, sine-wave or receive signal weighted synchronous demodulation multiplication functions. The operator can alter the fundamental frequency of the repeating switched rectangular-wave voltage sequence, and an operator may alter the waveform of the repeating switched rectangular-wave voltage sequence and corresponding synchronous demodulation multiplication functions.

(Trad. Una piattaforma per metal detector molto flessibile ed operante in tempo reale che abbia la capacità di rilevare differenti target e possa avere differenti applicazioni, dove l’operatore sia in grado di modificare le funzioni di moltiplicazione della demodulazione sincrona per selezionarne tipologie differenti (o mix di queste) per l’applicazione ai citati demodulatori sincroni; esempi delle differenti tipologie possono essere  funzioni di moltiplicazione della demodulazione sincrona nel dominio del tempo, ad onda quadrata, ad onda sinusoidale o pesate con il segnale ricevuto. L’operatore può modificare la frequenza fondamentale della sequenza ripetuta di voltaggio ottenuto con onda rettangolare, e l’operatore potrà alterare la forma d’onda della medesima sequenza e le corrispondenti funzioni di moltiplicazione del demodulatore sincrono.)

Mi rendo perfettamente conto che questo linguaggio è piuttosto complicato anche per chi un po’ “mastica” di elettronica applicata di metal detecting. Cercando di mantenere semplice il discorso, quello di cui si occupa il brevetto, dopo un analisi degli attuali sistemi più comunemente utilizzati per i MD, è quello di descrivere un sistema che permetta all’utente di alterare alcune delle proprietà fondamentali della macchina, per adattarle ai vari contesti di ricerca ed alle tipologie dei target che si desidera cercare o che rappresentanto statisticamente i ritrovamenti più comuni.

Non solo quindi potremo cambiare la frequenza operativa principale ma potremo impostare la macchina in modo che sia in grado di trasmettere / ricevere più frequenze contemporaneamente scegliendo inoltre quelle che più saranno efficaci per il nostro tipo di ricerca e di target. E non solo! Sarà possibile operare anche nel dominio del tempo, creando quindi i presupposti per un approccio più simile ai Pulse Induction o ai BBS/FBS oppure lavorare con onde sinusoidali pure trasformando la macchina in un VLF monofrequenza ottimizzato.

La cosa più interessante è quindi il fatto che la Minelab si stia concentrando non su un preciso modo di funzionamento di un detector, ma su un sistema che permetta, quando implementato, di garantire una flessibilità praticamente illimitata all’utente. Il tutto, secondo il progettista, ad un costo basso!

Ora, questa è bellissima teoria… Non ci resta che aspettare e vedere se quelle menti geniali della Minelab riusciranno a produrre questa vera meraviglia!!!

E c’è di più… non è solo questo l’unico nuovo brevetto interessante della Minelab… Restate sintonizzati per altri dettagli….

Leonardo “Bodhi3”

NEWS: Nuovi modelli White’s e Garrett (in attesa dei Minelab)!


Finalmente un po’ di novità nel mercato!

In attesa dei nuovi prodotti GPX 5000 e 4800 della Minelab (in vendita a partire dal 30 agosto – Maggiori Info QUI), la White’s e la Garrett hanno provveduto ad smuovere un po’ le acque…

Le voci di corridoio erano già tante… ma stavolta la cosa è ufficiale!

La White’s, dopo l’MXT PRO (che verrà provato dal sottoscritto non appena nella disponibilità del distributore italiano),  ha iniziato la distribuzione del TDI PRO, successore del TDI 300, modello PI di punta della casa di Sweet Home (OREGON, USA). Poche ancora le notizie tecniche disponibili. A quanto pare il TDI PRO è dotato di un doppio controllo per il Ground Balance (Coarse + Fine), il controllo del volume e un filtraggio leggermente più aggressivo. A quanto pare nessuna vera rivoluzione anche se, ne sono certo, sarà stata migliorata la performance su terreni estremi.

Per quanto riguarda la ditta Texana (Garrett), è in commercio da pochi giorni il Garrett ACE 350. Testato anche su terreni italiani, ha sostanzialmente mantenuto la livrea dei predecessori 250 e 150. La prima differenza visibile è l’adozione di una bellissima piastra Doppia D (8.5″x11″) caratterizzata da smussature davanti e dietro.

Per quanto riguarda le altre differenze, c’è una migliore risoluzione discriminativa del ferro (4 segmenti), cuffie con controllo del volume (Finalmente!!) e la frequenze operativa innalzata a 8.25 KHz per migliorare la resa su oggetti piccoli e/o poco conduttivi.

Il multitono è a 3 toni ed il peso si attesta intorno a 1.27Kg. Tutto il resto sembra non essere stato toccato… almeno esteticamente.

Spero solo che abbiano risolto l’annoso problema dei falsi segnali che si ottengono urtando la piastra. Se fosse così, con le modifiche introdotte, la Garrett avrebbe nuovamente tra le mani l’ENTRY LEVEL di riferimento!

Maggiori informazioni nel sito www.garrett.com/ace350

Speriamo di poterlo provare presto!

Happy StayTuned Hunting!

Bodhi3